logo windoweb


Foto gratis Home Page sito Storia Computer

Sei qui: Home > Storia computer > Approfondimenti > Cos'è il CRM

Cos'è il CRM

(Customer Relationship Management)

OFFERTE AMAZON



La definizione più semplice che riesco a dare è che chiamiamo "CRM" qualsiasi applicazione software realizzata per gestire i rapporti tra azienda fornitrice e clienti potenziali o attivi, con due finalità: - acquisire nuovi clienti - soddisfare i clienti già acquisiti Da quanto detto si deduce subito che gli scopi di un software CRM non sono quelli di gestire i rapporti coi clienti in termini di flussi esecutivi di operazioni materiali documentate (vendita, fatturazione, resi, incassi, ecc.

), ma di gestire proprio tutti quei rapporti che precedono e seguono l'atto di vendita formale di un bene o servizio.

Il CRM è dunque un prodotto front-end (proiettato all'esterno), il cui soggetto è la figura generica del "cliente" e non quella tradizionale del "prodotto" o "servizio", con tutte le sue esigenze gestionali interne.

Per la gestione di prodotti e servizi, infatti, si utilizzano da decenni i software gestionali classici, che si possono considerare prodotti back-end (proiettati prevalentemente a soddisfare le esigenze interne all'azienda).

Quali sono le funzionalità e obiettivi del software gestionale è stato già descritto nell'apposito articolo "Cos'è il software ERP" a cui si rimanda.

Come succede spesso nei termini informatici, anche la descrizionedi cosa sia o debba essere un CRM non è facile, nè tanto meno univoca.

Dietro questi concetti si nasconde sempre il mercato e le interpretazioni soggettive dei singoli sviluppatori.

Se volete approfondire l'argomento in modo molto più ampio, vi consiglio un buon testo che parli solo di CRM, come ad esempio: "CRM" scritto da Paul Grennberg, edito da Apogeo per la versione italiana.

Ma per avere un'idea generica accettabile, credo che quanto scritto in questo articolo possa essere sufficiente.

Un primo aspetto che distingue il software CRM da tutto il resto è dato da "chi lo deve usare".

Il CRM dovrebbe servire alle forze di vendita, al marketing e ai servizi di assistenza clienti.

Non è dunque pensato per l'amministrazione, la produzione, la logistica e quant'altro, per cui si rivolge prevalentemente a figure aziendali che non hanno necessità e/o facoltà d'accesso al sistema informativo principale dell'azienda.

E questo è un elemento che lo caratterizza fortemente, perchè è facile intuire a questo punto che le soluzioni CRM non debbano obbligatoriamente sottostare alle misure di standard e sicurezza sia di accesso che di intervento sui dati del software gestionale, ma possono essere realizzate con programmi (e archivi di dati) del tutto indipendenti e direi anche "meno rigorosi", ma molto più flessibili.

Mentre nell'ERP il dato è l'elemento fondamentale su cui si basa la costruzione di qualsiasi procedura e informazione, nel CRM il dato può anche non essere completo o esatto, perchè il suo scopo è prevalentemente quello di fornire indicazioni e tendenze di attività.

Dietro alle procedure CRM non ci sono bilanci, non ci sono documenti fiscali, non c'è alcuna gestione finanziaria, non ci sono scadenze e non ci sono quadrature.

Il suo legame, in termini di dati, con l'ERP, è decisamente molto sottile.

Infatti nell'ERP generalmente non si inseriscono nominativi di clienti potenziali, ma solo quelli verso i quali è scattata almeno una classica procedura aziendale (offerta, ordine, vendita, ecc.

).

E l'elemento in comune, dato dal parco clienti attivi di cui entrambe le applicazioni necessitano, si riduce più o meno alla semplice gestione dell'indirizzo anagrafico e di un codice che identifichi da ambo le parti il singolo cliente, visto che tutte le altre informazioni di archivio sono decisamente diversificate.

Anzi, direi proprio che più sono diversificate e più il CRM fa il suo mestiere! Vediamo allora più in dettaglio quali procedure dovrebbero essere date in gestione al programma CRM.

Ho detto all'inizio che il CRM si occupa delle problematiche di acquisizione nuovi clienti e di soddisfazione dei clienti attivi.

In altre parole il suo campo di azione è circoscritto alle attività di marketing, alle forze di vendita e all'hotline telefonico.

Nella banca dati del CRM devono confluire in modo molto semplice intere liste di nominativi potenziali, generalmente provenienti dall'esterno.

Possono essere delle lead o dei prospect o delle banche dati appositamente acquistate da fornitori specializzati.

Ma potrebbero anche essere nomi di clienti del territorio raccolti osservando un cartellone pubblicitario o colti al volo da un sito Internet, o ancora segnalati da un conoscente, ecc.

ecc.

L'informazione nel CRM è più importante della completezza dei dati.

Avere un nominativo di cui non si conosce magari null'altro che la ragione sociale e un numero di telefono, significa avere qualcosa su cui muoversi e potere aprire un contatto o una trattativa.

Poco importa la completezza immediata dei dati: quella può avvenire in seguito alla prima telefonata da parte del venditore, o di un operatore di telemarketing, per esempio.

Il valore del CRM, come dicevo, non sta nella perfezione e ampiezza delle procedure, nè tanto meno nell'assoluta quadratura dei dati, ma sta nella qualità del parco nominativi e dunque nella facilità di acquisizione di essi.

Questo valore aumenta proporzionalmente alla idoneità dei nominativi in esso raccolti.

Infatti non conta nulla avere registrato 10.

000 o 100.

000 indirizzi di clienti, se questi fossero obsoleti, o non rappresentassero il nostro target, sia come possibilità di interesse nei nostri confronti, che di ubicazione territoriale.

La qualificazione dei nominativi è dunque un elemento fondamentale per la buona gestione di qualsiasi attività commerciale e il CRM nasce proprio per aiutarci in questo campo.

Il CRM deve dunque essere in grado di gestire facilmente qualsiasi tipo di azione commerciale, dal mailing, all'intervista telefonica, all'invito per un evento, alle visite commerciali, ecc.

ecc.

In questo caso i dati anagrafici dovranno contenere informazioni che non interesserebbero minimamente l'amministrazione, ma che sono invece importantissime per selezionare di volta in volta i nominativi da coinvolgere in una certa azione.

In particolare si dovranno gestire i nomi dei responsabili aziendali (se i nostri clienti fossero aziende), i loro telefoni interni, numeri di cellulare e indirizzi e-mail.

Ma si dovranno avere anche informazioni a livello aziendale sul tipo di attività svolta, sul fatturato, numero di dipendenti, esigenze particolari, impianti in uso, prodotti o servizi già acquistati da noi o forniti dalla concorrenza, ecc.

ecc.

Le forze di vendita, tramite il CRM, devono essere in grado di gestire i rapporti coi loro clienti, in termini di contatti, azioni svolte o da svolgere, visite periodiche, campagne di vendita, ecc.

ecc.

In questo modo viene servita in termini informatici anche tutta quell'area aziendale che sino a pochi anno fa era assolutamente estranea alla gestione.

E' intuibile che trattandosi di personale non avvezzo a procedure informatiche (i commerciali non sono dei ragionieri!), il CRM deve presentarsi ai loro occhi non come un elemento di burocrazia aziendale che fa loro perdere tempo e basta, ma invece come miniera di informazioni dalla quale attingere per sviluppare meglio i propri affari.

I programmi devono essere dunque più intuibili e facili da usare, richiedere il minimo di formazione (in molte situazioni il turnover delle forze vendita è molto elevato), essere accessibili dall'esterno o da qualsiasi filiale e presentare il maggior numero possibile di notizie sul cliente con un semplice "colpo d'occhio".

In questo modo il commerciale si affezionerà al suo database e lo curerà, raccogliendo e inserendo preziose informazioni che confluiscono nel patrimonio di dati aziendali e non personali.

L'altro ramo di attività del CRM, dicevamo, è quello di curare la soddisfazione del cliente.

Ciò significa essere in grado di gestire un servizio di assistenza telefonica completo, che vada dall'inoltro della chiamata alla sua completa evasione, compresa la possibilità di monitorare sia in tempo reale che storicamente l'andamento dell'intero servizio.

Ma il CRM può anche riguardare direttamente la raccolta di dati derivanti da indagini di customer satisfaction per trarre conclusioni sull'andamento storico del livello di soddisfazione dei clienti, facilitando qualsiasi azione correttiva che risulti necessaria.

Anche in questo caso appare evidente l'esigenza di un software molto flessibile e facile da usare, perchè il personale addetto all'assistenza deve rispondere con la massima immediatezza al cliente che sta dall'altra parte del filo e perchè le esigenze e caratteristiche del servizio possono cambiare frequentemente.

L'operatore deve avere il colpo d'occhio sulla situazione del cliente appena entra in contatto con lui, deve vedere i prodotti/servizi da lui acquistati, acquisire in un istante i problemi da lui segnalati in precedenza e deve disporre di un archivio di soluzioni pronte per essere suggerite per risolvere il problema.

Come per la parte commerciale era l'attendibilità dei nominativi potenziali a dare valore aggiunto al servizio, così nell'assistenza telefonica ai clienti attivi è l'archivio storico dei problemi ad aiutare enormemente gli operatori.

Più i casi saranno ben catalogati e disponibili, meno tempo servirà per chiudere la chiamata e col minimo sforzo.

In questo modo anche un operatore neo assunto potrebbe facilmente trovare la soluzione ad un problema complesso, se questo fosse già presente nell'archivio delle assistenze.

Le applicazioni CRM sono abbastanza giovani, visto che nascono attorno al 1998, ma hanno avuto un enorme successo proprio in un'epoca in cui le applicazioni ERP, invece, iniziavano a entrare in sofferenza.

Non dimentichiamo che l'informatica nasce come esigenza amministrativa e si basa sin dall'inizio sui numeri più che sui dati veri e propri.

I reparti commerciali, un pò disordinati e anarchici per loro natura, sono stati sempre trascurati e tenuti al di fuori delle procedure informatiche, anche per evitare "possibili guai" nei dati stessi.

E così ogni commerciale si è sempre dovuto arrangiare coi propri mezzi per gestire le sue informazioni sui clienti.

Non si è tenuto conto di un aspetto fondamentale: qualsiasi azienda si basa sull'equilibrio di tre fattori gestionali: il prodotto, la vendita e l'amministrazione.

Informatizzare tutto sull'amministrazione e tutto o parte ciò che riguarda il prodotto offerto, senza tenere in debita considerazione le esigenze informative standardizzate dei reparti commerciali, è stata per decenni una grave omissione.

Anche le applicazioni CRM, come tutto il software aziendale, risentono comunque di una debolezza cronica dell'informatica: l'incapacità (o l'enorme difficoltà) di proporre soluzioni dimostrandone il ritorno in termini d'investimento (ROI).

Questo è il vero problema affiorato in particolare negli ultimi 5 anni.

Le aziende hanno speso un sacco di soldi per informatizzarsi, ma non hanno la minima idea di quanto siano o no stati spesi bene! Alle soglie del terzo millennio e con l'aggiunta di problemi tecnici (anno 2000 e nuova moneta europea)

le aziende sanno di avere già investito moltissimo in informatica e sono molto meno propense a fare altri nuovi pesanti investimenti.

Ciò significa meno sensibilità verso l'ampliamento delle procedure ERP, verso l'adozione di strumenti utilissimi come il CRM o la Business Intelligence o l'SCM.

Inoltre una pesante doccia fredda è venuta proprio dal mondo Internet, che sembrava un Eldorado, mentre invece richiede grandi capacità e tempi lunghi per affermarsi come strumento aziendale e richiede un riadeguamento di tutta la struttura organizzativa interna dell'azienda per essere ben supportato e diventare produttivo.

Internet ha indotto anche lo sviluppo di vendite via Web e da questa esigenza sono nate applicazioni chiamate e-CRM.

A mio avviso ciò crea confusione nella indipendenza del software commerciale da quello amministrativo: la vendita via web è un evento amministrativo e non dovrebbe coinvolgere le procedure del CRM.

Ricky Spelta

18/10/2003


Quando è nato il primo computer? Evoluzione IBM in Italia
Come è fatto un computer? Storia degli Hacker
Perchè i computer usano numeri binari? Spyware e IPS
Cos'era un Centro Meccanografico Cos'è un ERP
Il RAMAC 305 Cos'è il CRM
Il linguaggio RPG Cos'è l'SCM
Microsoft: monopolio o standard? Cos'è la Business Intelligence
Mondi reali e mondi virtuali


1975 1976 1977 1978 1979
1980 1981 1982 1983 1984
1985 1986 1987 1988 1989
1990 1991 1992 1993 1994
1995 1996 1997 1998 1999
2000 2001 2002
(cronologia Storia della Microsoft)
ADA PL1
ALGOL PASCAL
APL PROLOG
ASSEMBLY RPG
BASIC SIMULA
C e C++ UNIX
COBOL Storia dei linguaggi
FORTRAN Caratteristiche dei linguaggi
JAVA Il linguaggio RPG
LISP

Introduzione alla Storia Computer e Informatica Cronologia ed evoluzione hardware
Protagonisti e inventori Storia Linguaggi programmazione e Sistemi Operativi
Storia computer IBM Storia computer Microsoft
Storia computer Apple Evoluzione Interfacce grafiche
Storia Internet e reti Storia Linux
Approfondimenti e articoli vari su computer e informatica Altri link sul tema dei vecchi computer
Breve corso di grafica al computer e ritocco fotografico Glossario dei termini informatici
Storia dei Giochi e videogiochi al Computer Corsi online e videocorsi
Racconto di Attilio Romita "Computer, Ordinateur, Elaboratori .
Forse Cervelloni!"
Selezione di libri su computer e informatica
guida della segretaria dalla A alla Z. A La guida della segretaria dalla A alla Z.
Agenda, archivio, documentazione, informatica, organizzazione, riunioni, telefono, viaggi

Bazin Dorothée, Broilliard Anne, 2012, Franco Angeli
Fondamenti di diritto dell'informatica Fondamenti di diritto dell'informatica
Farina Massimo, 2012, Experta
Internet spiegata a mamma e papà. Per fa Internet spiegata a mamma e papà.
Per fare a meno di amici, figli e nipoti
Ubuntu. Guida ufficiale. I portatili Ubuntu.
Guida ufficiale.
I portatili

Mako Hill Benjamin, Helmke Matthew, Burger Corey, 2012, Mondadori Informatica
Joomla! Guida all'uso Joomla! Guida all'uso
North Barrie M., 2012, Mondadori Informatica
Computer certification guide. Manuale pr Computer certification guide.
Manuale propedeutico al conseguimento della certificazione informatica europea Eipass

Schiano di Pepe Mauro, Caruso Marco, Ettari Diego, 2012, S.
TFA Fisico informatico matematico. Pacch TFA Fisico informatico matematico.
Pacchetto promozionale per la preparazione ai test di accesso. Con software di simulazione

2012, Edises
Fondamenti di informatica e programmazione web
Angelaccio Michele, Fanti Alessia, 2011, Texmat
Elementi di informatica per le professio Elementi di informatica per le professioni sanitarie
Antonetti Giovanni, 2011, Universitalia
Hacker contro hacker. Manuale pratico e Hacker contro hacker.
Manuale pratico e facile di controspionaggio informatico

Aranzulla Salvatore, 2011, Mondadori Informatica
Informatica. Informatica.
2008, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica Informatica
Esposito Francesco, 2011, Edises
Informatica umanistica Informatica umanistica
2010, McGraw-Hill Companies
Informatica e crittografia attraverso gl Informatica e crittografia attraverso gli esercizi.
Una metodologia e una pratica didattica

Cecchi Alberto, Orazi Roberto, 2010, Liguori
Informatica. Insieme verso la conoscenza Informatica.
Insieme verso la conoscenza

Zaccarelli Guido, 2010, Athena Audiovisuals
Informatica testuale. Teoria e prassi Informatica testuale.
Teoria e prassi

Orlandi Tito, 2010, Laterza
Informatica industriale Informatica industriale
Fantechi Alessandro, 2009, CittàStudi
Informatica facile. Guida alle tecnologi Informatica facile.
Guida alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Manuale per il conseguimento della Certificazione informatica europea EIPASS®
Informatica per i beni culturali Informatica per i beni culturali
Rossignoli Nicola, 2010, Lampi di Stampa
Informatica di base Informatica di base
De Rosa Antonio, Di Capua Giuseppe, 2010, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica applicata al Suono per la Co Informatica applicata al Suono per la Comunicazione Musicale.
Musical Digital Audio

Malcangi Mario, 2009, Maggioli Editore
Informatica teorica Informatica teorica
Mandrioli Dino, Spoletini Paola, 2011, CittàStudi
Informatica di base. Conoscere e compren Informatica di base.
Conoscere e comprendere le risorse digitali nella società del'informazione

Allegrezza Stefano, 2009, Simple
Informatica per tutti dalla chiocciolina Informatica per tutti dalla chiocciolina allo zip
Carucci Giuseppe, 2008, Simple
Informatica per le professioni infermier Informatica per le professioni infermieristiche e ostetriche
Terzoni Stefano, 2010, Hoepli
Informatica per l'economia Informatica per l'economia
cur.Clerici A., 2011, EGEA Tools
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare