logo windoweb


Foto gratis Home Page sito Storia Computer

Sei qui: Home > Storia computer > Storia delle interfacce grafiche> fino al 1969 segue>dal 1969

Storia delle interfacce grafiche

fino al 1969(premessa)

OFFERTE AMAZON



fino al 1969 Prima degli anni Settanta non ci sono computer con interfacce di tipo grafico, anche perché fino a quell'epoca si trattava di macchine soprattutto progettate per calcoli matematici e scientifici, perciò in grado di elaborare solo input e output di tipo numerico (salvo rarissime eccezioni) e le informazioni che restituivano erano prevalentemente dei risultati di calcolo e basta.

La gestione dell'alfabeto oltre ai numeri, all'interno dei calcolatori, fa la sua apparizione negli anni sessanta, con l'avvento dei primi sistemi di elaborazione di tipo aziendale, che, uscendo dall'ambito matematico, hanno la necessità di poter stampare anche -per esempio- indirizzi di clienti e descrizioni di articoli.

Il colloquio uomo-macchina, però, non è ancora attuale, visto che tutt'al più bisognava comunicare solo in termini di numeri.

I sistemi di allora erano concepiti per ricevere tutti i dati richiesti, svolgere un determinato calcolo e fornire un unico risultato o stampare un prospetto, una lista, un tabulato.

L'uomo si limitava ad interagire per dare dei comandi d'avvio o di termine di un programma.

I dati erano forniti con vari mezzi: tastiere, schede perforate, nastri, interruttori, pulsanti, ecc.

Usando linguaggi e metodi abbastanza complicati.

I risultati venivano visualizzati tramite ruote numerate, oppure perforati su altre schede o nastri o battuti su console, tipo macchina per scrivere elettrica, o ancora sulle stampanti.

I messaggi di errore ed ogni altra comunicazione era fornita dal calcolatore su display di tipo meccanico o ancora tramite macchina per scrivere o per mezzo di tante piccole lampadine; quelle stesse che facevano impazzire i ragazzini e che dettero la stura alla fantascienza.

La visualizzazione su schermi video era agli albori e non rappresentava comunque un'interfaccia vera e propria.

La spinta verso la realizzazione di interfacce grafiche nascerà quando i computer inizieranno ad essere venduti ad acquirenti privati, a digiuno di qualsiasi conoscenza tecnica.

Occorrerà rendere più facile la comunicazione uomo-macchina, perciò le interfacce grafiche nasceranno con i personal computer, proprio allo scopo di rendere più "umani" i comandi da impartire alla macchina.

Fino alla loro comparsa non sarà facile insegnare ad una persona che per sapere quali archivi ci sono sul suo disco dovrebbe, per esempio, battere:a> DIR C: *.

* /P
Ma cos'è una "Interfaccia grafica"?Non essendo interessati a disquisire sulle varie forme di comunicazione col computer diverse da quella che comunemente chiamiamo "interfaccia grafica" (visto lo scarso interesse che avrebbe parlare di lampadine o altro), vediamo quali attributi fanno sì che si possa realmente definire "di tipo grafico" il modo in cui un computer ci consente la comunicazione.

Le funzionalità possono essere molte e non è indispensabile che siano tutte presenti per stabilire se siamo o no di fronte ad un'interfaccia grafica.

La modalità di visualizzazionePrima di tutto direi che c'è un requisito essenziale:il modo di rappresentare i dati.

Un'interfaccia grafica non rappresenta lettere e numeri avvalendosi di matrici fisse o diciamo di uno o più set di caratteri, ma opera costruendo un layout di pixel, ovvero di puntini sullo schermo, indipendenti l'uno dall'altro.

In altre parole dal computer al monitor non viaggiano byte che rappresentano ciascuno un carattere che viene poi interpretato e visualizzato, ma semplici punti da visualizzare.

Ogni punto avrà poi le sue coordinate di visualizzazione e i suoi attributi, che possono essere di luminosità, di lampeggiamento, di colore e via dicendo.

I punti "disegnano" dunque qualsiasi traccia, da una lettera dell'alfabeto (piccola o grande quanto si voglia) ad una serie di linee, di fondi, di immagini, ecc.

Appare subito evidente che l'impegno per disegnare su uno schermo è ben diverso da quello di comunicare dei dati che già rappresentino dei caratteri.

Per riempire uno schermo che consenta di indirizzare 80 caratteri su 24 linee bastano infatti 1920 bytes.

Mentre per rappresentare gli stessi caratteri a singoli puntini i bytes da trasmettere allo schermo diventano milioni! classica videata DOS -solo testo-Ciò fa capire subito una cosa: perché ci siano voluti molti anni di evoluzione prima di arrivare ad una vera e propria interfaccia grafica.

Prima che compaiano le reali interfacce grafiche nasceranno degli ingegnosi compromessi: ovvero interfacce composte non di singoli pixel, ma che sfruttando un set di caratteri particolarmente ampio e contenente anche alcuni piccoli simboli grafici, come rette, angoli, frecce, faccine, ecc.

saranno in grado di dare "l'illusione" della grafica.

Ma si tratta pur sempre di interfacce di solo testo e non d'interfacce grafiche nel vero senso del termine.

Ne sarà un valido esempio il Microsoft Basic PDS, dove compariranno menù e finestre, con le loro brave linee di demarcazione.

Menu realizzato con Basic PDS in ambiente DOSMa siamo nell'interfaccia testo di tipo grafico e niente più.

In una videata del genere una semplice icona non è visualizzabile.

E' comunque un primo passo verso la facilitazione operativa.

Il concetto di finestreUn ambiente grafico non può presentare una sola finestra alla volta, deve comprendere la possibilità di ridimensionare una finestra, spostarla, aprire altre finestre e via di seguito.

Ciò significa che oltre ad avere la massima elasticità d'esposizione dei dati, ogni finestra può realmente rappresentare un diverso programma, siamo quindi nella necessità di disporre contemporaneamente di un sistema multitasking reale.

Le finestre devono presentare una barra con dei comandi essenziali e nel loro interno deve essere possibile visualizzare qualsiasi cosa.

Altra caratteristica implicita nel concetto di finestra è la possibilità di scorrerne il contenuto in verticale e in orizzontale.

E' implicito nel termine stesso di "finestra", un modo per guardare ai propri dati, qualunque sia la loro ampiezza, dunque anche se superiore alle reali dimensioni dello schermo.

Il concetto di menù pull downOgni finestra può possedere dei comandi che siano apribili per consultarne tutte le funzioni previste.

I menù pull-down, cioè a discesa, rappresentano un metodo molto pratico per navigare tra le varie funzioni o programmi o procedure che dir si voglia, senza doversi ricordare strani o complicati comandi.

Il concetto di combo box o list boxAll'interno di una finestra possono comparire dei riquadri che a loro volta hanno comandi per scorrere righe di dati e per selezionare una o più righe alla volta.

Le applicazioni dei combo box e list box sono infinite.

In linea generale rappresentano un elenco di scelte obbligate (o libere).

Infatti è molto più facile fornire un'informazione scegliendo tra quelle proposte e previste dal computer, che non doverla battere da tastiera, col rischio di scriverla in un modo diverso da quello atteso dal programma.

Il concetto di fontLa massima elasticità di rappresentazione dei caratteri si ottiene potendo scegliere il loro stile e la loro dimensione sullo schermo (o verso le stampanti).

Ciò diventa essenziale quando parleremo di elaborazione o composizione di testi.

Ogni carattere deve poi avere i suoi attributi di visualizzazione oltre allo stile.

Il concetto di puntatoreNell'ambito di una interfaccia grafica il mouse è l'elemento essenziale, perchè il più idoneo a gestire in modo rapido, facile ed efficiente la vasta gamma di eventi che si possono verificare, senza dover ricorrere a sofisticati comandi da tastiera per spostare un puntatore e fare una scelta.

Infatti in questi ambienti di lavoro non abbiamo più la sequenza unica di domanda-risposta, ma l'operatore è libero di scegliere cosa fare semplicemente spostando il puntatore e premendo un tasto (il famoso click).

Il concetto di programmazione ad eventiDietro il semplice utilizzo del puntatore e dei tasti del mouse, però, si nasconde una programmazione "per eventi" decisamente complessa, vista l'ampia gamma di casi che si possono presentare.

La programmazione ad eventi richiede un sistema operativo veloce ed efficiente e una dose massiccia di programmazione aggiuntiva.

Vale sempre la regola che più facile è operare, più difficile è programmare.

Il concetto di iconaAl giorno d'oggi noi siamo abituati a decifrare migliaia di simboli grafici diversi, presenti sulle lavatrici, televisori, telefonini, automobili, videocamere, ecc.

ecc.

Le icone sono semplicemente dei simboli grafici e presentano molti vantaggi, rispetto ad un titolo scritto in caratteri.

Prima di tutto i simboli sono internazionali.

Poi occupano meno spazio ed infine sono più mnemonici.

Pensate al concetto di "cestino" per rendervi conto di quanto sia più facile insegnare a qualcuno che un documento si cancella spostandolo nel cestino e anzichè dare strani comandi.

Il concetto di copia/incollaLa capacità di copiare alcune informazioni, dopo averle selezionate, e di "incollarle" in altra parte dello schermo, è sicuramente un altro enorme vantaggio integrato nell'interfaccia grafica.

In alternativa alle funzioni di copia/incolla si può usare l'opzione drag and drop, che rappresenta in modo ancor più visivo, la capacità di scegliere un oggetto e trascinarlo in altro posto sempre sullo schermo.

E non importa di quale tipo di oggetto si tratti: il drag and drop sposta (o copia) parti di testo così come immagini, pezzi di suoni o quant'altro sia visibile al momento.

interfaccia grafica modernaLa differenza di come appare oggi uno schermo di pc rispetto a tutte le interfacce precedenti non ci sorprende più, perchè ormai siamo abituati ad identificare questo modo di rappresentare i dati come se fosse l'unico possibile, ma ritornate con lo sguardo al vecchio prompt del DOS e capirete quale enorme differenza c'è tra i due sistemi.

Questa differenza ovviamente si riflette poi in termini di resa produttiva del proprio lavoro e di facilità nello svolgere compiti assai più complessi di quelli che si potevano realizzare in passato.

L'interfaccia grafica non è tutto!Nelle pagine successive si vedranno molte immagini di interfacce grafiche probabilmente più accattivanti del solito Windows a cui ci siamo abituati.

E a tutti capita di commentare: ma perché mai allora Windows ha sbaragliato tutti gli avversari, sia quelli venuti prima che quelli venuti dopo?La mia opinione personale è che non si è trattato di un blitz o di un'operazione esclusivamente di "prepotenza" imprenditoriale.

Alla base del successo o per meglio dire dell'insuccesso dei concorrenti di Windows c'è la "strategia", lasciando stare Apple e i suoi Macintosh, che non sono stati mai coinvolti dal discorso perché rappresentano una nicchia che non ha affrontato il mondo dei programmi gestionali.

In tutti i casi faremmo un gravissimo errore se ci limitassimo a valutare la qualità della semplice interfaccia grafica.

Dietro alla facciata del GUI c'è un sistema operativo intero, che deve gestire tutto ciò che si presenta sullo schermo e che è comandato da tastiera o da mouse.

Il punto debole della catena non è l'aspetto esteriore, ma l'adeguatezza di un kernel e di tutti gli altri componenti collaborativi, rispetto alle configurazioni medie offerte dal mercato del momento.

OS/2 proposto da IBM, un sistema operativo a 32 bit, era esteriormente più accattivante e generalmente più potente, ma non passò nella catena della grande distribuzione.

E ciò non avvenne solo perché Bill Gates era più furbo o perché più abile a condizionare i produttori e i distributori ad inserire il rudimentale Windows (gratis!) nei PC dell'epoca (286, 386 e 486).

Semplicemente era più indietro col suo sistema grafico e questo occupava meno spazio, era meno esigente e più facile da capire.

I primi Windows giravano (e senza troppi problemi) su qualsiasi PC!Il grande pubblico degli utenti di PC non aveva mai visto un mouse e non sapeva cos'erano le finestre GUI.

Con Windows familiarizzarono lentamente e senza spendere soldi per potenziare il PC.

Impararono così ad apprezzare i semplici giochini, ad usare la calcolatrice, la ancor più semplice scrittura di un testo sotto Write a fare i primi disegnini sotto Paint e ad avvicinarsi poi timidamente ad Excel.

Era quanto ci voleva per muovere il mercato, formare gli utenti, crearne la sensibilità al prodotto e di conseguenza la fedeltà.

IBM, invece, si preoccupò dei suoi PC che venivano clonati, forse si pentì d'avere creato per la prima volta una macchina così "aperta" e corse ai ripari con i PS/2 (incopiabili) e con l'OS/2, per far vedere che aveva una proposta migliore dei concorrenti, sperando di fare affari d'oro con le sue esclusive.

Questa strategia si rivelò decisamente sbagliata, perché fuori tempo.

E quando il grande pubblico dei consumatori di PC crebbe e si fece più esigente si era ormai rassegnato ogni due o tre anni a passare alla versione più evoluta di Windows.

Ciò gli garantiva un passaggio più semplice e la massima compatibilità dei suoi documenti e di quanto aveva -faticosamente- imparato a fare.

In un libero mercato nessuno impone niente, il successo è il risultato di buone strategie e basta.

I PS/2 si sono estinti, OS/2 non è più in circolazione ed anche le reti Token ring hanno cessato di esistere.

E tutto ciò malgrado queste soluzioni fossero decisamente migliori di quelle presenti dal 1980 al 2000.

Ricky Spelta
fino al 1969 (premessa)
dal 1970 al 1979
dal 1980 al 1989
dal 1990 al 1999
dal 2000 ad oggi


Quando è nato il primo computer? Evoluzione IBM in Italia
Come è fatto un computer? Storia degli Hacker
Perchè i computer usano numeri binari? Spyware e IPS
Cos'era un Centro Meccanografico Cos'è un ERP
Il RAMAC 305 Cos'è il CRM
Il linguaggio RPG Cos'è l'SCM
Microsoft: monopolio o standard? Cos'è la Business Intelligence
Mondi reali e mondi virtuali
1975 1976 1977 1978 1979
1980 1981 1982 1983 1984
1985 1986 1987 1988 1989
1990 1991 1992 1993 1994
1995 1996 1997 1998 1999
2000 2001 2002
(cronologia Storia della Microsoft)


ADA PL1
ALGOL PASCAL
APL PROLOG
ASSEMBLY RPG
BASIC SIMULA
C e C++ UNIX
COBOL Storia dei linguaggi
FORTRAN Caratteristiche dei linguaggi
JAVA Il linguaggio RPG
LISP

Introduzione alla Storia Computer e Informatica Cronologia ed evoluzione hardware
Protagonisti e inventori Storia Linguaggi programmazione e Sistemi Operativi
Storia computer IBM Storia computer Microsoft
Storia computer Apple Evoluzione Interfacce grafiche
Storia Internet e reti Storia Linux
Approfondimenti e articoli vari su computer e informatica Altri link sul tema dei vecchi computer
Breve corso di grafica al computer e ritocco fotografico Glossario dei termini informatici
Storia dei Giochi e videogiochi al Computer Corsi online e videocorsi
Racconto di Attilio Romita "Computer, Ordinateur, Elaboratori .
Forse Cervelloni!"
Selezione di libri su computer e informatica
guida della segretaria dalla A alla Z. A La guida della segretaria dalla A alla Z.
Agenda, archivio, documentazione, informatica, organizzazione, riunioni, telefono, viaggi

Bazin Dorothée, Broilliard Anne, 2012, Franco Angeli
Fondamenti di diritto dell'informatica Fondamenti di diritto dell'informatica
Farina Massimo, 2012, Experta
Internet spiegata a mamma e papà. Per fa Internet spiegata a mamma e papà.
Per fare a meno di amici, figli e nipoti
Ubuntu. Guida ufficiale. I portatili Ubuntu.
Guida ufficiale.
I portatili

Mako Hill Benjamin, Helmke Matthew, Burger Corey, 2012, Mondadori Informatica
Joomla! Guida all'uso Joomla! Guida all'uso
North Barrie M., 2012, Mondadori Informatica
Computer certification guide. Manuale pr Computer certification guide.
Manuale propedeutico al conseguimento della certificazione informatica europea Eipass

Schiano di Pepe Mauro, Caruso Marco, Ettari Diego, 2012, S.
TFA Fisico informatico matematico. Pacch TFA Fisico informatico matematico.
Pacchetto promozionale per la preparazione ai test di accesso. Con software di simulazione

2012, Edises
Fondamenti di informatica e programmazione web
Angelaccio Michele, Fanti Alessia, 2011, Texmat
Elementi di informatica per le professio Elementi di informatica per le professioni sanitarie
Antonetti Giovanni, 2011, Universitalia
Hacker contro hacker. Manuale pratico e Hacker contro hacker.
Manuale pratico e facile di controspionaggio informatico

Aranzulla Salvatore, 2011, Mondadori Informatica
Informatica. Informatica.
2008, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica Informatica
Esposito Francesco, 2011, Edises
Informatica umanistica Informatica umanistica
2010, McGraw-Hill Companies
Informatica e crittografia attraverso gl Informatica e crittografia attraverso gli esercizi.
Una metodologia e una pratica didattica

Cecchi Alberto, Orazi Roberto, 2010, Liguori
Informatica. Insieme verso la conoscenza Informatica.
Insieme verso la conoscenza

Zaccarelli Guido, 2010, Athena Audiovisuals
Informatica testuale. Teoria e prassi Informatica testuale.
Teoria e prassi

Orlandi Tito, 2010, Laterza
Informatica industriale Informatica industriale
Fantechi Alessandro, 2009, CittàStudi
Informatica facile. Guida alle tecnologi Informatica facile.
Guida alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Manuale per il conseguimento della Certificazione informatica europea EIPASS®
Informatica per i beni culturali Informatica per i beni culturali
Rossignoli Nicola, 2010, Lampi di Stampa
Informatica di base Informatica di base
De Rosa Antonio, Di Capua Giuseppe, 2010, Edizioni Giuridiche Simone
Informatica applicata al Suono per la Co Informatica applicata al Suono per la Comunicazione Musicale.
Musical Digital Audio

Malcangi Mario, 2009, Maggioli Editore
Informatica teorica Informatica teorica
Mandrioli Dino, Spoletini Paola, 2011, CittàStudi
Informatica di base. Conoscere e compren Informatica di base.
Conoscere e comprendere le risorse digitali nella società del'informazione

Allegrezza Stefano, 2009, Simple
Informatica per tutti dalla chiocciolina Informatica per tutti dalla chiocciolina allo zip
Carucci Giuseppe, 2008, Simple
Informatica per le professioni infermier Informatica per le professioni infermieristiche e ostetriche
Terzoni Stefano, 2010, Hoepli
Informatica per l'economia Informatica per l'economia
cur.Clerici A., 2011, EGEA Tools
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare