logo windoweb


Sei qui: Home > Fumo > La favola del fumo passivo


Dossier fumo

La favola del fumo passivo

(dossier realizzato da Windoweb.it per una più equilibrata visione del problema del vizio di fumare)

OFFERTE AMAZON







Argomenti pro e contro il fumo e i fumatori

Danni fumo

Presentazione

Cosa dicono i fumatori?

Che interesse ha lo Stato a mentire?

La scienza scomoda

La favola del fumo passivo

Commenti prof. Luik su rapporti EPA

Veronesi, l'Houdini della Sanità

I danni provocati dal fumo

Divieto di fumo, il testo del decreto

Cosa si fuma?

Humor da fumo

Consigli a chi fuma

Numeri e incongruenze

Statistiche ISTAT sul fumo passivo

Ambiguità di Stato

Una voce contraria

Links

Il mercatino del come smettere

Inquinamento (non da sigarette)

Benvenuto al ministro Sirchia

Per chiudere: sterminati i fumatori, a chi toccherà?

e Benvenuto anche al ministro Storace
Appendice: locali pubblici per fumatori, lista ristoranti, pub, discoteche in Italia dove è previsto uno spazio per fumatori





LA FAVOLA DEL FUMO PASSIVO

non c'è relazione causale tra fumo passivo e malattie.

E' STATA D'ACCORDO ANCHE LA CORTE FEDERALE AMERICANA - Visto che in America, differentemente dall'Italia, le autorità sanitarie possono essere portate in tribunale anche se sono ai vertici dello Stato, la Corte federale americana condannò nel 1998 la Environmental Protection Agency per truffa e falsa rappresentazione dell'evidenza sul fumo passivo, condannandola a rimuoverlo dalla lista dei cancerogeni.

CLICCA QUI PER ULTERIORI INFORMAZIONI SULLA SENTENZA DELLA CORTE FEDERALE
WASHINGTON D.C. - Il fumo passivo uccide? Sì, no, forse. Quella che sembrava infatti un'assodata certezza scientifica, è messa a dura prova dalla Corte Federale del North Carolina. La sentenza risale al 1998, ma solo di recente

è stata resa pubblica: grazie a Internet. Il world wide web è uno spazio corsaro, non conosce censure. Né quelle dei colossi del tabacco, né quelle delle multinazionali farmaceutiche.

E all'industria dell'aspirina, il verdetto del tribunale del North Carolina non può certo far piacere: nelle novanta e passa pagine del malloppone firmato dal giudice Osteen, e pubblicato dall'associazione "Forces" (i vendicatori mascherati della nicotina libera), l'allarmismo sul fumo passivo "cancerogeno" viene liquidato come "frode scientifica".

Nel mirino del giudice Osteen c'è l' Environmental Protection Agency, la branca del governo americano che, in uno studio intitolato "Respiratory Health Effects of Passive Smoking: Lung Cancer and Other Disorders", aveva denunciato con autorevolezza i pericoli del fumo passivo.

Correva l'anno 1992. La Corte del North Carolina oggi impone all'E.P.A. di sbianchettare il rapporto incriminato: di "cancellare, annullare, rettificare" le conclusioni dei capitoli dal primo al sesto. Perché? Esaminiamo in dettaglio la sentenza.

In primo luogo, l'agenzia governativa per la protezione dell'ambiente sosteneva che il fumo avesse un "considerevole impatto sulla salute pubblica". Falso: il giudice Osteen ribatte che non c'è evidenza scientifica a sostegno di questa tesi.

Dovevano essere tremila l'anno i morti di cancro polmonare riconducibile al fumo passivo: ma anche qui non ci sono prove, ribatte la Corte. Come non ve ne sono che l'esposizione al fumo porti dai centocinquantamila ai trecentomila bambini l'anno ad avere dissesti respiratori: o che il fumo passivo sia un fattore di rischio in grado di rendere asmatici "dai duecentomila a un milione di ragazzi sotto i 18 anni".

Crolla il castello di sabbia del cartello anti-tabacco: la censura che la Corte del North Carolina impone all'osservatorio sull'ambiente americano, e a Kenneth Brown che di quello studio era l'estensore, è sicuramente il colpo più duro inferto alle leggi politicamente corrette. Che pure continuano a godere di immensa fortuna. Soprattutto in quegli "stati" americani che sono saldamente nelle mani del Partito Democratico.

Ad esempio, il Maryland e la California: quella del Maryland è una storia curiosa. Si tratta in larga parte di uno stato "conservatore", fatto di ventuno contee di cui diciotto esprimono regolarmente rappresentanti repubblicano. Però le altre sono appiccicate a Washington, la capitale degli States, e fanno da città dormitorio per i funzionari del governo federale: sbirri e burocrati di vario genere. Che votano, giustamente, col portafogli, cioè democratico. Tanto basta per il Maryland per ritrovarsi con l'amministrazione più "liberal" di tutto il Paese: un'economia pesantemente controllata, un'imposizione fiscale "sovietica", un rigidissimo "no smoking" in tutti i luoghi pubblici. A Friendship Heights, chiunque viene sorpreso a fumare in giardino deve sborsare 100 dollari di multa.

La California, finita l'era Reagan, è diventata anch'essa un feudo del partito di Bill Clinton: merito del meticciato, si tratta dello stato con la più alta percentuale di ispanici ed asiatici. Per questo, oltre alle norme sul salario minimo che ricordano da vicino la Germania hitleriana, la California vanta il singolare primato del proibizionismo. Pensate che a West Hollywood (Los Angeles), il consiglio comunale ha autorizzato i cittadini a sporgere denuncia se dalle finestre o dalla porta entra in casa loro il fumo di un vicino. Singolare provvedimento che si applica alle sigarette, ma non

al barbecue.

La giustificazione di tutte queste leggi è sempre stata che lo si fa "per il bene di tutti", e specialmente "per il bene dei bambini", che sono di colpo diventati i principali protagonisti della politica americana: se si bombarda il Kossovo, "è per i bambini". Se si chiudono i siti Internet, "è per i bambini". Se si proibisce di fumare in pubblico, è sempre "per i bambini". La Corte del North Carolina ha sferrato un colpo decisivo a questo refrain contestando la metodologia delle ricerche sul fumo passivo, e dunque i loro risultati. Fra parentesi, lo studio della E.P.A. è stato come un boomerang:

infatti, applicava al fumo passivo un coefficiente di rischio di 1,19. E, di norma, i ministeri della sanità intervengono con atti "pubblici" se il rating raggiunge almeno i 2 punti (addirittura i 2,5). Come dire che, in condizioni normali, e senza le pressioni della lobby anti-tabacco, nessuno avrebbe mai potuto pensare che il fumo passivo fosse un fattore ad alta pericolosità.

Ciononostante, la E.P.A. ha tentato fino all'ultimo di bloccare la pubblicazione della sentenza: due anni per poterla leggere, e per giunta solo su Internet (www.forces.org), non sono pochi. I film hollywoodiani, e i libri di John Grisham, ci hanno insegnato a diffidare delle "multinazionali del tabacco". E se le lobby anti-nicotina non fossero migliori?

Alberto Mingardi

Alberto Mingardi è visiting fellow dell'Atlas Economic Research Foundation (Fairfax VA). Editorialista del quotidiano "Libero - Opinioni nuove" (Milano), è membro del Comitato Scientifico di "Fondazione Liberal"(Roma) e direttore editoriale della Leonardo Facco Editore (Treviglio). Il suo ultimo libro è "Fuga dallo Stato - Il pensiero forte nell'epoca di Internet" (Facco, 2000).

Fumo negli occhi. Le crociate contro il tabacco e altri piaceri della vita

Un autentico cartello sanitario sta distorcendo la percezione del rischio e trasformando in cause di morte anche le cause di vita: dopo le etichette terrorizzanti per le sigarette ne prepara altrettante per cibi e vini, e combatte i profumi, bandisce l'incenso nelle chiese, colpevolizza la pigrizia e la vecchiaia. L'uomo moderno sta rinunciando alla possibilità di essere felice in cambio di un po' di sicurezza, ma rischia di dimenticare che si muore perchè si vive.

Di Filippo Facci Acquista il Libro on-line su iBS

Libri sul fumo

Clicca qui per vedere tutti i titoli di libri e DVD sul fumoLibri acquistabili sul fumo
Tabella dati relativi al fumo passivo - valori dei derivati emessi col fumo di sigarette in ambiente chiuso
Componenti fumo indiretto (sidestream smoke) Emissione componenti

fumo indiretto

mg/sigaretta
TLV (limite legale di sicurezza) mg/m3 Sigarette

necessarie per avere il danno
Metilcloride 0,88 0,30 1.170
Acetaldeaide 1,26 180,00 1.430
Ossidi d'Azoto 2,80 50,00 1.780
Fenolo 0,25 19,00 7.600
Benzene 0,24 32,00 13.300
Dimetilamine 0,036 18,00 50.000
Benzo(a)pirene 0,00009 0,20 222.000
Polonio 0,4pCi 3pCi/l 750.000
Toluene 0,000035 375,00 1.000.000
Esempio: Una sigaretta emette 0,24 mg di benzene. Il limite legale di milligrammi per metro cubo è stabilito in 32mg.

Dunque per produrre un danno da benzene dovuto a inalazione di fumo passivo in un locale ermeticamente chiuso bisognerebbe prima avervi fumato 13.300 sigarette. Per il toluene ne servirebbero 1 milione.

Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare