logo windoweb


Foto gratis Home Page sito Storia Computer

Sei qui: Home > Storia computer > Storia della IBM > dal 1950 al 1969 segue > 1970

Storia della IBM

dal 1950 al 1969

OFFERTE AMAZON



1951 Le prime unità di nastri magnetici impiegate all'epoca presentano un grosso problema: i frequenti comandi di avvio/arresto del nastro alla fine lo danneggiano o lo inceppano.

La IBM risolve questo problema tramite una colonna sotto vuoto.

Facendo passare il nastro all'interno di una colonna sotto vuoto, infatti, il nastro rimane sempre teso verso il basso e siccome non vi è resistenza dell'aria non si danneggia e resta in posizione.

1952 Thomas Watson Jr.

diventa presidente della IBM.

E' da quest'anno che la IBM decide di aggiungere i calcolatori alla sua linea di prodotti commerciali.

Ciò permise a IBM di diventare una forza dominante in questo settore.

E non mancò una prima denuncia con l'accusa disvolgere pratiche monopolistiche nell'area dei computer commerciali, in violazione dello Sherman act.

La prima linea di produzione di computer riguarderà il modello 701 e fu disegnata da Nathaniel Rochester.

Thomas Watson Jr.

1952 La IBM annuncia il 701, un nuovo calcolatore progettato per il calcolo scientifico, di cui il primo esemplare verrà installato per la Difesa USA.

Thomas Watson Sr.

(seduto) alla console dell'IBM 701

Ronald Reagan e Herb Grosch del Watson Laboratory's e l'IBM 701 nel 1956Ne saranno prodotti e installati solamente 19 esemplari nell'arco dei suoi 3 anni di vita.

1953 Debutta l'IBM 650, conosciuto anche col nome di calcolatore a tamburo magnetico e diventa il primo computer prodotto industrialmente.

Con questa macchina si può affermare che è nato il primo minicomputer.

Ne verranno venduti 450 già nel primo anno di produzione.

Nei successivi 15 anni ne saranno prodotti e venduti più di 1500, che per questo periodo è un record assoluto.

Come il 701, anche il 650 può leggere e scrivere sia da nastro magnetico che da schede perforate.

Le schede perforate sono anche usate per introdurre il programma da eseguire ed ogni scheda rappresenta una istruzione a tre indirizzi, comprendendo cioè anche quello dell'istruzione successiva.
calcolatore IBM 650Nel 1956 il prezzo per il noleggio era di 3.

200$/mese (il costo di una grossa Cadillac).

La funzionalità del sistema era dell'80% di tempo (non garantito).

Eseguiva una somma o sottrazione in 1,63 millisecondi, una moltiplica in 12,96ms e la divisione in 16,90ms.

La memoria nella maggior parte dei sistemi era data dal tamburo magnetico che conteneva 2.

000word (10 digit+segno) e con un tempo random di accesso di 2,496ms.

la memoria a tamburo magnetico dell'IBM 650Anche se l'IBM 650 non era una super macchina, aveva una caratteristica particolare che la rendeva attraente e facilmente vendibile: un sacco di luci lampeggianti!Con quelle chiunque poteva controllare che qualcosa "si muoveva" nel cuore del cervellone.

la console dell'IBM 650 e.

le sue famose lampadine,che rappresentavano un interessante metodo per leggere i valori,molto più pratico dei tubi CRT usati da altri sistemiMolti attribuirono il successo proprio a quelle lampadine ed al fatto che la macchina usasse schede perforate a 80 colonne che erano compatibili con tutte le altre macchine IBM, tra cui le tabulatrici, indispensabili per stampare su carta i risultati dell'elaborazione.

1954 Nasce l'unità a nastro magnetico IBM 726.

Questa unità contiene 100 caratteri per pollice ed è in grado di leggere 75 pollici di nastro al secondo.

Questa macchina è destinata a diventare un drive standard per molti anni a venire e verrà spedita con qualsiasi computer IBM.

1954 Nel gennaio di quest'anno viene fatto un primo tentativo di traduzione dal russo all'inglese, utilizzando allo scopo un sistema IBM 701.

I risultati sono supportati dall'uso di un dizionario elettronico e da un numero di programmi che contengono la sintassi e le regole delle due lingue.

Venne realizzata una traduzione soddisfacente e molta dell'esperienza di questo tentativosarà poi riversata nel progetto Echelon.

1954 John W.

Backus, un capo progetto della IBM, imposta il linguaggio di programmazione scientifica FORTRAN (FORmula TRANsalot) per il sistema IBM 704.

Backus e il suo gruppo di lavoro si sentono abbastanza preparati dalle loro precedenti ricerche per pubblicare un foglio intitolato:“Preliminary Report, Specifications for the IBM Mathematical FORmula TRANslating System, FORTRAN.

”Assieme ad altri tecnici IBM, Backun visita i clienti che hanno ordinato il 704 per presentare loro questo nuovo linguaggio e ottenere critiche e suggerimenti in merito alle sue funzioni.

In quel modo Backus anticipò la fine del suo compilatore in 6 mesi, contro i due anni delle previsioni.

Il compilatore consisteva di 25.

000 righe di codice macchina, memorizzate su nastro magnetico.

Venne fornita una copia del programma a ciascun cliente del 704, assieme ad un manuale di 51 pagine.

La prima versione del programma era chiaramente difettosa, ma successivamente vennero rimossi tutti i bug che conteneva.

John W.

BackusIngegneri e scienziati sceglieranno definitivamente questa strada per la programmazione dei computer, abbandonando il metodo di modificare il cablaggio interno delle macchine per cambiarne il programma da eseguire.

Un altro passo da giganti verso il futuro!Gli scienziati in questo modo possono lavorare indipendentemente dai programmatori, inserendo direttamente i loro programmi nel computer.

Bisognerà però attendere fino al 1956 per vedere apparire il primo vero manuale del FORTRAN.

La documentazione è sempre l'ultima cosa a cui i pensano i programmatori!
1955 La IBM annuncia il 704, un nuovo calcolatore con memoria a nuclei al posto del CRT utilizzato sui precedenti sistemi IBM 701, con aritmetica floating-point e un sacco di nuove istruzioni per il calcolo scientifico.

IBM 704
1955 IBM 702: la prima macchina commerciale completamente costruita con transistor e messa sul mercato da IBM.

L'ancora alto costo dei transistor ne decreterà il flop.

Ma la linea di sviluppo è ormai tracciata.

Noterete che si presenteranno molte "prime" macchine completamente a transistor, ma questa è sicuramente la prima.

IBM 702 IBM 702
1956 L'IBM introduce e inizia le installazioni dei sistemi RAMAC 305(RAMAC = Random Access Method Of Accounting And Control).

Sarà questo il primo passo per trasferire i dati (records) dal supporto delle vecchie e ingombranti schede perforate, alle unità a dischi magnetici.

Il passaggio è rivoluzionario, in quanto consente di eseguire operazioni di aggiunta, aggiornamento o cancellazione di record semplicemente riscrivendoli sul disco.

Le schede, oltre ad essere ingombranti e pesanti, non consentivano accesso diretto ai dati, erano vincolate alle 80 colonne, non erano modificabili e -non per ultimo!- costavano parecchi soldi.

Il RAMAC 305, però, non sarà la macchina che darà la spinta al passaggio da elaborazioni a schede a sistemi a dischi e/o nastri magnetici.

Questa macchina ha un costo elevato, è particolarmente fragile e quindi soggetta a lunghi fermi di manutenzione e non è facile da programmare, richiedendo per l'impostazione di un lavoro, sia il caricamento di un programma ancora su schede che l'impostazione di una serie di pannelli a spine estraibili.

IBM RAMAC 305 - vista completa da sinistra: stampante, lettore schede, unità di calcolo, unità dischi, console e macchina da scrivereSi tratta dei primi elaboratori commerciali che dispongono di una unità a dischi fissi per la memorizzazione di dati al posto dei tamburi magnetici o delle unità nastro.

Il sistema fa ampio uso di valvole elettroniche, poste in cestelli facilmente estraibili.

IBM RAMAC 305 - la console e sul fondo i dischi

L'unità disco consisteva in una pila di 50 dischi da 24", con una capacità totale di 5 o 10 milioni di caratteri (5Mb o 10Mb), che era un'enormità per quei tempi!

La velocità di rotazione era di 1.

200 giri al minuto.

L'unità poteva avere uno o due bracci d'accesso (il secondo era optional).

Ogni braccio aveva una sola testina di lettura/scrittura.

Durante un'operazione di ricerca di dati su disco, il braccio meccanico (comandato ad aria compressa!) si doveva prima spostare verticalmente per raggiungere uno dei 50 dischi e poi orizzontalmente per andare alla pista voluta.

I dati sono letti o scritti alla velocità di 22.

500 car/sec.

I tempi d'accesso vanno da 100 a 800 millisecondi.

Nel caso di rottura di una testina ci volevano alcuni giorni per la riparazione.

Il meccanismo veniva comunque posto in manutenzione una volta alla settimana.

il primo disco fisso della storia IBM 1405 disk storage unit(particolare del meccanismo d'accesso)* vai alla pagina di approfondimento scritta da Ricky Spelta
1957 Il FORTRAN-1 è formalmente pubblicato.

Questo prodotto, che è il primo di qualsiasi linguaggio di alto livello, è stato sviluppato da John Backus col suo gruppo di specialisti IBM.

Il FORTRAN usa una notazione che è molto simile a quella usata nell'algebra.

Per questo motivo il FORTRAN diventerà assai popolare tra gli scienziati e i tecnici.

1959 L'ultimo grande computer scientifico IBM di prima generazione, ancora a valvole elettroniche, venne prodotto in quest'anno e si tratta dell'IBM 709.

E' la prima macchina che dispone di un data channel per I/O.

L'unità centrale può essere aperta come un libro, facilitando l'accesso al cablaggio interno.

Il sistema completo è composto da sette diverse unità che comprendono la memoria, il canale dati, l'alimentatore, il lettore di schede, la stampante e svariate unità nastro magnetico.

IBM 709
1959 La IBM consegna i primi 4 modelli del primo computer completamente transistorizzato all'Aeronautica degli Stati Uniti.

Si tratta del sistema IBM 7090.

IBM 7090 la console del sistema IBM 7090 All'inizio degli anni '60 le traiettorie di volo dei missili Saturno della NASA saranno calcolate un'impressionante numero di volte dai sistemi IBM 7090.

La macchina può eseguire 22.

900 calcoli al secondo.

E questo parametro creerà una unità di misura standard nell'industria: il numero di calcoli floating point al secondo (FLOPS).

1959 A Poughkeepsie (USA) ingegneri IBM completano la prima linea di produzione di transistor totalmente automatizzata.

Un anno più tardi verranno sfornati e testati 1.

800 transistor all'ora.

1959 Mentre molte aziende procedono nello sviluppo di supercomputer, IBM annuncia la disponibilità di due piccole macchine, l'IBM 1401 per le aziende e l'IBM 1620 per gli scienziati.

IBM 1401 - base IBM 1401 - Tape system L'IBM 1401 diventa subito la macchina più popolare, sia per la gestione dei dati aziendali, che per piccole università e colleges.

console IBM 1401 L'IBM 1401 è programmabile con diversi linguaggi, tra cui: - SPS (Symbolic Programming System) - RPG (Report Program Generator) - FARGO (Fourteen-oh-one Automatic Report Generating Operation) In soli 6 anni verranno venduti 10.

000 sistemi 1401.


L'IBM 1620 rappresenterà per molti studenti il primo approccio al computer.

IBM sistema 1620 con le periferiche: 1311 disc drive, 1621 paper tape unit, 1625 core storage unit,1622 card reader/punch, 1443 line printer (Technology Museum of Thessaloniki) Entrambe le macchine presentano un nucleo di memoria orientato al carattere e con capacità dai 20 ai 40Kb, nelle quali i limiti della word possono essere stabiliti dal programmatore per ottenere una precisione illimitata.

Sono fornite con una unità aritmetica che utilizza una tabella di ricerca decimale, anzichè sommatori binari.

1959 Anche in Italia inizia la diffusione nelle aziende di centri meccanografici per elaborare i dati commerciali.

Molti impianti sono composti esclusivamente da macchine IBM elettromeccaniche (dette anche Unit Record), cioè un insieme di macchine specializzate a svolgere un compito specifico sulle schede perforate.

I centri meccanografici apriranno la strada all'informatica anche in Italia, lungo l'arco di tempo che va dalla fine degli anni '50 agli anni '60.

Le macchine IBM Unit Record entreranno anche in aziende di dimensioni medio-piccole, quelle che non si possono permettere il noleggio dei mainframe, per intenderci.

In questi primi anni nascono anche la nuove professioni di perforatrice, operatore, programmatore e capo centro CED.

PANORAMICA DI MACCHINE U.

R.

DI UN CENTRO MECCANOGRAFICO IBM A SCHEDE PERFORATE IBM perforatrice di schede 024 scheda non ancora perforata e con prestampato il tracciato del record e le posizioni riservate ai vari campi scheda marcabile a mano, per essere poi tradotta automaticamente in perforazioni IBM selezionatrice 082 IBM selezionatrice veloce 083 IBM inseritrice 077 IBM multiperforatrice 514 IBM calcolatore 602 programma di un lavoro, impostato su pannello della tabulatrice IBM 444 IBM tabulatrice 407 (l'ultimo dinosauro dell'era U.

R.

) IBM riepilogatrice 557 (collegabile alla tabulatrice) tabulatrice IBM mentre stampa un modulo pre-fincato L'IBM opera prevalentemente tramite la sua prima sede in Milano (via Tolmezzo), sede ancora oggi dedicata ai Forum di presentazione ed ai corsi per i clienti.

Attorno ai centri meccanografici fiorisce una crescente attività commerciale per la fornitura di schede (in prevalenza prodotte e vendute dalla stessa IBM), di pannelli e spine per le varie macchine (un vero business, visti i prezzi di un singolo spinotto!), di nastri inchiostrati, nonchè di carta in striscia continua utilizzata per la stampa dei famosi "tabulati" e poco dopo arriveranno anche i floppy disk.

Il mercato dei cosiddetti "consumabili" farà la fortuna di molte aziende! operatori al lavoro in un centro meccanografico (il camice bianco era elemento distintivo dei tecnici meccanografici all'interno dell'azienda)
I moduli in continuo spinsero alcune grosse tipografie ad organizzarsi specificatamente per la loro produzione, che divenne sempre più sofisticata.

All'inizio degli anni '60 non esisteva ancora la carta chimica e per ottenere più copie in un primo tempo si usava un sottile nastro carbonato che passava nelle tabulatrici tra l'originale e l'unica copia possibile, poi vennero allestiti moduli fino a 6 copie, utilizzando un esteso foglio di carta carbone in mezzo ad ogni copia.

Ciò comportava, a stampa avvenuta, l'onere di separare le varie copie tra loro ed eliminare le montagne di carta carbone.

Per questa esigenza sorsero altre fabbriche che produssero per anni macchine apposite che consentirono di automatizzare il processo di separazione e taglio dei moduli.

Tutte le stampe avvenivano per impatto di martelletti contro la carta.

Sono assai lontani i tempi in cui si potrà stampare con macchine laser o a getto d'inchiostro! Malgrado ciò in un centro meccanografico di medie dimensioni si utilizzavano già stampanti in grado di fare dalle 600 alle 1200 righe al minuto.

(NdA)
Per una panoramica descrittiva di come funzionava un centro meccanografico a schede perforate, vai qui.

1960 La IBM annuncia il linguaggio PL/1, che è una combinazione di ALGOL, FORTRAN e COBOL.

Il nuovo linguaggio sarà utilizzato per grosse applicazioni su mainframe.

1961 Mentre i sistemi operativi, prima chiamati monitors o supervisors, si sviluppano allo scopo di incrementare le prestazioni dei computer, verso la fine anni '50, gli utilizzatori sono ancora frustrati dalla mancanza di familiarità e facilità d'uso del computer.

Per risolvere questo problema e ridare il controllo delle macchine agli utilizzatori, Fernando Corbatò, del MIT, produsse il CTSS (Compatible Time Sharing System) per l'IBM 7090/94, il primo sistema effettivo di ripartizione del tempo ed allo stesso tempo il primo approccio di accesso remoto dalla dimostrazione di Stibitz del 1940.

Il 7090 è una versione transistorizzata del IBM 709, che era una macchina assai popolare nei primi anni '60.

Il 7090 a 32Kb di memoria a 36-bit e dispone di unità hardware floating point.

Il FORTRAN era il suo linguaggio più usato, ma ne poteva supportare molti altri.

Fu successivamente potenziato come IBM 7094 e ne fu realizzata una versione più piccola, chiamata IBM 7040.

Un IBM 7090 controllava i voli Mercury e Gemini, il Ballistic Early Warning System (fino al 1980) e il sistema CTSS time sharing al MIT.

Il 7090 non dava buone prestazioni come unità di I/O, cosicchè nelle piccole configurazioni veniva abbinato per l'I/O ad un sistema IBM 1401 e sulle grandi configurazioni veniva connesso ad un 7040/44, destinato al solo scopo di gestire le stampanti e i lettori di schede.

1961 Il computer IBM 7030 (detto Stretch) viene completato e gira 30 volte più velocemente del 704.

IBM 7030 "Stretch" console dello Stretch lo Stretch all'Atomic Energy CommissionLos Alamos Scientific Laboratory(dove sarà operativo fino al 1971)
1962 Viene annunciata la disponibilità di un nuovo linguaggio: APL (A Programming Language) sviluppato da Ken Iverson alla Harvard University (USA).

Il progetto è sponsorizzato dalla IBM.

D'ispirazione matematica, il suo scopo principale è quello di servire per l'esecuzione di algoritmi matematici, usandone la notazione naturale.

La sua caratteristica particolare è di utilizzare altri codici, oltre ai simboli ASCII, tra cui i simboli greci (per la notazione matematica, appunto).

E' un linguaggio dinamico e interattivo, orientato alle schiere (array).

In APL tutte le espressioni sono valutate da destra verso sinistra.

1964 L'IBM annuncia il System/360:siamo alla terza generazione di computer una scheda a circuiti integrati dell' IBM System/360 The IBM System 360 range of computers, released in 1964, represented two major changes in the way computers were manufactured.

First was the processing of data in 8 bit segments.

This was also the first time that 8 bits of data was referred to as a byte (the name can apparently be attributed to Werner Buchholz, an employee of IBM at that time).

More important was the fact that this was the first large family of computers to use interchangeable software and peripherals.

The Data Cell Drive consists of a cylindrical file of magnetic strips (short broad pieces of magnetic tape) on which the data is stored.

Below left is a photo of the individual sheets.

The sheets would be removed by a mechanical device and wrapped around a drum for reading or writing.

A single cartridge would contain several thousand of these strips.

On the right is a photo of the entire Data Cell Drive (the latter is not from our collection).

La serie 360 si presenta con i linguaggi di programmazione Assembler, RPG (Report Program Generator) e COBOL.

Il sistema operativo può essere memorizzato su nastro (TOS) oppure su disco (DOS).

IBM System/360 console dell'IBM System/360IBM 360/67 vista interna della CPU IBM System/360 IBM System/360 a nastri e dischi removibili (dispack) sostituzione di un disco removibile (dispack)
1964 Il più piccolo dei Sistemi 360 IBM si chiama 360/20.

Dispone di una memoria per programmi da 8kb ed ha un microcodice memorizzato come firmware.

Funziona come tutta la serie 360 con unità a dischi removibili (dispack) e unità a nastro magnetico.

il piccolo della famiglia: il sistema 360/20
1964 Tramite un progetto in comune tra IBM e General Motors, viene sviluppato il CAD (Computer Aided Design), ovvero si apre la strada per la progettazione tecnica e il disegno attraverso l'utilizzo dei computer.

1965 Il primo cavo a fibra ottica viene impiegato in un lettore di schede IBM.

cavo a fibre ottiche
1967 La IBM costruisce il primo Floppy disk (che era da 8 pollici).

David Noble della IBM inizia a sviluppare la prima memoria su disco flessibile (floppy) per registrarvi il programma iniziale di controllo dei computer.

L'InitialControl Program Load (IPL) serve per avviare l'attività del computer e due anni più tardi questo "strano oggetto" sarà utilizzato proprio sui sistemi IBM System/370.

il floppy disk IBM da 8"Il termine "IPL" resterà in uso anche su tutti gli elaboratori successivi della IBM, per indicare la procedura di avvio o riavvio di un elaboratore, in contrapposizione al termine "Boot" usato per altri computer.

1967 La IBM produce un nuovo chip che contiene dynamic memory cell.

Ciò significa che ora un bit di memoria può essere rappresentato impiegando un solo transistor e come risultato la densità in un chip potrà essere espansa drasticamente.

1967 IBM rilascia il primo 360/91, una macchina che introduce il concetto di "pipeline", per incrementare le prestazioni del computer anche del 33%, inventato da Robert Tomasulo.

La pipeline è nel computer l'equivalente di una catena di montaggio, cioè il metodo col quale il computer può eseguire i vari passi di un'istruzione (ovvero: prelevare, decodificare, eseguire e fornire il risultato, ciascuno stadio eseguito in un solo passo).

Nel floating point pipeline, invece, si adotta un metodo a più passi.

IBM 360/91

Nei computer CDC6600, invece, era stata adottata una tecnica hardware diversa, chiamata Scoreboard.

La spiegazione di come funziona l'esecuzione di un'istruzione in un supercomputer è decisamente abbastanza complessa, ma in questo sito è reperibile in modo chiaro e dettagliato.

La IBM sui suoi /360 usa una cache memory super veloce.

Questa memoria ha mostrato infatti d'essere fino a 12 volte più veloce della standard magnetic core memory, con tempo medio d'accesso di 80 nano secondi; veramente moltissimo per quel periodo!

Panoramica
dal 1900 al 1949
dal 1950 al 1969
dal 1970 al 1989
dal 1990 ad oggi


Quando è nato il primo computer? Evoluzione IBM in Italia
Come è fatto un computer? Storia degli Hacker
Perchè i computer usano numeri binari? Spyware e IPS
Cos'era un Centro Meccanografico Cos'è un ERP
Il RAMAC 305 Cos'è il CRM
Il linguaggio RPG Cos'è l'SCM
Microsoft: monopolio o standard? Cos'è la Business Intelligence
Mondi reali e mondi virtuali
1975 1976 1977 1978 1979
1980 1981 1982 1983 1984
1985 1986 1987 1988 1989
1990 1991 1992 1993 1994
1995 1996 1997 1998 1999
2000 2001 2002
(cronologia Storia della Microsoft)


ADA PL1
ALGOL PASCAL
APL PROLOG
ASSEMBLY RPG
BASIC SIMULA
C e C++ UNIX
COBOL Storia dei linguaggi
FORTRAN Caratteristiche dei linguaggi
JAVA Il linguaggio RPG
LISP

Introduzione alla Storia Computer e Informatica Cronologia ed evoluzione hardware
Protagonisti e inventori Storia Linguaggi programmazione e Sistemi Operativi
Storia computer IBM Storia computer Microsoft
Storia computer Apple Evoluzione Interfacce grafiche
Storia Internet e reti Storia Linux
Approfondimenti e articoli vari su computer e informatica Altri link sul tema dei vecchi computer
Breve corso di grafica al computer e ritocco fotografico Glossario dei termini informatici
Storia dei Giochi e videogiochi al Computer Corsi online e videocorsi
Racconto di Attilio Romita "Computer, Ordinateur, Elaboratori .
Forse Cervelloni!"
Selezione di libri su computer e informatica
guida della segretaria dalla A alla Z. A La guida della segretaria dalla A alla Z.
Agenda, archivio, documentazione, informatica, organizzazione, riunioni, telefono, viaggi

Bazin Dorothée, Broilliard Anne, 2012, Franco Angeli
Fondamenti di diritto dell'informatica Fondamenti di diritto dell'informatica
Farina Massimo, 2012, Experta
Internet spiegata a mamma e papà. Per fa Internet spiegata a mamma e papà.
Per fare a meno di amici, figli e nipoti
Ubuntu. Guida ufficiale. I portatili Ubuntu.
Guida ufficiale.
I portatili

Mako Hill Benjamin, Helmke Matthew, Burger Corey, 2012, Mondadori Informatica
Joomla! Guida all'uso Joomla! Guida all'uso
North Barrie M., 2012, Mondadori Informatica
Computer certification guide. Manuale pr Computer certification guide.
Manuale propedeutico al conseguimento della certificazione informatica europea Eipass

Schiano di Pepe Mauro, Caruso Marco, Ettari Diego, 2012, S.
TFA Fisico informatico matematico. Pacch TFA Fisico informatico matematico.
Pacchetto promozionale per la preparazione ai test di accesso. Con software di simulazione

2012, Edises
Fondamenti di informatica e programmazione web
Angelaccio Michele, Fanti Alessia, 2011, Texmat
Elementi di informatica per le professio Elementi di informatica per le professioni sanitarie
Antonetti Giovanni, 2011, Universitalia
Hacker contro hacker. Manuale pratico e Hacker contro hacker.
Manuale pratico e facile di controspionaggio informatico

Aranzulla Salvatore, 2011, Mondadori Informatica
Informatica. Informatica.
2008, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica Informatica
Esposito Francesco, 2011, Edises
Informatica umanistica Informatica umanistica
2010, McGraw-Hill Companies
Informatica e crittografia attraverso gl Informatica e crittografia attraverso gli esercizi.
Una metodologia e una pratica didattica

Cecchi Alberto, Orazi Roberto, 2010, Liguori
Informatica. Insieme verso la conoscenza Informatica.
Insieme verso la conoscenza

Zaccarelli Guido, 2010, Athena Audiovisuals
Informatica testuale. Teoria e prassi Informatica testuale.
Teoria e prassi

Orlandi Tito, 2010, Laterza
Informatica industriale Informatica industriale
Fantechi Alessandro, 2009, CittàStudi
Informatica facile. Guida alle tecnologi Informatica facile.
Guida alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Manuale per il conseguimento della Certificazione informatica europea EIPASS®
Informatica per i beni culturali Informatica per i beni culturali
Rossignoli Nicola, 2010, Lampi di Stampa
Informatica di base Informatica di base
De Rosa Antonio, Di Capua Giuseppe, 2010, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica applicata al Suono per la Co Informatica applicata al Suono per la Comunicazione Musicale.
Musical Digital Audio

Malcangi Mario, 2009, Maggioli Editore
Informatica teorica Informatica teorica
Mandrioli Dino, Spoletini Paola, 2011, CittàStudi
Informatica di base. Conoscere e compren Informatica di base.
Conoscere e comprendere le risorse digitali nella società del'informazione

Allegrezza Stefano, 2009, Simple
Informatica per tutti dalla chiocciolina Informatica per tutti dalla chiocciolina allo zip
Carucci Giuseppe, 2008, Simple
Informatica per le professioni infermier Informatica per le professioni infermieristiche e ostetriche
Terzoni Stefano, 2010, Hoepli
Informatica per l'economia Informatica per l'economia
cur.Clerici A., 2011, EGEA Tools
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare