logo windoweb


Sei qui: Home > Fumo > Cosa si fuma

Dossier fumo

Cosa si fuma?

(dossier realizzato da Windoweb.it per una più equilibrata visione del problema del vizio di fumare)

OFFERTE AMAZON







Argomenti pro e contro il fumo e i fumatori

Danni fumo

Presentazione

Cosa dicono i fumatori?

Che interesse ha lo Stato a mentire?

La scienza scomoda

La favola del fumo passivo

Commenti prof. Luik su rapporti EPA

Veronesi, l'Houdini della Sanità

I danni provocati dal fumo

Divieto di fumo, il testo del decreto

Cosa si fuma?

Humor da fumo

Consigli a chi fuma

Numeri e incongruenze

Statistiche ISTAT sul fumo passivo

Ambiguità di Stato

Una voce contraria

Links

Il mercatino del come smettere

Inquinamento (non da sigarette)

Benvenuto al ministro Sirchia

Per chiudere: sterminati i fumatori, a chi toccherà?

e Benvenuto anche al ministro Storace
Appendice: locali pubblici per fumatori, lista ristoranti, pub, discoteche in Italia dove è previsto uno spazio per fumatori





Cosa si Fuma ?



Le sostanze che si aspirano dalle sigarette sono parecchie ed ognuna di queste causa danni più o meno gravi. Vediamole. Molti studi sono stati fatti sul tabacco, ma solo in epoca recente e mirati tutti a conoscere a fondo la sostanza e i suoi componenti per poter capire meglio gli effetti nel tempo.

E' importante conoscere ciò che si introduce nei polmoni fumando e cosa contengono le sigarette oggi: per le sigarette vengono utilizzate le foglie del tabacco essiccate e trattate con diversi additivi e aromatizzanti chimici che danno sapori omogenei e caratteristici propri delle diverse marche; oggi si utilizzano miscele composte da vari tipi di tabacco e da altri ingredienti tenuti nascosti dai produttori. PENSACI su.

Quando il fumatore "tira", inspira direttamente il fumo prodotto dal tabacco che brucia, il quale agisce su labbra, cavità orale, gola, trachea; inoltre bisogna considerare il fumo prodotto dalla trasformazione della sigaretta in brace che, attraverso il naso, raggiunge anch'esso la trachea dove si concentrano i due tipi di fumo.

Dalla combustione del tabacco e della carta che lo avvolge si sprigiona un fumo contenente 4.000 sostanze diverse delle quali 40 considerate cancerogene. Si tratta di sostanze irritanti e fortemente dannose per l'apparato respiratorio come l'acido cianidrico, l'acroleina, la formaldeide, l'ammoniaca, il monossido di carbonio e l'acido prussico. Di molti componenti si conosce anche il dosaggio perfetto per sigaretta.

Per esempio: 1,3 - Butadiene, 1-Aminonaftalene, 1-Metilpirrolidine, 2-, 3- e 4-Metilpiridine, 2,5-Dimetilpirazina, 2-Aminonaftalene, 2-Nitropropano, 3-Aminobifenile, 3-Etenilpiridina, 4-Aminobifenile, 4-N-nitrosometilamino)-1-(3-piridil)-1-Butanone (NNK), Acetaldeide, Acetone, Acroleina, Acrilenitrile, Ammoniaca, Arsenico, Benzantracene, Benzene, Benzopirene, Benzofluorantene, Berillio, Biciclohexil, Butiraldeide, Cadmio, Monossido di Carbonio, Catechol, Clorati Diossine e Furani, Cromo, Crisene, Crotonaldeide, Cicloesano, Ciclopentano, Dibenzacridina, Dibenzantracene, 7H-Dibenzocarbazolo, Dibenzopirene, Dimetilamina, 1,1-Dimetilidrazina, Etilammina, Etilbenzene, Formaldeide, Furfural, Idrazina, Cianuro di Idrogeno, Idrochinone, Indeno(1,2,3-c,d)pirene, Isoprene, Piombo, m+p-Cresolo, Mercurio, Metile acrilato, Metile clorato, 5-Metilcrisene, Metil etil chetone, Metilamina, Metilpirazina, Nickel, Nicotina, Ossido Nitrico, Nitrogeno diossido, 2-Nitropropana, N-nitrosoanabasina (NAB), N-nitrosoanabatina (NAT), N-nitroso-n-butilamina, N-nitrosodietanolamina, N-nitrosodietilamina (NDEA), N-nitrosodimetilamina (NDMA), N-nitrosoetilmetilamine, N-nitrosomorfolina, N-nitrosonornicotina (NNN), N-nitrosopirrolidina, 0-Cresolo, Fenolo, Polonio-210, Propionaldeide, Piridina, Pirrolo, Pirrolidina, Chinolina, Resorcinolo, Selenio, Stirene, Catrame, Toluene, 2-Toluidina, Trimetilamina, Uretano, Vinile acetato, Clorato di Vinile, Xilene.

La loro azione interviene direttamente sulla mucosa di rivestimento dei bronchi e in particolarmente sulle cellule provviste di ciglia che servono alla pulizia dei bronchi e che impediscono l'entrata nel polmone alle polveri, ai germi e alle sostanze tossiche in genere. Vengono così ostacolati i meccanismi di difesa dei polmoni, si favoriscono infezioni perché gli organi sono più esposti e indeboliti. Se l'azione irritante continua, viene alterato anche il normale processo di rinnovamento cellulare dei polmoni. La continua azione irritante del fumo finisce per provocare la tosse, un'eccessiva secrezione di muco e, con il passare del tempo, anche patologie come la bronchite cronica e l'enfisema polmonare.

Il primo sintomo di questi effetti dannosi sono proprio la tosse e il catarro che il fumatore accusa preferibilmente al mattino.

Il fumo delle sigarette contiene anche 24 metalli tra i quali il cadmio che nel sangue dei fumatori è da 3 a 4 volte superiore rispetto ai non fumatori. Altra presenza pericolosa è quella rappresentata dal benzolo, che nuoce specialmente agli organi emopoietici e può essere quindi causa di leucemie. Altro costituente della parte corpuscolata è il catrame, che in realtà è composto a sua volta da centinaia di sostanze di sicuro effetto cancerogeno sull'apparato respiratorio, sul cavo orale, sulla gola e sulle corde vocali; tra le sostanze, comprese sotto il nome di catrame , le più pericolose sono il benzopirene e gli idrocarburi aromatici capaci di attraversare la placenta e di causare effetti tossici cumulativi. Immediato risultato del catrame è il colore giallo dei denti, il gusto di amaro in bocca e l'irritazione alle vie respiratorie.

Il monossido di carbonio, che è un gas tossico, sprigionatosi dalla sigaretta accesa ,e quindi dal suo fumo, viene immesso nei polmoni con la respirazione, si lega all'emoglobina del sangue, data la sua capacità di legame 325 volte superiore a quella dell'ossigeno, la blocca, in una percentuale persino del 15% nel forte fumatore, e riduce così la possibilità del sangue di trasportare ossigeno ai tessuti Il risultato di questo è che i tessuti sono parzialmente privati di ossigeno e il cuore deve lavorare con un impegno maggiore; si ha una degenerazione adiposa dei vasi e la loro calcificazione, la pelle invecchia precocemente, i capelli sono più deboli e il rendimento fisico cala.

Il filtro della sigaretta può parzialmente ridurre la quantità delle sostanze che arrivano nelle vie respiratorie, ma certo non è in grado do eliminarle.

Sicuramente l'elemento che maggiormente determina assuefazione e che fa del fumo una delle tossicodipendenze più pericolose è la nicotina contenuta nella sigaretta: è un forte alcaloide naturale presente nelle foglie del tabacco con una percentuale di concentrazione compresa tra 2 e 8%, quantità questa non particolarmente tossica anche grazie al fatto che la sostanza viene eliminata rapidamente dal fegato. E' un eccitante che accelera i battiti cardiaci e sottopone il cuore ad un maggior lavoro, ma i suoi effetti sul sistema nervoso sono anche più duraturi: l'inalazione del fumo è un metodo straordinariamente efficace per apportare nicotina al cervello dove si verificano alterazioni a livello psichico e si crea la dipendenza, infatti chi l'aspira si abitua con facilità e desidera altra sostanza fino a quando non riesce più a farne a meno. La nicotina viene assorbita a livello polmonare, entra nel circolo sanguigno e raggiunge il cervello in 8/10 secondi dove stimola la liberazione di un mediatore chimico (dopamina) e modifica la trasmissione degli impulsi nervosi che acquistano così un effetto quasi eccitante e, di conseguenza, attivano funzioni cerebrali legate all'attenzione, alla concentrazione e all'umore, inoltre viene favorito il rilassamento e si determina la riduzione di stress. Provoca il rilascio di altri neurotrasmettitori, come ad esempio l'adrenalina, che danno come una sferzata alla mente e al corpo fornendo l'impressione di un potenziamento fisico e mentale.

Il cervello invaso dalla nicotina ad ogni tirata del fumatore subisce effetti sia attivanti che sedativi e rilassanti.

L'insieme di tutte queste azioni e specialmente il cambio continuo di concentrazione di nicotina nel cervello determina la dipendenza, perché dopo l'effetto eccitante iniziale subentra un secondo momento di depressione che spinge ad accendere nuovamente una sigaretta e ad aumentare la dose di fumo per mantenere costante il livello di nicotina nell'organismo.

Il fumatore accanito, infatti, arriva ad accendere una sigaretta ogni 15/30 minuti, perché proprio questo è il lasso di tempo occorrente per eliminare la dose di nicotina di una sigaretta.

La nicotina è anche responsabile della diminuzione dello stimolo della fame e del calo ponderale che spesso si determina nei fumatori .

Il problema della dipendenza diventa molto grave quando si vuole smettere di fumare, perché in questo caso si manifesta una vera crisi di astinenza, con una voglia irrefrenabile di fumare, irritabilità, aumento dell'appetito e difficoltà a dormire.

Questi sintomi si manifestano velocemente, dopo poche ore di sospensione dal fumo, raggiungono la massima intensità nei giorni successivi e generalmente durano circa 4 settimane. Il rischio è l'instaurarsi di un circolo vizioso che inizia con la ricerca di sensazioni piacevoli e stimolanti attraverso il fumo, mantenute tali dall'effetto della nicotina e finisce con il consumo continuato ed eccessivo di sigarette per riuscire ad annullare i sintomi di astinenza.

Tutto ciò ricorda in parte la dipendenza ottenuta con l'uso di altre droghe, come la cocaina o l'anfetamina, anche se pare che la nicotina abbia un maggior potere di indurre alla dipendenza di quanto ne abbiano altre sostanze, tanto che ultimamente è stata dichiarata droga a tutti gli effetti.

Purtroppo i produttori di sigarette erano a conoscenza della capacità della nicotina di dare dipendenza, e l'hanno persino rafforzata aggiungendo ammoniaca nel tabacco, ma hanno tenuto nascosti i dati delle loro ricerche con molta attenzione, perciò oggi si pensa che la scelta di non informare l'utente sui rischi fosse stimolata proprio da questa proprietà della sostanza che ha reso dipendenti dal Fumo (e quindi compratori di sigarette) milioni di persone. Dal 1990 esistono leggi che regolano il contenuto di nicotina e ne limitano in 1,2 mg. la quantità massima possibile per sigaretta.

Esiste anche la dipendenza psicologica, variabile da un individuo all'altro, che si aggiunge, e peggiora, a quella fisica. Alcuni test valutano il grado di dipendenza basandosi sul numero di sigarette fumate quotidianamente, sulla capacità di resistere al desiderio, sull'inalazione di fumo e sulla velocità con cui si cerca di attenuare i sintomi di astinenza Alcuni esperti raccomandano di fumare la sigarette fino a un massimo di 2/3 perché le prime boccate sono meno dannose grazie al fatto che il filtro e il tabacco assorbono la nicotina e il catrame. Nella parte finale della sigaretta il tabacco, che viene inalato e fumato, è così saturo di nicotina e di altri composti chimici da inondare le pareti polmonari con catrame liquido in una quantità tale da causare secrezioni maggiori che quelle avute durante il fumo degli altri 2/3 di sigaretta.

Tratto da: http://www.nonfumatori.it/nf_rub/nf01.htm

Fumo negli occhi. Le crociate contro il tabacco e altri piaceri della vita

Un autentico cartello sanitario sta distorcendo la percezione del rischio e trasformando in cause di morte anche le cause di vita: dopo le etichette terrorizzanti per le sigarette ne prepara altrettante per cibi e vini, e combatte i profumi, bandisce l'incenso nelle chiese, colpevolizza la pigrizia e la vecchiaia. L'uomo moderno sta rinunciando alla possibilità di essere felice in cambio di un po' di sicurezza, ma rischia di dimenticare che si muore perchè si vive.

Di Filippo Facci Acquista il Libro on-line su iBS

Libri sul fumo

Clicca qui per vedere tutti i titoli di libri e DVD sul fumoLibri acquistabili sul fumo
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare