logo windoweb



Sei qui: Home > Verso il nucleare pulito >
Gli ultrasuoni, la cavitazione e la fusione termonucleare 1989 – 1991

VERSO IL NUCLEARE PULITO
Scoperta e Sfruttamento delle
Reazioni Nucleari Ultrasoniche

per gentile concessione dell'autore Fabio Cardone fotografie inserite dallo staff di windoweb

OFFERTE AMAZON




Gli ultrasuoni, la cavitazione e la fusione termonucleare 1989 – 1991
prima parte
Gli ultrasuoni, la cavitazione e la fusione termonucleare 1989 – 1991
seconda parte

Cap 2 Gli ultrasuoni, la cavitazione e la fusione termonucleare 1989 – 1991
La scoperta della sono-luminescenza nel 1989 sorprese molto ed a lungo (cfr. 6), infatti era sorprendente che il suono e gli ultrasuoni potessero indurre dei liquidi ad emettere luce o più in generale onde elettromagnetiche ossia radiazione elettromagnetica, di cui la luce è un caso particolare, come fu scoperto nel diciannovesimo secolo.

Vennero avanzate ipotesi e stime su quale fosse il meccanismo che permetteva alle onde di pressione del suono e degli ultrasuoni di indurre l’emissione della luce da parte dei liquidi, ma presto ci si accorse che il vero fenomeno scatenante non era la pressione da sola ma la “cavitazione”.

La cavitazione è un fenomeno che fu scoperto casualmente nell’acqua al principio del ventesimo secolo, quando le prime eliche metalliche delle navi risultavano piene di piccole cavità dopo un certo periodo di funzionamento.
Cavitazione
Cavitazione Presto si comprese la causa di quelle cavità che danneggiavano il metallo, erano le bolle di gas disciolto nell’acqua che, quando l’elica si muoveva, invece di scoppiare e liberare il gas, esplodevano al contrario ossia “implodevano” effettuando un collasso su se stesse contro la superficie metallica.

Questa implosione o collasso delle bolle su se stesse incideva sul metallo causando delle cavità, da cui il nome cavitazione.

Successivamente si capì che questo processo di collasso era iniziato dalle onde di pressione e poi procedeva da sé, ma inoltre riusciva a concentrare in tempi brevissimi una grande quantità di energia in un volume piccolissimo addirittura microscopico.

Inoltre il suono ed in particolare gli ultrasuoni con la loro pressione riuscivano a causare il collasso delle bolle dei gas normalmente disciolti nell’acqua a pressione atmosferica ed a temperatura ambiente.
Questo avveniva in particolare quando le oscillazioni avevano una frequenza alta, da un minimo di 5000 – 8000 oscillazioni in un secondo fino ad un massimo di 20000 – 25000 oscillazioni in un secondo.

La cosa sorprendente è che la cavitazione era il collasso delle bolle su se stesse durante il quale l’onda di pressione degli ultrasuoni veniva trasformata spontaneamente dalle bolle in onda d’urto.

Questo avviene però solo quando l’onda di pressione è di molto più grande del diametro della bolla che sta schiacciando.

Un po’ come le onde del mare che, se sono basse, possono far cadere una persona immersa nel mare fino al torace, ma, se sono alte, possono anche spezzare il collo anche ad una persona immersa solo fino al ginocchio, e questo perché l’altezza dell’onda è di molto maggiore dell’altezza della persona.

A questo punto venne calcolata quale poteva essere la temperatura che l’onda d’urto della cavitazione di una bolla doveva raggiungere per permettere la emissione della luce, ed i risultati delle stime furono sorprendenti.
Cavitazione
Gli ultrasuoni, la cavitazione e la fusione termonucleare 1989 – 1991
prima parte
Gli ultrasuoni, la cavitazione e la fusione termonucleare 1989 – 1991
seconda parte



Capitoli riguardanti l'argomento
Introduzione
1 Premessa : l’energia nucleare e la pressione 1943 - 1945
2 Gli ultrasuoni, la cavitazione e la fusione termonucleare 1989 – 1991
3 Il primo modello americano 1992 – 1998
4 Il secondo modello americano 1999 – 2002
5 La via italiana alle reazioni piezonucleari 2003 – 2004
6 Gli esperimenti italiani 2005 -2007
7 Le reazioni nucleari ultrasoniche con sostanze inerti : il Ferro
8 Le reazioni nucleari ultrasoniche con sostanze radioattive : il Torio
9 Le prospettive di sfruttamento delle reazioni nucleari ultrasoniche
Bibliografia e Referenze
Biografia di Fabio Cardone
Video relativi alla Scoperta e Sfruttamento delle Reazioni Nucleari Ultrasoniche (piezonucleare)
Via legislativa di sfruttare la scoperta del piezonucleare di proprietà interamente dello Stato Italiano da parte del nostro Governo.
Prossimo appuntamento sugli sviluppi delle reazioni piezonucleari a Roma, il 5 e 9 Ottobre 2009 in occasione della 15 Conferenza internazionale sulla scienza nucleare e materia condensata c/o la pontificia Università S. Tommaso Angelico (organizzione ENEA).



CLICCA QUI ... PER CONSULTARE LA MAPPA SATELLITARE DEL GLOBO DI GOOGLE


Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare