logo windoweb


Charlotte Radnitz Lotte Frumi

Charlotte Radnitz Lotte Frumi Biografia ed Opere (1899 – 1986)

Torna alla Home Page enciclopedica di

Charlotte Radnitz Lotte Frumi
Charlotte (“Lotte”) Radnitz nacque nella Praga degli anni d’oro, della grande stagione culturale d’inizio ‘900, quella raccontata da Rainer Maria Rilke e Kafka. Fu amica di Schiele e Kokoschka.

Oltre a nutrirsi della grande cultura mitteleuropea, Lotte affinò le qualità intellettuali ed estetiche con lunghi soggiorni nelle capitali europee, dove completò la sua formazione artistica.

A Parigi frequentò Utrillo e Soutine e i pittori scapigliati di Montparnasse.

Nel 1929 l’incontro con il marito Guido Ehrenfreund- appunto italianizzato in Frumi, la trasformò definitivamente in “veneziana”.

La guerra provocò la perdita di affetti, della casa con tutti i suoi quadri e dei ricordi di gioventù, segnerà irrimediabilmente la sua vita e la sua arte. …Fuggita da Venezia per paura delle persecuzioni, dopo che la madre fu deportata in un lager, trovò scampo in Toscana, dove frequentò l’intellighenzia cosmopolita colà rifugiatasi e conobbe Bernard Berenson.

In ogni situazione che ebbe la ventura di attraversare, Lotte continuò a dipingere con un talento e una sensibilità innata e alimentate dalle formidabili esperienze umane e culturali che si trovava a vivere.

Tant’è che, finita la guerra, espose alla Biennale del 1948 dove rivide l’amico Kokoschka.

In quel periodo si dedicò soprattutto ai ritratti, come quello esposto alla Biennale di Aldo Camerino e come quelli assai intensi della madre e delle sorelle Hilda e Gerty (che ottenne il Nobel per la medicina nel 1947 insieme al marito Carl Cori).

L’immagine della sorella sfuma la severità del suo autoritratto.
Charlotte Radnitz Lotte Frumi
Altro tema amato è anche il paesaggio che oltrepassa l’impianto en plein air con accensioni cromatiche vicine all’espressionismo e talvolta al simbolismo. Abitò fino alla morte a palazzetto Falier sul Canal Grande, immersa, ultima testimone di un’età d’oro della cultura europea, nell’atmosfera incantata di Venezia.

Per vedere alcune sue Opere si consiglia la mostra: Ebraicità al femminile Otto artiste del Novecento- Padova, Centro Culturale Altinate San Gaetano Fino al 13 ottobre 2013

I Ritratti dell'artista praghese hanno un ruolo significativo nella Venezia del dopoguerra, portando in laguna e adattandola a essa la «lezione» espressionista e il timbro coloristico che la avvicina soprattutto (ma forse con una più marcata accentuazione realista) a Oscar Kokoshka, … Olga Rudge fedele compagna di Ezra Pound, uno dei ritratti più belli, immersa in una luce azzurrina .

Altri volti segnati, da una pennellata spezzettata e nervosa e con colori aspri, acidi. Da questi ritratti raffinati, immersi in una luce sorda a tratti tagliente e a tratti espansiva… da Rubin, a Levi.

Più tenero cadono le foglie: un ritratto incorniciato rigidamente in un pergolatoautunnale, ma il cielo è sereno e il volto dell’ospite quieto e assorto.

Le lavandaie evocano emozioni bibliche.

Custode della memoria pittorica di Lotte Frumi è in buona parte il Comitato veneziano della Società Dante Alighieri presieduto da Rosella Mamoli Zorzi, che all'inizio degli anni Ottanta ricevette in donazione un cospicuo numero di quadri della pittrice di origine ebraica, sposata a Venezia con Guido Ehrenfreund-Frumi.

Il desiderio è quello di far conoscere di più e meglio la pittura di Lotte, scomparsa circa ventisetteanni fa.

mt
Sett 13

Libri su Charlotte Radnitz Lotte Frumi


Argomenti Correlati
Pittori e scultori stranieri
Pittori Stranieri
Foto Arte
Foto Arte

Maestri dell'Arte
Menu Arte
Menu Arte

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it