logo windoweb


Foto gratis Home Page sito Storia Computer

Sei qui: Home > Storia computer > Cronologia hardware > Fino al 1959 segue > 1960

vecchi computer

Storia dei computer e informatica

cronologia dalle vecchie calcolatrici ai più recenti computer

dal 1955 al 1959

OFFERTE AMAZON



1955 La IBM annuncia il 704, un nuovo calcolatore con memoria a nuclei al posto del CRT utilizzato sui precedenti sistemi IBM 701, con aritmetica floating-point e un sacco di nuove istruzioni per il calcolo scientifico.

IBM 704
1955 IBM 702: la prima macchina commerciale completamente costruita con transistor e messa sul mercato da IBM.

L'ancora alto costo dei transistor ne decreterà il flop.

Ma la linea di sviluppo è ormai tracciata.

Noterete che si presenteranno molte "prime" macchine completamente a transistor, ma questa è sicuramente la prima.

IBM 702 IBM 702
1956 L'IBM introduce e inizia le installazioni dei sistemi RAMAC 305(RAMAC = Random Access Method Of Accounting And Control).

Sarà questo il primo passo per trasferire i dati (records) dal supporto delle vecchie e ingombranti schede perforate, alle unità a dischi magnetici.

Il passaggio è rivoluzionario, in quanto consente di eseguire operazioni di aggiunta, aggiornamento o cancellazione di record semplicemente riscrivendoli sul disco.

Le schede, oltre ad essere ingombranti e pesanti, non consentivano accesso diretto ai dati, erano vincolate alle 80 colonne, non erano modificabili e -non per ultimo!- costavano parecchi soldi.

Il RAMAC 305, però, non sarà la macchina che darà la spinta al passaggio da elaborazioni a schede a sistemi a dischi e/o nastri magnetici.

Questa macchina ha un costo elevato, è particolarmente fragile e quindi soggetta a lunghi fermi di manutenzione e non è facile da programmare, richiedendo per l'impostazione di un lavoro, sia il caricamento di un programma ancora su schede che l'impostazione di una serie di pannelli a spine estraibili.

IBM RAMAC 305 - vista completa da sinistra: stampante, lettore schede, unità di calcolo, unità dischi, console e macchina da scrivereSi tratta dei primi elaboratori commerciali che dispongono di una unità a dischi fissi per la memorizzazione di dati al posto dei tamburi magnetici o delle unità nastro.

Il sistema fa ampio uso di valvole elettroniche, poste in cestelli facilmente estraibili.

IBM RAMAC 305 - la console e sul fondo i dischi

L'unità disco consisteva in una pila di 50 dischi da 24", con una capacità totale di 5 o 10 milioni di caratteri (5Mb o 10Mb), che era un'enormità per quei tempi!

La velocità di rotazione era di 1.

200 giri al minuto.

L'unità poteva avere uno o due bracci d'accesso (il secondo era optional).

Ogni braccio aveva una sola testina di lettura/scrittura.

Durante un'operazione di ricerca di dati su disco, il braccio meccanico (comandato ad aria compressa!) si doveva prima spostare verticalmente per raggiungere uno dei 50 dischi e poi orizzontalmente per andare alla pista voluta.

I dati sono letti o scritti alla velocità di 22.

500 car/sec.

I tempi d'accesso vanno da 100 a 800 millisecondi.

Nel caso di rottura di una testina ci volevano alcuni giorni per la riparazione.

Il meccanismo veniva comunque posto in manutenzione una volta alla settimana.

il primo disco fisso della storia IBM 1405 disk storage unit(particolare del meccanismo d'accesso)* vai alla pagina di approfondimento scritta da Ricky Spelta
1956 I primi computer a transistor sono annunciati, si tratta del TRIDAC e di tre modelli sperimentali del MIT siglati TX-O.

Viene introdotto un UNIVAC a transistor, disegnato per scopi commerciali.

I nuovi computer basati sui transistor aprono la strada alla:SECONDA GENERAZIONE DI COMPUTER
1956 Il primo PEGASUS, prodotto dalla azienda inglese Ferranti Ltd.

, entra in servizio.

Pegasus si distinguerà per l'alta affidabilità e facilità d'uso.

E' il primo computer che usa un registro generale, dispositivo in uso sulla maggior parte dei moderni computer.

Dal 1956 al 1962 verranno costruiti 40 sistemi Pegasus dalla Ferranti Ltd.

PEGASUS della Ferranti Ltd.

1957 Il FORTRAN-1 è formalmente pubblicato.

Questo prodotto, che è il primo di qualsiasi linguaggio di alto livello, è stato sviluppato da John Backus col suo gruppo di specialisti IBM.

Il FORTRAN usa una notazione che è molto simile a quella usata nell'algebra.

Per questo motivo il FORTRAN diventerà assai popolare tra gli scienziati e i tecnici.

1957 Il computer Atlas Guidance Computer della Burroughs, uno dei primi computer che usano transistor, aiuta nel controllo per il lancio del missile Atlas.

1957 La Japan's Electrotechnical Laboratory sviluppa un computer a transistor, l'ETL Mark III, che utilizza 130 transistor e 1.

700 diodi.

1957 John McCarthy forma il dipartimento di Intelligenza Artificiale al MIT.

1957 La Russia lancia il primo satellite Sputnik I in orbita il 4 ottobre e la corsa allo spazio ha subito inizio, accelerando ancor più lo sviluppo di nuove tecnologie! SPUTNIK I
1958 Viene fondata la Digital Equipment Corp.

da Ken Olsen and Harlan Anderson.

Il loro primo computer, il PDP 1 (Programmed Data Processor) sarà rilasciato nel 1960 ed avrà molti discendenti di successo.

Digital PDP 1DEC sarà uno dei computer più importanti prodotti nel mondo.

1958 Jean Hoerni, Kurt Lehovec e Robert N.

Noyce del Fairchild laboratories prendono parte allo sviluppo di un Circuito Integrato; un circuito composto da un solo strato di silicio.

1958 Il progetto Whirlwind viene esteso per realizzare un sistema di controllo del traffico aereo.

1959 L'ultimo grande computer scientifico IBM di prima generazione, ancora a valvole elettroniche, venne prodotto in quest'anno e si tratta dell'IBM 709.

E' la prima macchina che dispone di un data channel per I/O.

L'unità centrale può essere aperta come un libro, facilitando l'accesso al cablaggio interno.

Il sistema completo è composto da sette diverse unità che comprendono la memoria, il canale dati, l'alimentatore, il lettore di schede, la stampante e svariate unità nastro magnetico.

IBM 709
1959 Si forma il Comitato per i linguaggi di sistemi di dati e nasce il COBOL (Common Business Oriented Language).

listato di un programma sorgente in COBOLAl CODASYL (Conference on Data System Languages), viene sviluppato un nuovo linguaggio in un tempo molto breve, creando il primo standard per i programmi aziendali.

Nei successivi 20 anni ci saranno molti più programmi scritti in COBOL che in qualsiasi altro linguaggio.

Grace Murray Hopper naturalmente fa parte del team
1959 John McCarthy sviluppa il linguaggio LISP (LISt Processing) per le applicazioni di Intelligenza Artificiale.

1959 In una mostra di Parigiviene presentato il primo computer commerciale Giapponese a transistor della NEC:il NEAC 2201.

NEAC 2201
1959 Dopo vari anni di lavoro la General Electric Corp.

spedisce 32 sistemi ERMA (Electronic Recording Machine Accounting) alla Bank of America in California, per risolvere il problema di elaborazione degli assegni che avevano raggiunto quantitativi enormi in seguito all'aumento della clientela.

Il computer ERMA impiega la tecnologia MICR (Magnetic Ink Character Recognition), ovvero è in grado di leggere le cifre scritte appositamente sugli assegni.

A questo scopo venne sviluppato un apposito font studiato per facilitarne il riconoscimento.

ERMA della General Electric font MICR
1959 Entro quest'anno sono già stati creati oltre 200 linguaggi di programmazione!
1959 La IBM consegna i primi 4 modelli del primo computer completamente transistorizzato all'Aeronautica degli Stati Uniti.

Si tratta del sistema IBM 7090.

IBM 7090 la console del sistema IBM 7090 All'inizio degli anni '60 le traiettorie di volo dei missili Saturno della NASA saranno calcolate un'impressionante numero di volte dai sistemi IBM 7090.

La macchina può eseguire 22.

900 calcoli al secondo.

E questo parametro creerà una unità di misura standard nell'industria: il numero di calcoli floating point al secondo (FLOPS).

1959 A Poughkeepsie (USA) ingegneri IBM completano la prima linea di produzione di transistor totalmente automatizzata.

Un anno più tardi verranno sfornati e testati 1.

800 transistor all'ora.

1959 Mentre molte aziende procedono nello sviluppo di supercomputer, IBM annuncia la disponibilità di due piccole macchine, l'IBM 1401 per le aziende e l'IBM 1620 per gli scienziati.

IBM 1401 - base IBM 1401 - Tape system L'IBM 1401 diventa subito la macchina più popolare, sia per la gestione dei dati aziendali, che per piccole università e colleges.

console IBM 1401 L'IBM 1401 è programmabile con diversi linguaggi, tra cui: - SPS (Symbolic Programming System) - RPG (Report Program Generator) - FARGO (Fourteen-oh-one Automatic Report Generating Operation) In soli 6 anni verranno venduti 10.

000 sistemi 1401.


L'IBM 1620 rappresenterà per molti studenti il primo approccio al computer.

IBM sistema 1620 con le periferiche: 1311 disc drive, 1621 paper tape unit, 1625 core storage unit,1622 card reader/punch, 1443 line printer (Technology Museum of Thessaloniki) Entrambe le macchine presentano un nucleo di memoria orientato al carattere e con capacità dai 20 ai 40Kb, nelle quali i limiti della word possono essere stabiliti dal programmatore per ottenere una precisione illimitata.

Sono fornite con una unità aritmetica che utilizza una tabella di ricerca decimale, anzichè sommatori binari.

1959 Anche in Italia inizia la diffusione nelle aziende di centri meccanografici per elaborare i dati commerciali.

Molti impianti sono composti esclusivamente da macchine IBM elettromeccaniche (dette anche Unit Record), cioè un insieme di macchine specializzate a svolgere un compito specifico sulle schede perforate.

I centri meccanografici apriranno la strada all'informatica anche in Italia, lungo l'arco di tempo che va dalla fine degli anni '50 agli anni '60.

Le macchine IBM Unit Record entreranno anche in aziende di dimensioni medio-piccole, quelle che non si possono permettere il noleggio dei mainframe, per intenderci.

In questi primi anni nascono anche la nuove professioni di perforatrice, operatore, programmatore e capo centro CED.

PANORAMICA DI MACCHINE U.

R.

DI UN CENTRO MECCANOGRAFICO IBM A SCHEDE PERFORATE IBM perforatrice di schede 024 scheda non ancora perforata e con prestampato il tracciato del record e le posizioni riservate ai vari campi scheda marcabile a mano, per essere poi tradotta automaticamente in perforazioni IBM selezionatrice 082 IBM selezionatrice veloce 083 IBM inseritrice 077 IBM multiperforatrice 514 IBM calcolatore 602 programma di un lavoro, impostato su pannello della tabulatrice IBM 444 IBM tabulatrice 407 (l'ultimo dinosauro dell'era U.

R.

) IBM riepilogatrice 557 (collegabile alla tabulatrice) tabulatrice IBM mentre stampa un modulo pre-fincato L'IBM opera prevalentemente tramite la sua prima sede in Milano (via Tolmezzo), sede ancora oggi dedicata ai Forum di presentazione ed ai corsi per i clienti.

Attorno ai centri meccanografici fiorisce una crescente attività commerciale per la fornitura di schede (in prevalenza prodotte e vendute dalla stessa IBM), di pannelli e spine per le varie macchine (un vero business, visti i prezzi di un singolo spinotto!), di nastri inchiostrati, nonchè di carta in striscia continua utilizzata per la stampa dei famosi "tabulati" e poco dopo arriveranno anche i floppy disk.

Il mercato dei cosiddetti "consumabili" farà la fortuna di molte aziende! operatori al lavoro in un centro meccanografico (il camice bianco era elemento distintivo dei tecnici meccanografici all'interno dell'azienda)
I moduli in continuo spinsero alcune grosse tipografie ad organizzarsi specificatamente per la loro produzione, che divenne sempre più sofisticata.

All'inizio degli anni '60 non esisteva ancora la carta chimica e per ottenere più copie in un primo tempo si usava un sottile nastro carbonato che passava nelle tabulatrici tra l'originale e l'unica copia possibile, poi vennero allestiti moduli fino a 6 copie, utilizzando un esteso foglio di carta carbone in mezzo ad ogni copia.

Ciò comportava, a stampa avvenuta, l'onere di separare le varie copie tra loro ed eliminare le montagne di carta carbone.

Per questa esigenza sorsero altre fabbriche che produssero per anni macchine apposite che consentirono di automatizzare il processo di separazione e taglio dei moduli.

Tutte le stampe avvenivano per impatto di martelletti contro la carta.

Sono assai lontani i tempi in cui si potrà stampare con macchine laser o a getto d'inchiostro! Malgrado ciò in un centro meccanografico di medie dimensioni si utilizzavano già stampanti in grado di fare dalle 600 alle 1200 righe al minuto.

(NdA)
Per una panoramica descrittiva di come funzionava un centro meccanografico a schede perforate, vai qui.



fino al 1799 dal 1965 al 1969
dal 1800 al 1899 dal 1970 al 1974
dal 1900 al 1919 dal 1975 al 1979
dal 1920 al 1939 dal 1980 al 1984
dal 1940 al 1944 dal 1985 al 1989
dal 1945 al 1949 dal 1990 al 1994
dal 1950 al 1954 dal 1995 al 1999
dal 1955 al 1959 dal 2000 ad oggi
dal 1960 al 1964


Introduzione alla Storia Computer e Informatica Cronologia ed evoluzione hardware
Protagonisti e inventori Storia Linguaggi programmazione e Sistemi Operativi
Storia computer IBM Storia computer Microsoft
Storia computer Apple Evoluzione Interfacce grafiche
Storia Internet e reti Storia Linux
Approfondimenti e articoli vari su computer e informatica Altri link sul tema dei vecchi computer
Breve corso di grafica al computer e ritocco fotografico Glossario dei termini informatici
Storia dei Giochi e videogiochi al Computer Corsi online e videocorsi
Racconto di Attilio Romita "Computer, Ordinateur, Elaboratori .
Forse Cervelloni!"

Selezione di libri su computer e informatica
guida della segretaria dalla A alla Z. A La guida della segretaria dalla A alla Z.
Agenda, archivio, documentazione, informatica, organizzazione, riunioni, telefono, viaggi

Bazin Dorothée, Broilliard Anne, 2012, Franco Angeli
Fondamenti di diritto dell'informatica Fondamenti di diritto dell'informatica
Farina Massimo, 2012, Experta
Internet spiegata a mamma e papà. Per fa Internet spiegata a mamma e papà.
Per fare a meno di amici, figli e nipoti
Ubuntu. Guida ufficiale. I portatili Ubuntu.
Guida ufficiale.
I portatili

Mako Hill Benjamin, Helmke Matthew, Burger Corey, 2012, Mondadori Informatica
Joomla! Guida all'uso Joomla! Guida all'uso
North Barrie M., 2012, Mondadori Informatica
Computer certification guide. Manuale pr Computer certification guide.
Manuale propedeutico al conseguimento della certificazione informatica europea Eipass

Schiano di Pepe Mauro, Caruso Marco, Ettari Diego, 2012, S.
TFA Fisico informatico matematico. Pacch TFA Fisico informatico matematico.
Pacchetto promozionale per la preparazione ai test di accesso. Con software di simulazione

2012, Edises
Fondamenti di informatica e programmazione web
Angelaccio Michele, Fanti Alessia, 2011, Texmat
Elementi di informatica per le professio Elementi di informatica per le professioni sanitarie
Antonetti Giovanni, 2011, Universitalia
Hacker contro hacker. Manuale pratico e Hacker contro hacker.
Manuale pratico e facile di controspionaggio informatico

Aranzulla Salvatore, 2011, Mondadori Informatica
Informatica. Informatica.
2008, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica Informatica
Esposito Francesco, 2011, Edises
Informatica umanistica Informatica umanistica
2010, McGraw-Hill Companies
Informatica e crittografia attraverso gl Informatica e crittografia attraverso gli esercizi.
Una metodologia e una pratica didattica

Cecchi Alberto, Orazi Roberto, 2010, Liguori
Informatica. Insieme verso la conoscenza Informatica.
Insieme verso la conoscenza

Zaccarelli Guido, 2010, Athena Audiovisuals
Informatica testuale. Teoria e prassi Informatica testuale.
Teoria e prassi

Orlandi Tito, 2010, Laterza
Informatica industriale Informatica industriale
Fantechi Alessandro, 2009, CittàStudi
Informatica facile. Guida alle tecnologi Informatica facile.
Guida alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Manuale per il conseguimento della Certificazione informatica europea EIPASS®
Informatica per i beni culturali Informatica per i beni culturali
Rossignoli Nicola, 2010, Lampi di Stampa
Informatica di base Informatica di base
De Rosa Antonio, Di Capua Giuseppe, 2010, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica applicata al Suono per la Co Informatica applicata al Suono per la Comunicazione Musicale.
Musical Digital Audio

Malcangi Mario, 2009, Maggioli Editore
Informatica teorica Informatica teorica
Mandrioli Dino, Spoletini Paola, 2011, CittàStudi
Informatica di base. Conoscere e compren Informatica di base.
Conoscere e comprendere le risorse digitali nella società del'informazione

Allegrezza Stefano, 2009, Simple
Informatica per tutti dalla chiocciolina Informatica per tutti dalla chiocciolina allo zip
Carucci Giuseppe, 2008, Simple
Informatica per le professioni infermier Informatica per le professioni infermieristiche e ostetriche
Terzoni Stefano, 2010, Hoepli
Informatica per l'economia Informatica per l'economia
cur.Clerici A., 2011, EGEA Tools
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare