logo windoweb


Daniela Martini Biografia ed Opere

Torna alla Home Page enciclopedica di


CENNI BIOGRAFICI Daniela Martini

Nata a Ponte San Pietro, Bergamo, il 06/02/1951, dove ha compiuto gli studi elementari.

Trasferita con la famiglia, nel 1962, a Bologna, città d’origine della madre, ha seguito gli studi medi, il liceo artistico, l’Accademia di Pittura sotto la guida del Prof. Mandelli e il Corso di Incisione tenuto dal Prof. Manaresi, e dal suo valido Assistente Prof. Zuffi.

Nella stessa Accademia si è diplomata nel 1973.

Ottenuta l’abilitazione per l’insegnamento in diverse Discipline ha optato per le Discipline Pittoriche per i Licei Artistici.
Da Docente delle stesse ha insegnato presso il Liceo Artistico di Padova, Bergamo e Lovere (Bergamo).

Dai tempi dell’Accademia crea incisioni, acquarelli, oli,pastelli su soggetti ripresi dalla realtà e, o mediata dall’immaginazione.

Ha partecipato a mostre monografiche a Pisogne, a Bologna, , a diverse mostre collettive a Bologna e Bergamo e nella provincia bergamasca e bresciana.

In questi giorni partecipa all’esposizione curata da La Scuola di Bergamo e l’Accademia Carrara di Bergamo “Segno” presso l'ex Chiesa della Maddalena di Bergamo : omaggio a Goya con una sua incisione “La Agarrotada” da “El Agarrotado” di Goya

Hanno scritto

A chi voglia leggere la serie di acqueforti e puntasecche di Daniela Martini e lasciarsi poi coinvolgere e trascinare dalla inestinguibile tenerezza che emana dalla amorosa costruzione di ogni più piccolo segno-oggetto, conviene partire dalla realtà delle singole opere: il loro contenuto è equivalente infatti ai dati ed ai valori reali da cui l’emozione è scaturita.

Ciò che si coglie nei segni tracciati con infinito scrupolo e maestria artigianale dall’artista, che segue sempre quasi con monacale pazienza tutte le fasi dell’opera, è soprattutto la totale adesione alla realtà delle cose.

La trama della visione è però regolata dalla costante evocazione di un cumulo di memorie, di sogni ritrovati, di struggenti malinconie, di rabbie sepolte.

Avviene allora che l’ogettività delle punte e dei bulini lascia sulla lastra e poi sul foglio tutti i caratteri e le potenzialità dell’emozione che l’artista vuole trasmetterci.

Ma quest’orma è una presenza gentile, malgrado tutto contiene una certa tenerezza nei confronti della vita, sentita ancora come scaturigine di piccole gioie.

Marzo ’79 Monica Manfrini Orlandi

Dal “Resto del Carlino” (25 aprile 1981) in occasione della mostra tenuta a Bologna “Galleria delle Moline” dal 11 al 23 aprile 1981:
Daniela si interessa prevalentemente all’individuo e lo fissa nel ritratto per evidenziarne le caratteristiche fisiche e farne affiorare quelle psicologiche.

L’indagine di Daniela Martini è minuta ed attenta, svolta attraverso l’incisione con una mano che si è affinata alla scuola dell’Accademia bolognese, forse alla lezione di Manaresi, accademia illustre per una tradizione incisoria che va dai Carracci a Morandi.

L’alto magistero ha lasciato traccia nel tratto vibrante, nel chiaroscuro sapiente, in quel modo di guardare la realtà per penetrarla e fissarla in un’immagine indelebile. C. P.

In occasione della Collettiva a San Paolo d’Argon, dal 12 al 20 luglio 2003, “Estate a Colori”

Dalla presentazione di Fernando Noris: Daniela Martini riversa nelle sue nature morte, nei suoi paesaggi, nelle sue figure un amore caldo e intenso per tutto ciò che muove la Vita; una pittura essenziale, attenta e sorvegliata che sollecita sempre letture profonde e affettuose dei suoi soggetti, carichi, come li si può intuire, di verità e di sincerità d’affetti.

