logo windoweb


Ensor James Biografia e Opere

Torna alla Home Page enciclopedica di

Ensor James
Nato a Ostenda nel 1860, Ensor rimase per tutta la vita legato alla città natale, ove visse da scapolo una vita borghese e sedentaria.

Nel 1887 entrò all' accademia di Bruxelles, stabilendo contatti con esponenti dell'avanguardia di quel tempo.

Nel 1880 torna ad Ostenda nella casa paterna.

Nel 1883 è tra i fondatori del gruppo "les xx", che per anni avrebbe dominato il movimento dell'arte mo-derna in Belgio.

Con le opere del "periodo oscuro", (1880/85) divenne la personalità di rottura dell'espressionismo belga, i suoi la-vori carichi di un simbolismo dissacrante e visionario sembravano essere eredi di Bosch e Bruegel.

La celebrazione dell' artista avvenne nel 1905, quando il grande mecenate Frank scopre il pittore.

Prima di morire quasi novantenne il 19 novembre 1949, ebbe la fortuna di assistere all'inaugurazione del suo monumento ad Ostenda e alla diffusione della sua fama nel mondo

Ensor James

Entrata di Cristo a Bruxelles -1888

Il dipinto rappresenta un corteo carnevalesco che sfila in un'atmosfera visionaria; Cristo, in cui l'artista si identifica sentendosi respinto da una società in sfacelo, sembra scomparire, inghiottito dalla stessa folla famelica e cor-rotta che lo esalta.

Ensor utilizza in senso interiorizzato la lezione dell'Impressionismo e con la sua pittura aggredisce la società del suo tempo rivelando, dietro la facciata di rispettabilità borghese, i segreti dell'inconscio di classe: la supersti-zione, il vizio, la paura della morte.

Egli è il primo a scandagliare con la pittura i meandri dell'inconscio collettivo, che rappresenta attraverso larve orripilanti, scheletri e maschere grottesche.

La scena crudele e violenta è rappresentata con colori intensi e contrastanti, in una luce abbagliante.

È un quadro geniale, spietato nel mostrare il travisamento operato nei confronti della figura di Gesù.

Ci mostra il Cristo accolto da una folla festante ed immensa di...maschere, che lo acclama Roi de Bruxelles, ma insieme inneggia a La Sociale, con un'evidente contraddizione.

Con quest'opera, egli instaura un diretto rapporto tra i cristiani del suo tempo – del nostro – e la folla di Gerusalemme.

Ognuno pensa di lui ciò che lui, in realtà non è: un re, un messia guerriero, un rivoluzionario venuto a imporre un nuovo ordine... Oggi esaltano, forse senza neanche capire perchè; domani, vedendo frustrate le loro attese, saranno davanti al pretorio per chiedere la crocifissione.

(idea di Gougouin) Se Cristo tornasse ora sarebbe accol-to in questo modo: Cristo è confuso nella folla in modo spettacolare; si fa festa nella società, società finta, ipocrita,non sincera ne partecipata di Bruxelles.

Libri su  Ensor James


Argomenti Correlati
Pittori e scultori stranieri
Pittori Stranieri
Foto Arte
Foto Arte

Maestri dell'Arte
Menu Arte
Menu Arte

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it