logo windoweb


Sei qui: Home > Fumo > La scienza scomoda

Dossier fumo

La scienza scomoda

(dossier realizzato da Windoweb.it per una più equilibrata visione del problema del vizio di fumare)

OFFERTE AMAZON







Argomenti pro e contro il fumo e i fumatori

Danni fumo

Presentazione

Cosa dicono i fumatori?

Che interesse ha lo Stato a mentire?

La scienza scomoda

La favola del fumo passivo

Commenti prof. Luik su rapporti EPA

Veronesi, l'Houdini della Sanità

I danni provocati dal fumo

Divieto di fumo, il testo del decreto

Cosa si fuma?

Humor da fumo

Consigli a chi fuma

Numeri e incongruenze

Statistiche ISTAT sul fumo passivo

Ambiguità di Stato

Una voce contraria

Links

Il mercatino del come smettere

Inquinamento (non da sigarette)

Benvenuto al ministro Sirchia

Per chiudere: sterminati i fumatori, a chi toccherà?

e Benvenuto anche al ministro Storace
Appendice: locali pubblici per fumatori, lista ristoranti, pub, discoteche in Italia dove è previsto uno spazio per fumatori





LA SCIENZA SCOMODA CHE NON SI LEGGE SUI QUOTIDIANI

Fino a quando la Environmental Protection Agency americana non rilasciò nel 1993 il suo Rapporto Ufficiale che classificava il fumo ambientale come un "noto carcirogeno", le forze antifumo in questo Paese [Stati Uniti e Canada] stavano perdendo la guerra proibizionista. Gli Americani, sia che fumassero o meno -- e indipendentemente dalle loro preferenze personali -- erano generalmente d'accordo sul fatto che il "salvare" in fumatore da se stesso non stava a nessuno -- governo incluso. Il consenso generale era quindi che, una volta che gli individui erano a conoscenza dei possibili rischi derivanti dall'uso del tabacco, la scelta stava a loro.

Ma quando lo spauracchio sui pericoli del fumo ambientale fu creato, il campo di battaglia cambiò radicalmente. Nonostante le serie obiezioni sollevate da molti onesti scienziati e ricercatori circa le conclusioni e affermazioni del Rapporto della EPA, il movimento anti-fumo ha usato con successo tale Rapporto per promuovere i suoi obiettivi proibizionistici. Da canto suo, i media hanno divulgato le affermazioni della EPA senza mettere al corrente il pubblico dell'esistenza di un forte dissenso, mentre i politici, sempre ansiosi di essere a bordo della giostra della "correttezza politica", si sono accodati a tale campagna.

Oggigiorno, non passa una settimana senza che qualcuno decida di denunciare i "pericoli" del fumo ambientale. Tali "pericoli" sono alla base dei divieti di fumare in tutti i luoghi pubblici della nazione, e i casi piu` estremi li abbiamo in California, dove fumare e` proibito in tutti i bar e ristoranti di quello stato.

Gli sforzi dei proprietari dei ristoranti e di altri esercizi commerciali in California e altrove, volti a convincere i politici che la determinazione dello "smoking" o "no smoking" nell'esercizio sta al proprietario, e il fatto che i clienti siano liberi di non andare in un ristorante che permetta di fumare, sono stati quasi del tutto ignorati. Neppure le sezioni fumatori/non fumatori soddisfano i proibizionisti, i quali affermano che la salute dei lavoratori nell'esercizio è a rischio per via del fumo ambientale.

Le affermazioni sui pericoli del fumo ambientale, pero`, non sono basate su fatti. Dei 25 studi che trattano la relazione tra fumo ambientale e rischio di cancro o malattie cardiache sul lavoro, solo uno studio [Fontham et al. 1994, "Environmental Tobacco Smoke and Lung Cancer in Nonsmoking Women", pubblicato del Journal of the American Medical Association l'8 Giugno 1994] riporta un generico incremento del rischio statistico. Ma anche in questo caso, l'incremento del rischio statistico riportato dallo studio era cosi` piccolo che, secondo gli standard stabiliti dal National Cancer Institute, tale incremento avrebbe potuto essersi verificato semplicemente per caso, o per tendeziosita` statistica, oppure per via dell'effetto di fattori confondenti del tutto sconosciuti.

Praticamente, tutti gli studi sono arrivati alla stessa conclusione: non si e` trovato alcun incremento di rischio statistico per i non fumatori che sono esposti al fumo passivo sul lavoro. Alcuni esempi, completi di citazioni dagli studi stessi sono elencati qui sotto. Quanto segue è la scienza "scomoda" che la stampa quotidiana non riporta:

Cosa dice l'EPA e quale dovrebbe essere invece la verità (testi in inglese):

http://www.geocities.com/CapitolHill/Parliament/4061/SUFAQS.html

"In genere, non si e` riscontrata un'elevazione di rischio di cancro polmonare associato col fumo passivo sul lavoro. ..."

Brownson et. al., 1992.

"Passive Smoking and Lung Cancer in Nonsmoking Women" (Fumo passivo e cancro polmonare in donne non fumatrici)

American Journal of Public Health, Novembre 1992, Vol. 82, Numero 11


"...un rapporto di probabilita` di 0.91 ... indica che non vi e` prova di effetto nocivo da parte del fumo ambientale sul lavoro"

Janerich et al., 1990

"Lung Cancer and Exposure to Tobacco Smoke in the Household" (Cancro polmonare e esposizione al fumo da tabacco nell'ambiente domestico) New England Journal of Medicine, 6 Settembre 1990

"... l'associazione con l'esposizione al fumo passivo sul lavoro fu piccola e senza significato statistico."

Kalandidi et al., 1990

"Passive Smoking and Diet in the Etiology of Lung Cancer among Non-Smokers" (Fumo passivo e dieta nella etiologia del cancro polmonare dei non-fumatori)

Cancer Causes and Control 1, 15-21, 1990


"Tra le donne esposte [al fumo passivo] solo al lavoro i rischi relativi multivariati totali per malattie cardiache coronarie fu di 1.49 ... tra le donne esposte solo occasionalmente, e di 1.92 ... tra le donne regolarmente esposte al fumo passivo [nessuna delle due cifre ha significato statistico secondo gli standard scientifici comunenmente accettati]."

Shimizu et al., 1988

"A Case-Control Study of Passive Smoking and Coronary Heart Disease" (Uno studio di caso controllo sul fumo passivo e malattie cardiache coronarie) Circulation, Vol. 95, Numero 10, 20 Maggio, 1997

"Non e` stata osservata alcuna associazione tra rischio di cancro polmonare e il fumo del marito, o il fumo passivo al lavoro."

Shimizu et al., 1988

"A Case-Control Study of Lung Cancer in Nonsmoking Women" (Uno studio di caso controllo sul cancro polmonare in donne non fumatrici)"

Tohoku J. Exp. Med., 154:389-397, 1988


"Non abbiamo rilevato un generico incremento di malattie cardiache coronarie associato con l'esposizione al fumo passivo sia al lavoro che in altri ambienti."

Steenland et al., 1996

"Environmental Tobacco Smoke and Coronary Heart Disease in the American Cancer Society CPS-II Cohort" (Fumo passivo e malattie cardiache coronarie nel gruppo CPS-II della Societa` Americana contro il Cancro)

Circulation, Vol. 94, Numero 4, 15 Agosto 1996


Articoli originali in inglese, dal ministero della salute - Australia: http://www.health.gov.au/nhmrc/advice/nhmrc/chap6/sec1.htm

"[Non si e` riscontrato] un incremento di rischio statistico associato con l'esposizione al fumo passivo da tabacco sul lavoro o durante attivita` sociali ... "

Stockwell et al., 1992 "Environmental Tobacco Smoke and Lung Cancer Risk in Nonsmoking Women" (Fumo passivo e rischio di cancro polmonare in donne non fumatrici)

Journal of the National Cancer Institute, 84:1417-1422, 1992


"Non c'e` associazione tra esposizione a fumo passivo sul lavoro e rischio di cancro polmonare."

Zaridze et al., 1998

"Exposure to Environmental Tobacco Smoke and Risk of Lung Cancer in Non-Smoking Women from Moscow, Russia" (Esposizione a fumo passivo e rischio di cancro polmonare in donne non fumatrici in Mosca, Russia)

International Journal of Cancer, 1998, 75, 335-338


Conclusioni come quelle sopracitate non sono riportate dai media. In certi casi sembra proprio che si cerchi di nascondere deliberatamente i fatti. Per esempio, quando la American Heart Association (societa` americana contro le malattie cardiache) emise un comunicato stampa su uno studio pubblicato nel 1996 da Steenland et al., nascose il fatto che questo studio, il piu` grande mai fatto sulla relazione tra fumo passivo e malattie cardiache coronarie, non trovo` alcun effetto nocivo derivante dall'esposizione al fumo passivo sul lavoro.

Le persone interessate, siano esse fumatrici o non fumatrici, devono rendersi conto che, se desiderano dati scientifici accurati sugli effetti del fumo passivo, non li troveranno certamente ne` nei media, ne` nei politici, e neppure presso le autorita` sanitarie.

Martha Perske

Martha ha speso molti degli ultimi anni a ricercare con estremo rigore scientifico fatti e dati sul fumo passivo. Martha è un membro di FORCES e dell'American Smokers Alliance.

Articolo tratto da: Forces

Fumo negli occhi. Le crociate contro il tabacco e altri piaceri della vita

Un autentico cartello sanitario sta distorcendo la percezione del rischio e trasformando in cause di morte anche le cause di vita: dopo le etichette terrorizzanti per le sigarette ne prepara altrettante per cibi e vini, e combatte i profumi, bandisce l'incenso nelle chiese, colpevolizza la pigrizia e la vecchiaia. L'uomo moderno sta rinunciando alla possibilità di essere felice in cambio di un po' di sicurezza, ma rischia di dimenticare che si muore perchè si vive.

Di Filippo Facci Acquista il Libro on-line su iBS

Libri sul fumo

Clicca qui per vedere tutti i titoli di libri e DVD sul fumoLibri acquistabili sul fumo
Tabella dati relativi al fumo passivo - valori dei derivati emessi col fumo di sigarette in ambiente chiuso
Componenti fumo indiretto (sidestream smoke) Emissione componenti

fumo indiretto

mg/sigaretta
TLV (limite legale di sicurezza) mg/m3 Sigarette

necessarie per avere il danno
Metilcloride 0,88 0,30 1.170
Acetaldeaide 1,26 180,00 1.430
Ossidi d'Azoto 2,80 50,00 1.780
Fenolo 0,25 19,00 7.600
Benzene 0,24 32,00 13.300
Dimetilamine 0,036 18,00 50.000
Benzo(a)pirene 0,00009 0,20 222.000
Polonio 0,4pCi 3pCi/l 750.000
Toluene 0,000035 375,00 1.000.000
Esempio: Una sigaretta emette 0,24 mg di benzene. Il limite legale di milligrammi per metro cubo è stabilito in 32mg.

Dunque per produrre un danno da benzene dovuto a inalazione di fumo passivo in un locale ermeticamente chiuso bisognerebbe prima avervi fumato 13.300 sigarette. Per il toluene ne servirebbero 1 milione.

Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare