logo windoweb


Fernando Botero Biografia e Opere

Fernando Botero Biografia e Opere

Torna alla Home Page enciclopedica di

Ferdinando Botero  Donna che piange 1949
Fernando Botero, nasce il 19 aprile 1932 a Medellín città nelle Ande colombiane.

Figlio di un rappresentante di commercio e destinato a diventare un torero, durante gli studi al liceo e poi all'Istituto di Belle Arti di Medelin, esprime la passione per il disegno dipingendo acquarelli che hanno per modelli prevalentemente i tori e le corride.

A 16 anni espone le sue opere per la prima volta e collabora al giornale “El Colombiano”, disegnandone le illustrazioni per i supplementi domenicali.

Affascinato dall'ambiente culturale della capitale, Bogotà, Fernando Botero vi si trasferisce e aderisce alla scuola muralista messicana guidata da Diego Rivera, David Alfaro Sigueiros e Josè Clemente Orozco di cui si nota l'influenza nell'acquarello "Donna che piange" eseguita nel 1949.

Nel 1952 Fernando Botero vince il secondo premio al Salone degli artisti di Bogotà e, con il denaro della vincita, si reca in Europa, per ammirare le opere di Francisco Goya e di Tiziano Vecellio al Museo del Prado dove, per un certo periodo, lavora come copista, mentre frequenta l'Accademia Reale San Fernando.
Fernando Botero  Picadores
Durante il viaggio passa per Parigi e si ferma in Italia, dove tra il 1953 ed 1955 scopre Rinascimento italiano e studia la tecnica dell'affresco, esegue diverse copie dei lavori di Giotto e studia i molti artisti senesi.

Nel 1955 Fernando Botero torna in Colombia, dove è di moda l'avanguardia francese che si discosta fortemente dal suo stile. Amareggiato si trasferisce in Messico, con la moglie appena sposata, ed esperimenta, per la prima volta sulla tela, la dilatazione delle forme dei suoi modelli. Il 1958 è un anno fortunato per Fernando Botero: nasce sua figlia Lina, le opere esposte a Washington, alla Gres Gallery vengono vendute tutte il giorno stesso dell'inaugurazione, vince il secondo premio al X° Salone degli Artisti colombiani ad a soli 26 anni ottiene la cattedra di pittura all’Accademia d’arte di Bogotá.

Dal 1959, Fernando Botero studia Velazquez e, influenzato dall'espressionismo astratto, dipinge più di dieci versioni del “Niño de Vallecas”, utilizzando pennellate incisive e monocromatiche. Vince un premio Guggenheim e partecipa, alla V Biennale di São Paulo in rappresentanza della sua patria.Fernando Botero Niño de Vallecas 1959

Nominato rappresentante della Colombia alla II Biennale del Messico. viene osteggiato ed aspramente criticato.

Per la terza volta, Fernando Botero abbandona il suo paese con pochissimo denaro e si trasferisce a New York.

Il 1960 è un anno di grandi cambiamenti: affitta un loft nel Greenwich Village, nasce il secondo figlio Juan Carlos, ma si trova presto in ristrettezze economiche perchè la Gres Gallery, che lo aveva aiutato e sostenuto, chiude.
I rapporti tesi con la moglie lo portano al divorzio.

Con il quadro "La camera degli sposi", che è un entusiasta omaggio al Mantegna, vince finalmente il primo premio al XI Salone degli artisti a Bogotà e l'anno dopo il Museum of Modern Art di New York,acquista "Monna Lisa all’età di dodici anni", anche se la sua prima mostra, alla galleria The Contemporaries, viene aspramente criticata.

Nel 1964 il pittore si risposa con Cecilia Zambrano, intanto il gusto artistico del pubblico si evolve ed il nuovo stile plastico di Fernando Botero, connotato da colori tenui e dalle forme tondeggianti, inizia a piacere.
Fernando Botero Monna Lisa a 12 anni
Nel gennaio del 1966 si tiene la sua prima grande personale europea, a Baden-Baden, in Germania e Fernando Botero, che nel frattempo si è costruito una casa a Lon Island ed ha lo studio sulla 14à Strada a New York, viaggia molto tra Europa e Nord, Sud America facendosi influenzare dall'arte dei grandi pittori come Rubens, Durer, Manet e Bernard.

Nel 1970 nasce a New York il terzo figlio, Pedro e quell'anno apre in Germania una grande mostra itinerante in cinque musei comprendente oltre ottanta opere.

Botero divide la sua vita fra New York, Bogotà e l'Europa, ma nel 1973 si trasferisce a Parigi dove inizia le sue prime sculture.

Ormai Fernando Botero, risposatosi con Sophia Vari, è un artista amatissimo e ricercato, le sue grandi tonde serene sculture fanno bella mostra in parchi, giardini e musei di tutto il mondo.

Le mostre, le retrospettive ed esposizioni dei suoi quadri richiamano un pubblico sempre più vasto. Il museo Antioquia ha dedicato una sala al figlio Pedro dove vengono esposte sedici opere dipinte da Botero in memoria del figlioletto morto e donate all’istituto.

Libri su Fernando Botero
Fernando Botero  La Camera degli sposi Fernando Botero 1974 La madre superiora
Fernando Botero  Il Club del giardinaggio  1997 Fernando Botero


Argomenti Correlati
Pittori e scultori stranieri
Pittori Stranieri
Foto Arte
Foto Arte

Maestri dell'Arte
Menu Arte
Menu Arte


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it