In occasione della Mostra presso il “Circolo Artistico Bergamasco”, a Bergamo dal 17 al 29 settembre 2005.

…Notiamo in Daniela Martini la scrupolosità nell’eseguire il disegno, un disegno attento, preciso, che non presenta tentennamenti di sorta e che perciò indica una “mano” sicura e da tempo alternata all’esercizio dei suoi dipinti.

Si evidenzia, inoltre, una tendenza, di proposito voluta, una accentuazione dei cromatismi, specie per i soggetti che hanno per tematica la “natura morta”, soggetti che, a nostro personale giudizio, si differenziano nelle loro specifiche tonalità.

Infatti, alcuni di questi cromatismi sono molto “accesi” altri più “smorzati”, ma pensiamo che sicuramente l’artista ha voluto in tal modo dare risalto all’ambientazione dei soggetti stessi.

I secondi, dai toni più morbidi, si inseriscono in un contesto compositivo di una sorprendente delicatezza che, per certi sensi, si identifica con un meraviglioso “chiarismo”, mentre i primi, quelli più accentuati, si presentano in una ambientazione più libera.

Comunque il fattore "luce" per Daniela Martini diviene il “protagonista” principale delle sue composizioni artistiche, le quali assumono un aspetto che sa di fiaba nei soggetti che hanno per tema il paesaggio. … Bergamo, 27 settembre 2005 Lino Lazzari

La pittura per Daniela Martini. …. la luce certo. La citazione di tale elemento si trova ricorrente nei brani dei critici che hanno letto le sue opere. Perché elemento presente in modo costante e così significativo da divenire struttura portante del¬le rappresentazioni.

Ma mi pare di dovere subito fare un distinguo, nel senso che qui la luce non è rappresentata per se stessa , come è tipico degli olandesi, ma neppure per dare vivacità agli oggetti, come negli espressionisti, perché la Martini la usa con lo scopo di “costruire un effetto di plasticità”. Per trasportare i suoi piani pittorici in una diversa spazialità ove assume portanza espressiva la forza plastica.

Allora, le tende e i teli che fanno da sfondo alle sue rose sono concrezionì plastiche, quasi ricavate da uno scalpello rnichelangiolesco da un pezzo di Carrara; le rose stesse sono corpose, corpi fisici plastici che galleggiano nello spazio.

E la montagna nel paesaggio del ‘02 è come creta uscita dalle mani dello scultore che l’ha manipolata prima di metterla in cottura.

E ancora nella natura morta con frutta, boccale e scatola metallica là luce fa lievitare gli oggetti staccandoli gli uni dagli altri.

La tavola “galleggia” contro la stenda, il piatto si stacca dalla tovaglia, le frutta sono spinte a sporgersi come offrendosi allo sguardo.

Ancora nel paesaggio con la roccia sul mare, la luce crea l’effetto plastico creando , a sinistra, lo stacco tra il barbaglio luminoso del fondo e la materia della roccia, mentre a destra l’ombra propria dello sperone trasmette il peso del suo volume al quadro con violenza imponente.

E nel paesaggio ad impianto centrale, non è rappresentato né il cielo né nell’acqua, che fanno da specchio reciproco tramite la luce, ma le masse simmetriche delle montagne delle quali è data l’origine ma il cui continuum si perde ai bordi.

Ma, importante, la luce nelle acqueforti permette la creazione di effetti di trasparenza fisica nello spazio di grande sapienza pittorica l’oltre cancellata in S. Maria e la continuità del profilo collinare “dietro” il grande noce nel Paesaggio Bossico sono segni di grande sapienza del mestiere.

GLAUCO GRESLER1 - Gennaio 2OO6 in Bologna

ESPOSIZIONI
1974- Provincia di Bologna – Concorso di grafica – 1° Premio.
1979- Bologna, “Esperienze grafiche” Mostra Personale: “Buca dell’Artista”.
1980- Monte Campione (Brescia) - Concorso Nazionale Pitt. Estemporanea – Premio Circolo Artistico “Moretto” Brescia.
1981- Bologna, “Acquerelli e incisioni”, Mostra: “Galleria delle Moline”, Circolo Culturale AICS.
1982- Treviglio (Bergamo), “Scultura e pittura, Due aspetti di situazioni”Esposizione collettiva, Sala Della Torre, Centro Civ. Com. e Circ. Cult. “l’Ulisse”.
1993- Bergamo, “Exempla”, Esposizione Didattica, Aula Magna Liceo Artistico di Bergamo, organizzata dal Docente dell’Istituto Prof. A. Amorosa.
1995- Pisogne (Brescia), “Appunti di un diario, Pittura e incisione”, Mostra personale, Sala Comunale, Ass. Cultura di Pisogne (BS).
2001- Inserimento nel Sito della Provincia di Bergamo, “Artisti Bergamaschi Contemporanei”. www.artistibergamaschi.it
2001- San Paolo d’Argon (Bergamo), “Le cascine”, Concorso estemporaneo di pittura, esposizione al Monastero Benedettino, Circ. Cult. “La Piazza” e Ass. Cultura.
2002- San Paolo d’Argon (Bergamo), “Atmosfere autunnali del borgo”. Concorso estemporaneo di pittura, esposizione al Monastero Benedettino, Circ. Cult. “La Piazza” e Ass. Cultura.
2002- Mostra del piccolo quadro e sul tema “Invocare la Pace”. Associazione UCAI, Centro Culturale S. Bartolomeo, Via Largo Belotti, 1 – Bergamo
2002- Iscrizione all’ANVA, archivio nazionale valori artistici ordinato su internet, e iscrizione al servizio redazionale internet Artitalia, www.artitalia.it . (dicembre)
2003- Esposizione collettiva “Circolo Artistico Bergamasco, via Tabajani 4, 24121 – Bergamo (18/30 gennaio 2003)
2003- Crema, Partecipazione estemporanea “Premio Crema”
2003- Casazza (BG) Partecipazione estemporanea “I colori della Val Cavallina” Casazza (Bergamo).
2003- “Colori dell’Estate”Collettiva di Pittura, nella quale presento:“Oggetti muti parlano”, presso “La Tavolozza” (07/29 giugno 2003) Corso Zanardelli 4, Pisogne (BS).
2003- Breno (BS). Partecipazione al Premio Breno, nella quale vince un premio per il Concorso a tema libero.
2003- San Paolo D’Argon (BG).Esposizione collettiva “Estate a Colori” , “In viaggio con quattro artisti”– Sala del Sole.
2003- Primo Premio Sezione artistica, Concorso Art. Lett. “Art-Omnis racconta e dipingi il paese di Artogne” (Brescia).
2003- Partecipazione concorso estemporaneo a San Paolo D’Argon, esposizione al Monastero Benedettino, Circ. Cult. “La Piazza” e Ass. Cultura.– Bergamo.
2003- Partecipazione alla collettiva del Centro UCAI, C. C. “San Bartolomeo”, su “Piccolo quadro e acqua fonte di vita” 06 – 21 Dicembre.
2004- Bologna, gennaio. Partecipazione al Concorso Murri, intervento pittorico da rendere in ceramica, su parete di edificio 2° edizione visibile sul sito: www.murri.it.
2004- Bergamo “ Sinfonie di forme e colori” Esposizione presso il Circolo artistico bergamasco, via Tabajanj n° 4.
2004- Casazza (BG), partecipazione e segnalazione al Concorso “I colori della Val Cavallina”, Casazza (BG).
2004- Breno (BS). Partecipazione al Premio Breno, nella quale vince un premio per il Concorso a tema libero.
2004- Bergamo, partecipazione all’esposizione collettiva, “Circolo Artistico Bergamasco, via Tabajanj n° 4.
2004- Cremona, partecipazione al Trofeo Luigi Valenti, presso la Sala Rodi di S. Maria della Pietà, il 05 settembre 2004, premiata con la coppa ITALART.
2004- Bergamo partecipazione all’esposizione collettiva del Centro UCAI, C. C. “San Bartolomeo”, del piccolo quadro.
2005- Bergamo “ Sinfonie di forme e colori” Esposizione presso il Circolo artistico bergamasco, via Tabajanj n° 4.
2005- Breno (BS). Partecipazione al Premio Breno, nel quale viene segnalata, per il Concorso a tema libero.
2005- Bergamo, partecipazione all’esposizione collettiva, “Circolo Artistico Bergamasco, via Tabajanj n° 4.
2005- Inserimento nella Pubblicazione “Artisti Lombardi contemporanei”, parte 2° del testo “Arte lombarda sul Percorso della Strada valeriana” – le vie dell’Arte dalla Franciacorta e dal Sebino alla Valcamonica – Galleria d’Arte la Tavolozza – Pisogne (Brescia).
2005- Bergamo partecipazione all’esposizione collettiva del Centro UCAI, C. C. “San Bartolomeo”, del piccolo quadro.
2006- Bologna, esposizione personale la Galleria “il punto” via San Felice 11/B. “La luce tra fantasia e realtà”dal 07 al 19 gennaio2006.
2006- Bienno (Brescia), Partecipazione alla collettiva presso la Biblioteca di Bienno (BS).
2006- Bologna partecipazione alla collettiva presso l’Oratorio dei Teatini (Chiesa di San Bartolomeo, Strada Maggiore).
2006- Bergamo, partecipazione alla mostra didattica del 45° anniversario del LAS di BG, mostra collettiva, ex convento di S. Francesco, Città Alta – Bergamo.
2006- Bergamo, partecipazione all’esposizione collettiva, “Circolo Artistico Bergamasco, via Tabajanj n° 4.
2006- Partecipazione alla collettiva del Centro UCAI, C. C. “San Bartolomeo”, su “Piccolo quadro”.
2006- Breno (BS). Partecipazione al Premio Breno, nel quale viene segnalata dalla critica, nel Concorso a tema libero.
2006- San pellegrino Terme (BG), partecipazione all’estemporanea “Bell’acqua”.
2007 - Bologna dal 02 al 30 aprile, presso la Banca Popolare di Milano Agenzia di Via Marconi, con il patrocinio del Comune di Bologna, organizzata dal UILDM sezione di Bologna “Carlo e Innocente Leoni”
2007- Bologna partecipazione alla collettiva presso l’Oratorio dei Teatini (Chiesa di San Bartolomeo, Strada Maggiore).
2007- Bergamo, partecipazione all’esposizione collettiva, “Circolo Artistico Bergamasco, via Tabajanj n° 4.
2007- Castel D’Aiano (BO) “Arte e solidarietà” per la UILMD, “omaggio a Carlo Leoni e alla scuola di grafica bolognese”.
2007- Breno (BS). Partecipazione al Premio Breno, nel quale viene premiata nel Concorso a tema libero.
2008- Città di Darfo Boario Terme (BS), Concorso di Pittura a tema libero con il premio del 6° classificato.
2008- Bologna partecipazione alla collettiva presso l’Oratorio dei Teatini (Chiesa di San Bartolomeo, Strada Maggiore).
2008- Riva di Solto, partecipazione alla collettiva con la collaborazione della Biblioteca di Riva di Solto (
2009- Esposizione Collettiva al Salons International au Chateau de Villemomble-Ile De France, 12 – 22 marzo 2009, con il Circolo Artistico Bergamasco.
2012- Bergamo, partecipazione collettiva, Composizioni Floreali in Sala Manzù, con il Circolo Artistico Bergamasco, dal 08 al 18 marzo.
2013- Bergamo, partecipazione omaggio degli artisti all’opera grafica di Goya, Rouault, Chagall SEGNO dal 09 al 31 marzo, Chiesa della Maddalena Via Sant’Alessandro 31b

Libri su Daniela Martini


Argomenti Correlati
Pittori e scultori italiani del '900
Pittori del 900
Foto Arte
Foto Arte

Maestri dell'Arte
Menu Arte
Menu Arte


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it