logo windoweb


Gordon Matta Clarck

Gordon Matta Clarck Biografia e Opere
(New York, USA, 1943 – 1978)

Torna alla Home Page enciclopedica di

Gordon Matta Clarck
Gordon Matta-Clark, Figlio di due artisti, Anne Clark e Roberto Matta ( figura storica dell’arte contemporanea anche in Italia, che con le sue tele e le sue sculture ha preso parte al Surrealismo ed influenzato gli artisti americani dell'Espressionismo Astratto).

Gordon apre un dialogo/scontro a distanza col padre , da una postazione di incompatibilità affettiva.

Si era laureato in architettura alla Cornell University di Ithaca nel 1968, mostrando subito uno sguardo critico verso l'architettura e la cultura americana del benessere.

Nel 1973, assieme ad amici (tra cui Laurie Anderson, Joan Jonas, Lucio Pozzi, Trisha Brown), costituì l’Anarchitecture Group: gruppo di artisti che utilizzavano la fotografia, le performance e la scultura come mezzi espressivi.

In una New York provata anche allora da profonda crisi economica, la speculazione edilizia appariva, allora come oggi e l ieri in italia, un facile rilancio economico.
Gordon Matta Clarck
Di contro il gruppo, con sguardo distaccato, criticava in modo originale lo stato fallimentare dell’architettura, l’assenza totale di critica verso la cultura del loro tempo (Richard Nonas).

Gordon Matta Clark bucavai muri - e con essi la visione pregiudiziale di separazione interno/ esterno, –denunciava come apparente la solidità dell’architettura intesa come giustapposizione di materiali (solai in c.a., linoleum, listelli di legno, carta da parati…).

Il giovane Gordon sceglie la strada delle performance, quando altri architetti degli anni Settanta -erano costantemente alla ricerca di aree edificabili per elevare costruzioni -profitti, Gordon scovava aree e palazzi abbandonati per eseguire i suoi ‘building cuts’, mettendo in vista i problemi della società, lo squallore delle periferie, il legame fra arti visive, architettura e filosofia.

Lo spazio, tagliato e ricucito, diventa manifestazione simbolica di un’anarchica architettura. -alternativa alla concezione dell’architettura tradizionale. trasformazione sull’esistente e riflette, taglia una casa suburbana in due, in Garbage Wall realizza una parete con materiali di scarto, in Circus incide solchi enormi circolari su solai e pareti, in Bingo asporta parti di pavimento, soffitti e pareti ad edifici abbandonati. la forza dell’operazione effettuata da Gordon, nuovi punti di vista offerti alle istituzioni, sono ancora visibili in fotografie e videoproiezioni, disegni e sculture.

Creava il vuoto laddove non c'era, vivisezionando la materia, non si fermava fino a quando gli ambienti interni non fossero finalmente visibili , non sopportava che gli edifici e che intere aree suscitassero solo l’ interesse di investitori -speculatori. Suggeriva che anche i nuovi fabbricati, sarebbero stati destinati al decadimento, ad essere materiali decomposti dal tempo (Window Blow out, 1976)
Gordon Matta Clarck
Gli interrogativi sollevati dalla sua opera andrebbero rivalutati: sono anticipatori di analisi critiche alla crescita esponenziale delle città, proposte di riuso - riciclo di rifiuti giganteschi, ha valorizzato la coincidenza tra etica ed estetica nella professione di architetto, la scarsa influenza delle autorità sui nuovi interventi pubblici, rivolta alla sola al costruito-costruibile.

Gordon da artista americano attivo durante gli anni Settanta , conosciuto per isuoi "building cuts", edifici tagliati e con essi aver messo in discussione lo stesso statuto di architettura, incisivo nei decenni, per la storia e losviluppo di SoHo a New York, ha operato sia negli Stati Uniti che inEuropa,.Gordon Matta Clark è considerato ” l’anarchitetto per eccellenza” ha indagato, perforato ed intaccato –anche fisicamente – l’architettura, con manomissioni e tagli ben calcolati su edifici reali.

Tracce significative sono rimaste in video, fotografie e disegni, opere che hanno definito nuove relazioni spaziali – percettive, conferendo un valore aggiunto a costruzioni da demolire, semplici e anonime, assurte ad emblemi di una rivoluzione nel mondo dell’architettura che non innalza edifici, ma al contrario li viviseziona

Va ricordato il buco conico con cui sezionava i due edifici del XVII secolo, demoliti in seguito per far posto al nuovo Centre Pompidou a Parigi.

Dal suo percorso artistico scaturisce che per Gordon la socialità è un fattore evidente, la sua arte basata sulla performance, sui "building cuts" – invita lo spettatore ad entrare per muoversi fisicamente.nella sua opera , crea un rapporto diretto con il fruitore.
Gordon Matta Clarck
La prematura scomparsa a soli trentacinque anni l’ha innalzato a superstar della scena internazionale d'arte contemporanea. Le opere di Matta-Clark sono infatti presenti in grandi collezioni pubbliche: il Metropolitan Museum of Art e il MoMA di New York, il Museum ofContemporary Art di Chicago, il MoCA di Los Angeles, il Museum van Hedendaagse Kunst Antwerpen ad Antwerp, il San Francisco Museum of Art, lo Smithsonian American Art Museum a Washington DC, il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, lo Stedelijk Museum di Amsterdam e il Whitney Museum of American Art di New York.

Nel maggio 2013, Grazie alla mostra realizzata negli spazi -area Scarpa- della Fondazione Querini Stampalia, a Venezia, curata da Danilo Eccher, in occasione dell’inaugurazione della 55ma biennale di Venezia, l’opera di Gordon è confrontata con quella del padre Roberto e del fratello ( per parte di padre) Pablo, tre grandi artisti internazionali protagonisti per mezzo secolo di storia dell'arte uniti dalla loro storia familiare, dall'ambiente culturale e politico in cui sono stati profondamente coinvolti maturando entrambi, ed ognuno a suo modo, linguaggi originalissimi in dialogo concettuale-artistico tra loro nonostante il rapporto conflittuale con la figura paterna.

La continua ricerca di un rapporto di partecipazione del fruitore, e di un suo coinvolgimento diretto o indiretto, fisico o mentale, culturale o sociale, interno o esterno all'opera è presente nell'opera dei tre Metta.

(Non è un caso infatti se alcuni definiscono le figure antropomorfe di Matta sia in pittura, sia in scultura, come "morfologie sociali", come una trasfromazione di passaggio tra i paesaggi interiori e il mondo esterno.)

Libri su Gordon Matta Clarck


Argomenti Correlati
Pittori e scultori italiani del '900
Pittori del 900
Foto Arte
Foto Arte

Maestri dell'Arte
Menu Arte
Menu Arte


Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it