logo windoweb


Foto gratis Home Page sito Storia Computer

Sei qui: Home > Storia computer > Racconto di Attilio Romita

Racconto di Attilio Romita

"Computer, Ordinateur, Elaboratori .

Forse Cervelloni!"

UN PO' DI STORIA

QUI COMINCIA L'AVVENTURA.

OFFERTE AMAZON



Tutto ebbe inizio nel 1959 quando il padre di un mio amico ricevette l'invito per la presentazione di un certo ELEA 9003 della Olivetti.

Roberto, il figlio, ed io andammo a sentire di che si trattava.

Ho scoperto molti anni dopo che uno dei primi veri computer elettronico a transistor era stato progettato e costruito in Italia quando ancora alcuni grandi laboratori universitari ed alcuni mitici "enti militari americani" avevano saloni con strani apparati pieni di suoni, colori e luci denominati cervelli elettronici.

La storia degli strumenti che l'uomo ha pensato, progettato e costruito per avere un ausilio nello sviluppo di calcoli è lunga e forse inizia con quel nostro progenitore che ha fatto dei piccoli segni sul muro di una caverna per vedere se tutte le sue pecore erano rientrate.

Nei diecimila anni seguenti la tecnica di calcolo non ha fatto grandi progressi fino ad arrivare a tempi storici in cui scienziati medio orientali, i veri Maghi della storia cristiana, erano capaci di fare complessi calcoli astronomici contando .

sulle punte delle dita.

E questo .

metodo di calcolo è andato avanti per molti secoli talvolta aiutato da avanzati strumenti quali l'abaco o pallottoliere.

Olivetti ELEA 9003
Olivetti Divisumma Tutti i cambiamenti che ci hanno portato agli strumenti attuali sono iniziati molte migliaia di anni fa, ma hanno avuto uno sviluppo pratico percepibile negli ultimi centocinquanta anni.

Inizialmente le macchine di calcolo erano capaci di fare operazioni singole su numeri a molte cifre con velocità accettabili, ma con il limite di un'operazione per volta che operava su i dati di volta in volta immessi dall'operatore.

Queste macchine erano elettromeccaniche e davano risultati veloci.

se non si inceppavano.

Ovviamente il molto veloce è relativo e come esempio posso darvi questo dato: la Olivetti Divisumma nel 1968 per fare una semplice divisione quale 999.

999.

999 diviso per 1 (uno) impiegava 47 secondi!
E la Divisumma era una macchina d'avanguardia.

Insieme all'esigenza di fare rapidi calcoli singoli nascevano altre due necessità: calcolo di formule complesse partendo da un numero limitato di valori iniziali e calcolo con formule semplici di un numero notevole di dati.

Per ambedue le necessità valeva anche un altra esigenza: poter conservare lo schema di calcolo per evitare di doverlo impostare ogni volta.

Le tabulatrici non erano altro che grosse calcolatrici elettromeccaniche alle quali i dati, invece che dalle dita dell'operatore, venivano fornite dal lettore di schede cioè un organo che con "minidita sensibili" si accorgeva del buco in una scheda.

Le macchine a schede con vari abbellimenti e perfezionamenti, ma sostanzialmente sempre uguali sono durate per gli usi industriali sino a circa il 1950 e per usi scientifici e militari sino al primo conflitto mondiale.

Nel 1967, nel Centro Meccanografico, così si chiamava allora, di una Compagnia di Assicurazioni per la quale lavoravo esisteva ancora il mitico MOLTIPLICATORE OLIVETTI.

Questo mostro grande quanto un trattore di medie dimensioni, era capace di "leggere" da una scheda perforata due numeri di 7 cifre, di calcolare il loro prodotto e di perforare sulla stessa scheda il risultato; il tutto alla pazzesca velocità di circa 6 schede al minuto.

Nello stesso periodo esistevano anche macchine elettromeccaniche che lavoravano realmente a velocità impressionante: le selezionatrici.

schede perforate per contabilita
Enigma a 3 motori Queste macchine permettevano di mettere in ordine le schede secondo sequenze ben definite come il codice identificativo o il nome.

Non era un lavoro fisicamente semplice.

Per esempio per avere le schede ordinate secondo la sequenza di un codice di 6 posizioni come il numero di polizza occorreva ripassare 6 volte le schede nella selezionatrice stando attenti a non fare errori tra un passaggio e l'altro.

Queste macchine leggono le schede ad una velocità di oltre 2000 schede al minuto e le suddividono in dodici caselle diverse: è una velocità quasi impensabile tenendo presente che un uomo a mano riesce a dividere un pacco di documenti in dieci gruppi ordinati ad una velocità di circa 30 pezzi al minuto.

Nel 1939 ebbe inizio la Seconda Guerra Mondiale e questo evento, per molti versi negativo, fece fare un salto di qualità alla tecnica degli elaboratori.

La prima necessità che si presentò fu quella di cifrare e decifrare rapidamente i messaggi che l'avversario si scambiava.

Per fare questo occorrevano strumenti capaci di fare un numero notevole di analisi in breve tempo.

Inizialmente furono usati strumenti elettromeccanici, il celebre ENIGMA, poi si cominciò a pensare all'elettronica che in quel periodo si basava essenzialmente sull'uso di valvole termoioniche, cioè quella ampolle di vetro con all'interno un circuito elettronico capace di reagire in modo controllato a variazioni esterne.

Purtroppo la valvola termoionica ha una limitata capacità di lavoro e scalda molto.

Per avere risultati reali occorreva mettere in batteria qualche migliaio di valvole installate su di una centrale di raffreddamento.

Queste esperienze dettero buoni risultati, ma non potevano avere usi industriali perché si trattava di macchine costose, enormi, complicate e che si rompevano continuamente.

Dal primo Colossus e da Harward Mark 1 (il popolare Bessie) si passò al mastodonte per eccellenza:ENIAC, 17000 valvole, 70.

000 resistenze e 10.

000 condensatori, ma 300 moltiplicazioni al secondo.

Elaboratore Colossus
Elaboratore Eniac La potenza assorbita è di 174 kilowatt: uno scaldabagno tradizionale da 80 litri assorbe 1 kw.

In aggiunta rompeva mediamente ogni 5 ore e mezza e bruciava 20.

000 valvole l'anno.

Il destino dei calcolatori a valvole sarebbe stato segnato se nel 1947 tre ricercatori americani, Bardeen, Houser e Bradford, usando pezzettini di silicio non puro, avessero inventato il TRANSISTOR, una "cosa" che funzionava come una valvola, non si rompeva, era grande un millesimo di una valvola ed assorbiva potenza ed emetteva calore in proporzione.

Da qui in avanti l'evoluzione dei calcolatori diventa impetuosa, le potenze elaborative si moltiplicano di momento in momento, le schede perforate che possono contenere pochi dati sono sostituite da nastri e dischi e il Centro Meccanografico diventa più pomposamente Centro Elaborazione Dati.

Per dare una prova tangibile di questo cambiamento vi narro un fatto reale.

Una delle caratteristiche di un Elaboratore è il numero di posizioni di memoria di cui può disporre.

Nel 1967 il primo elaboratore sul quale ho lavorato aveva 1200 posizioni di memoria.

Nel 1969 furono aggiunte 4000 posizioni di memoria e arrivò una specie di armadio grande come una frigorifero.

Nel 1972 all'elaboratore che usavamo furono aggiunte 4 milioni di posizioni di memoria che il Tecnico portava con una valigetta 24 ore.

Oggi, 2008, il computer portatile con il quale sto scrivendo ha 2 miliardi di posizioni di memoria.

Paragonando questo cambiamento alla variazione di velocità di una macchina,se quella del 1969 faceva 100 km/ora, quella del 1972 doveva avere la velocità di lancio di un razzo per la luna ed il mio PC arriverebbe su Marte in pochissimo tempo se Einstein con quella storia della velocità della luce non frenasse il suo slancio.

Testo di Attilio Romita
Mark II


INDICE



Introduzione alla Storia Computer e Informatica Cronologia ed evoluzione hardware
Protagonisti e inventori Storia Linguaggi programmazione e Sistemi Operativi
Storia computer IBM Storia computer Microsoft
Storia computer Apple Evoluzione Interfacce grafiche
Storia Internet e reti Storia Linux
Approfondimenti e articoli vari su computer e informatica Altri link sul tema dei vecchi computer
Breve corso di grafica al computer e ritocco fotografico Glossario dei termini informatici
Storia dei Giochi e videogiochi al Computer Corsi online e videocorsi
Racconto di Attilio Romita "Computer, Ordinateur, Elaboratori .
Forse Cervelloni!"

Argomenti della Guida Computer e Internet di Windoweb

Guida Internet Guida Tecnologie
Clicca qui per vedere tutti i titoli di libri e DVD su computer e pc
Clicca qui per ricercare altro con tema computer pc e tecnologia
Selezione di libri su computer e informatica
guida della segretaria dalla A alla Z. A La guida della segretaria dalla A alla Z.
Agenda, archivio, documentazione, informatica, organizzazione, riunioni, telefono, viaggi

Bazin Dorothée, Broilliard Anne, 2012, Franco Angeli
Fondamenti di diritto dell'informatica Fondamenti di diritto dell'informatica
Farina Massimo, 2012, Experta
Internet spiegata a mamma e papà. Per fa Internet spiegata a mamma e papà.
Per fare a meno di amici, figli e nipoti
Ubuntu. Guida ufficiale. I portatili Ubuntu.
Guida ufficiale.
I portatili

Mako Hill Benjamin, Helmke Matthew, Burger Corey, 2012, Mondadori Informatica
Joomla! Guida all'uso Joomla! Guida all'uso
North Barrie M., 2012, Mondadori Informatica
Computer certification guide. Manuale pr Computer certification guide.
Manuale propedeutico al conseguimento della certificazione informatica europea Eipass

Schiano di Pepe Mauro, Caruso Marco, Ettari Diego, 2012, S.
TFA Fisico informatico matematico. Pacch TFA Fisico informatico matematico.
Pacchetto promozionale per la preparazione ai test di accesso. Con software di simulazione

2012, Edises
Fondamenti di informatica e programmazione web
Angelaccio Michele, Fanti Alessia, 2011, Texmat
Elementi di informatica per le professio Elementi di informatica per le professioni sanitarie
Antonetti Giovanni, 2011, Universitalia
Hacker contro hacker. Manuale pratico e Hacker contro hacker.
Manuale pratico e facile di controspionaggio informatico

Aranzulla Salvatore, 2011, Mondadori Informatica
Informatica. Informatica.
2008, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica Informatica
Esposito Francesco, 2011, Edises
Informatica umanistica Informatica umanistica
2010, McGraw-Hill Companies
Informatica e crittografia attraverso gl Informatica e crittografia attraverso gli esercizi.
Una metodologia e una pratica didattica

Cecchi Alberto, Orazi Roberto, 2010, Liguori
Informatica. Insieme verso la conoscenza Informatica.
Insieme verso la conoscenza

Zaccarelli Guido, 2010, Athena Audiovisuals
Informatica testuale. Teoria e prassi Informatica testuale.
Teoria e prassi

Orlandi Tito, 2010, Laterza
Informatica industriale Informatica industriale
Fantechi Alessandro, 2009, CittàStudi
Informatica facile. Guida alle tecnologi Informatica facile.
Guida alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Manuale per il conseguimento della Certificazione informatica europea EIPASS®
Informatica per i beni culturali Informatica per i beni culturali
Rossignoli Nicola, 2010, Lampi di Stampa
Informatica di base Informatica di base
De Rosa Antonio, Di Capua Giuseppe, 2010, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica applicata al Suono per la Co Informatica applicata al Suono per la Comunicazione Musicale.
Musical Digital Audio

Malcangi Mario, 2009, Maggioli Editore
Informatica teorica Informatica teorica
Mandrioli Dino, Spoletini Paola, 2011, CittàStudi
Informatica di base. Conoscere e compren Informatica di base.
Conoscere e comprendere le risorse digitali nella società del'informazione

Allegrezza Stefano, 2009, Simple
Informatica per tutti dalla chiocciolina Informatica per tutti dalla chiocciolina allo zip
Carucci Giuseppe, 2008, Simple
Informatica per le professioni infermier Informatica per le professioni infermieristiche e ostetriche
Terzoni Stefano, 2010, Hoepli
Informatica per l'economia Informatica per l'economia
cur.Clerici A., 2011, EGEA Tools
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare