logo windoweb


Foto gratis Home Page sito Storia Computer

Sei qui: Home > Storia computer > Cronologia hardware > Fino al 1899 segue > 1900

vecchi computer

Storia dei computer e informatica

cronologia dalle vecchie calcolatrici ai più recenti computer

dal 1800 al 1899

OFFERTE AMAZON



1800 Alessandro Volta (1745-1827) riesce a ricavare energia elettrica e raggiunge l'obiettivo di costruire la prima batteria in grado di fornire elettricità.

In un famoso esperimento alla presenza di Napoleone dimostra che con la sua elettricità può stimolare il movimento delle zampe di una rana morta.

Alessandro Volta A.

Volta mostra un esperimento di elettricità a Napoleone
1801 Escono le Disquisitiones arithmeticae di K.

F.

Gauss.

Esse costituiscono una pietra miliare nello sviluppo dei metodi numerici: metodo dei minimi quadrati, metodo di eliminazione degli scarti quadratici, integrazione numerica
1804 Entrano in funzione le schede perforate per il funzionamento automatico dei telai Jacquard.

In base ai fori delle schede viene comandata la trama del tessuto.

Furono prodotte più di 100.

000 macchine nei dieci anni successivi.

telaio Joseph Marie Jacquard's telaio Joseph Marie Jacquard's

telaio Joseph Marie Jacquard's particolare di un telaioLe schede perforate resteranno in uso nei telai fino agli anni 1980.

1811 Si fa sempre più strada il convincimento che le macchine possano sottrarre lavoro alle persone e da questo nascono forti movimenti di protesta e boicottaggio.

industrializzazione
1814 Regolo calcolatore planimetrico di Herman per la misura di aree.

1820 C.

X.

Thomas de Colmar costruisce l'aritmetometro, prima calcolatrice su scala industriale in grado di svolgere le 4 operazioni aritmetriche, senza errori.

In 30 anni ne vengono prodotti 1500 esemplari e la produzione si protrasse fino al 1930 circa.
aritmetometro particolare di aritmetometro

Utilizzava il principio del tamburo a passi ideato da Leibniz.

La sua invenzione era il risultato di 150 anni di progresso industriale, che aveva così superato i difetti delle prime realizzazioni.

aritmetometroaritmetometro
1821 Charles Babbage comunica a un collega astronomo l'idea di un calcolo automatico per la compilazione delle tavole astronomiche.

La sua prima macchina, la Macchina alle Differenze, nasce dall'esigenza di calcolare tavole astronomiche dove, per la precisione richiesta, Babbage aveva pensato anche ad un sistema di stampa per evitare errori umani di trascrizione.

Charles BabbageAll'epoca di Babbage per realizzare tabelle matematiche dei logaritmi e di funzioni trigonometriche lavoravano squadre di matematici giorno e notte.

Fu per questo motivo che a Babbage venne l'idea di progettare una macchina che svolgesse automaticamente quell'arduo compito.
macchina delle differenzedisegno originale della Macchina alle Differenze
Pubblicò il suo articolo su 'Observations on the Applications of Machinery to the Computation of Mathematical Tables', per il quale ricevette la medaglia d'oro della Reale Società Astronomica.
disegno macchina delle differenzeParticolare del disegno

Babbage conosceva tre differenti tipi di errori che potevano verificarsi nel fare le tabelle:errori umani nei calcoli errori di copiatura nelle trascrizioni per la pubblicazioneerrori nella composizione delle lastre per la stampaDisegnando una macchina che potesse coprire l'intero processo dal calcolo fino ai cliché tipografici gli errori sarebbero stati eliminati

Contrariamente a quanto era avvenuto fino ad allora, Babbage dunque non si proponeva tanto di realizzare delle macchine calcolatrici in grado di eseguire semplicemente le 4 operazioni, ma dei calcolatori concettualmente simili a quelli moderni in grado di eseguire sequenze di operazioni in base a un programma.

Babbage Difference Engine 2Difference Engine 2Questo modello fu ricostruito presso il Museo della Scienza di Londraseguendo il progetto del 1849, di cui si hanno tutti i disegni.

Il dispositivo funziona perfettamente e mette in evidenza la genialità del progetto di Babbage.

Costruito in ferro, ottone e acciaio, è composto da 4.

000 parti e pesa oltre 3 tonnellate.

Gli ingegneri del museo stanno ancora espandendone le funzionalità e nel 2002 è stata aggiunta la parte relativa alla stampa, in perfetto accordo coi disegni di Babbage.

Il dispositivo svolse il suo primo ciclo di calcolo nel 1990 e restituì un risultato di 31 cifre di precisione, che è molto di più di quanto possa fare una calcolatrice standard tascabile.

Comunque ciascun calcolo richiedeva di far ruotare una manovella per centinaia e a volte migliaia di volte, per cui se un operatore volesse usarla sul serio diventerebbe il più muscoloso operatore di computer della Terra!
1822 Charles Babbage disegna un calcolatore.

Il concetto di questa macchina era che doveva operare con schede perforate (come quelle di Jacquard) e i risultati andavano stampati su carta.

L'idea di stampare i risultati era semplicemente rivoluzionaria! Comunque Babbage riteneva che la tecnologia della sua epoca non fosse sufficientemente sofisticata da poter realizzare il suo progetto.

Ma un piccolo modello in scala fu mostrato ad una riunione della Reale Società Astronomica inglese.

Problemi di meccanica, finanziari e di opinione con il suo capo ingegneri (Joseph Clement) provocarono l'abbandono del progetto nel 1833.

Ma il concetto di quella macchina si può considerare estremamente avanzato, e probabilmente troppo incomprensibile, per la maggior parte della gente dell'epoca.
1832 Georg e Edvard Scheutz (Svedesi) padre e figlio, dopo avere letto l'articolo di Babbage e della sua macchina, iniziano a sviluppare loro stessi una Macchina delle Differenze.

Sono le persone che hanno creato per primi una macchina che possa anche stampare i risultati delle tabelle calcolate.

La loro macchina sarà terminata nel 1843.

macchina alle differenze di Scheutz Il disegno è meno robusto e le tolleranze sono più ampie di quelle pretese da Babbage.

Il problema di riprodurre risultati privi di errori umani, come voleva Babbage, è così risolto.

I numeri sono stampati su carta o lamine di metallo, pronti per fare i clichés per la riproduzione delle tabelle.

1834 E' in quest'anno che Charles Babbage progetta l'Analytical Engine, una macchina che sia più veloce e precisa del modello precedente.

Si tratta di un primo modello di calcolatore automatico, ma che rimane allo stadio di progetto per la difficoltà di realizzare i pezzi meccanici necessari e lo scarso interesse dei possibili finanziatori.

In compenso lo stesso Babbage ha speso molti dei suoi soldi per portare avanti comunque l'ambizioso progetto.

La Macchina Analitica fu pensata con l'intento di sfruttare i cicli delle schede perforate di Jacquard, in modo da controllare i calcoli automaticamente e in modo da poter prendere decisioni basate su risultati di precedenti calcoli.

Alcuni testi riportano anche l'idea di un motore a vapore da applicare alla macchina analitica.

1835 Joseph Henry inventa il relay elettrico, un dispositivo adatto ad inviare impulsi a lunga distanza.

Le basi del telegrafo sono gettate.

1837 Samuel Finley Breese Morse brevetta un sistema pratico di telegrafo.
tasto per alfabeto Morse
1843 Lady Ada Lovelace, figlia di Lord Byron, studia l'Analitycal Engine di Babbage, traducendo gli schemi di Luigi Menabrea.

Intuisce l'idea di 'loop' e di sottoprogramma, ovvero di sequenza ripetitiva di passi.

Inizia così un intenso scambio epistolare con Babbage, contribuendo coi suoi appunti a ipotizzare una macchina in grado di operare tramite programma.

E' considerata per questo 'la prima programmatrice'.

Babbage EngineA lei è stato dedicato un linguaggio di programmazione degli anni 1970/80.

1844 Samuel Morse invia un messaggio col telegrafo da Washington a Baltimora.

1846 Alexander Bainusa un nastro perforato per trasmettere telegrammi.

Il sistema rende le trasmissioni molto più veloci e sarà utilizzato fino al ventesimo secolo.

Questo stesso tipo di nastro perforato sarà utilizzato anche come output nei computer.

1847 George Boole scrive 'An investigation on the Law of Thought'.

E' quì che si trovano le relazioni tra matematica e logica, che saranno le basi della cosiddetta 'algebra booleniana' usata nei circuiti dei calcolatori.

Ciò provocò una rottura con la matematica tradizionale, dimostrando per la prima volta che la logica è parte della matematica e della filosofia.

Prima di allora i concetti di AND, OR, NOT non erano applicati alla matematica.

1857 Sir Charles Wheatstone introduce la prima applicazione di un nastro perforato come supporto per la preparazione, memorizzazione e trasmissione di dati.

Il suo nastro usa due righe di fori per rappresentare le linee e i punti del codice Morse.

In questo modo i messaggi da inviare possono essere preparati fuori linea e trasmessi successivamente.

nastro perforato nastro perforato
1861 Giovanni Casselli crea la prima macchina Fax, il Pantelegraph.
1867 Nasce la Macchina per scrivere.

E' una di quelle grandi invenzioni che rivoluzioneranno l'amministrazione e le comunicazioni.

La scrittura manuale di lettere commerciali sparirà nel giro di pochi anni.
macchina per scrivere
1871 Antonio Meucci si era trasferito nel 1845 a Long Island dove aveva aperto una fabbrica di candele.

Qui diede ospitalità e lavoro a Garibaldi e nel 1857 portò a compimento l'invenzione del telefono.

Dopo oltre un decennio speso nell'inutile ricerca di capitali, Meucci ottenne con grande sforzo un brevetto biennale (1871) e presentò i disegni della sua invenzione al direttore della Western Telegraph CO.

Antonio MeucciIgnobilmente truffato dell'incartamento ed impedito dalla miseria per il rinnovo del brevetto, la sua invenzione fu validamente sfruttata dal professor Graham Bell che, giurando il falso, prese tutti i meriti ed i profitti.

In seguito a celebri quanto movimentati processi intentati da concorrenti della Bell, la priorità di Meucci fu tardivamente riconosciuta dalla Corte Suprema nel 1886, ma egli finiva intanto in miseria i suoi giorni nella casa di Long Island, che un privato americano gli aveva donata.

Ecco la sentenza: “Nulla dimostra che Meucci abbia ottenuto qualche risultato pratico a parte quello di convogliare la parola meccanicamente mediante cavo.

Impiegò senza dubbio un conduttore meccanico e suppose che elettrificando l'apparecchio avrebbe ottenuto risultati migliori”, in poche parole Meucci avrebbe inventato il telefono, ma non quello elettrico.

Più di un secolo dopo, (l’11 giugno del 2002), grazie anche alle ricerche di un tenace italiano, la verità è ristabilita, il parlamento americano riconosce che Antonio Meucci è il papà del telefono e noi italiani abbiamo un’altra gloria di cui andare fieri.

Per la cronaca: il telefono non è che una delle tante invenzioni cui si era dedicato.

1876 Il 14 Febbraio 1876 lo scozzese Graham Bell fece domanda di un brevetto per un sistema di telefono.

Sfruttando l'invenzione di Meucci, egli riesce ad impossessarsi dell'idea e a fondare la Bell Telephone Company.
Alexander Bell

Alexander Graham Bell dimostrazione all'Accademia delle Scienze
1877 Il Velograph è stata la prima macchina per scrivere prodotta in Svizzera.

Velograph Velograph
macchina per scriverela macchina per scrivere illustrata in un giornale dell'epoca
1878 Remington typewriter Standard 2.

La prima macchina prodotta e venduta in forma industriale.

I tasti erano già disposti nella sequenza QWERTY divenuta uno standard.
Remington typewriter standard 2

1885 Dorr E.

Felt costruisce una macchina calcolatrice chiamata 'Macaroni Box' (dall'aspetto della scatola in cui è alloggiata).

Da questa deriverà il 'Comptometer', competitivo fino al 1902.
macaroni box
1887 Leon Bollee costruisce una calcolatrice per eseguire moltiplicazioni in modo diretto, cioè non più mediante addizioni ripetute.

calcolatrice di Bollee
1890 W.

S.

Burroughs
produce una macchina calcolatrice, l'Aritmometro, che incontra rapidamente un enorme successo in tutto il mondo.

1889 Herman Hollerith con il suo 'Sistema Elettrico di Tabulazione' batte i concorrenti e viene scelto per il censimento USA del 1890.

Il sistema di perforazione delle schede subirà pochissime innovazioni nell'arco dei successivi cinquant'anni.

Hollerith
1895 Guglielmo Marconi trasmette il primo segnale via radio.

Guglielmo MarconiGuglielmo Marconi Marconi radio

Marconi radio trasmettitoretrasmettitore di Marconi(uguale a quello usato sul Titanic per lanciare l'SOS) Presentazione in Power Point di Guglielmo Marconi
1897 A.

A.

Michelson e S.

W.

Stratton costruiscono un analizzatore capace di lavorare con serie di Fourier di 20 termini.



fino al 1799 dal 1965 al 1969
dal 1800 al 1899 dal 1970 al 1974
dal 1900 al 1919 dal 1975 al 1979
dal 1920 al 1939 dal 1980 al 1984
dal 1940 al 1944 dal 1985 al 1989
dal 1945 al 1949 dal 1990 al 1994
dal 1950 al 1954 dal 1995 al 1999
dal 1955 al 1959 dal 2000 ad oggi
dal 1960 al 1964


Introduzione alla Storia Computer e Informatica Cronologia ed evoluzione hardware
Protagonisti e inventori Storia Linguaggi programmazione e Sistemi Operativi
Storia computer IBM Storia computer Microsoft
Storia computer Apple Evoluzione Interfacce grafiche
Storia Internet e reti Storia Linux
Approfondimenti e articoli vari su computer e informatica Altri link sul tema dei vecchi computer
Breve corso di grafica al computer e ritocco fotografico Glossario dei termini informatici
Storia dei Giochi e videogiochi al Computer Corsi online e videocorsi
Racconto di Attilio Romita "Computer, Ordinateur, Elaboratori .
Forse Cervelloni!"

Selezione di libri su computer e informatica
guida della segretaria dalla A alla Z. A La guida della segretaria dalla A alla Z.
Agenda, archivio, documentazione, informatica, organizzazione, riunioni, telefono, viaggi

Bazin Dorothée, Broilliard Anne, 2012, Franco Angeli
Fondamenti di diritto dell'informatica Fondamenti di diritto dell'informatica
Farina Massimo, 2012, Experta
Internet spiegata a mamma e papà. Per fa Internet spiegata a mamma e papà.
Per fare a meno di amici, figli e nipoti
Ubuntu. Guida ufficiale. I portatili Ubuntu.
Guida ufficiale.
I portatili

Mako Hill Benjamin, Helmke Matthew, Burger Corey, 2012, Mondadori Informatica
Joomla! Guida all'uso Joomla! Guida all'uso
North Barrie M., 2012, Mondadori Informatica
Computer certification guide. Manuale pr Computer certification guide.
Manuale propedeutico al conseguimento della certificazione informatica europea Eipass

Schiano di Pepe Mauro, Caruso Marco, Ettari Diego, 2012, S.
TFA Fisico informatico matematico. Pacch TFA Fisico informatico matematico.
Pacchetto promozionale per la preparazione ai test di accesso. Con software di simulazione

2012, Edises
Fondamenti di informatica e programmazione web
Angelaccio Michele, Fanti Alessia, 2011, Texmat
Elementi di informatica per le professio Elementi di informatica per le professioni sanitarie
Antonetti Giovanni, 2011, Universitalia
Hacker contro hacker. Manuale pratico e Hacker contro hacker.
Manuale pratico e facile di controspionaggio informatico

Aranzulla Salvatore, 2011, Mondadori Informatica
Informatica. Informatica.
2008, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica Informatica
Esposito Francesco, 2011, Edises
Informatica umanistica Informatica umanistica
2010, McGraw-Hill Companies
Informatica e crittografia attraverso gl Informatica e crittografia attraverso gli esercizi.
Una metodologia e una pratica didattica

Cecchi Alberto, Orazi Roberto, 2010, Liguori
Informatica. Insieme verso la conoscenza Informatica.
Insieme verso la conoscenza

Zaccarelli Guido, 2010, Athena Audiovisuals
Informatica testuale. Teoria e prassi Informatica testuale.
Teoria e prassi

Orlandi Tito, 2010, Laterza
Informatica industriale Informatica industriale
Fantechi Alessandro, 2009, CittàStudi
Informatica facile. Guida alle tecnologi Informatica facile.
Guida alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Manuale per il conseguimento della Certificazione informatica europea EIPASS®
Informatica per i beni culturali Informatica per i beni culturali
Rossignoli Nicola, 2010, Lampi di Stampa
Informatica di base Informatica di base
De Rosa Antonio, Di Capua Giuseppe, 2010, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica applicata al Suono per la Co Informatica applicata al Suono per la Comunicazione Musicale.
Musical Digital Audio

Malcangi Mario, 2009, Maggioli Editore
Informatica teorica Informatica teorica
Mandrioli Dino, Spoletini Paola, 2011, CittàStudi
Informatica di base. Conoscere e compren Informatica di base.
Conoscere e comprendere le risorse digitali nella società del'informazione

Allegrezza Stefano, 2009, Simple
Informatica per tutti dalla chiocciolina Informatica per tutti dalla chiocciolina allo zip
Carucci Giuseppe, 2008, Simple
Informatica per le professioni infermier Informatica per le professioni infermieristiche e ostetriche
Terzoni Stefano, 2010, Hoepli
Informatica per l'economia Informatica per l'economia
cur.Clerici A., 2011, EGEA Tools
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare