logo windoweb


Mimmo Germaną Biografia e Opere

Mimmo Germaną Biografia e Opere

Torna alla Home Page enciclopedica di

Mimmo Germaną - Autoritratto
Mimmo Germaną, nasce a Catania il 2 luglio 1944 , innamorato della pittura, giovanissimo si dedica alla pittore da autodidatta.

Il suo primo premio di pittura lo riceve quando, durante il periodo militare partecipa ad un concorso di pittura estemporanea.

Questo primo riconoscimento lo riconferma nella sua vocazione per l'arte anche se non ha ancora trovato il suo originale modo di esprimersi.

Influenzato dal clima post-concettuale del periodo la sua ricerca si orienta orientata verso lo spazio-ambiente realizza installazioni con vari elementi.

Dopo gli studi classici seguiti nella sua Sicilia, per perfezionare le sue conoscenze artistiche, lascia la sua isola per frequentare a Roma l' Istituto d' arte e l'Accademia.

Nel 1968 conosce con Alessandro Chia e Francesco Clemente con i quali inizia i primi esperimenti per una forma d'arte nuova.
Mimmo Germaną
Clemente, allora studente di architettura, utilizzava per le sue composizioni la fotografia e il fiorentino Chia, che si stava convertendo alla pittura figurativa, proiettava l'ombra d'una rosa sulla tela bianca.

Negli anni '70 Mimmo Germaną, attento osservatore
ed ammiratore degli Espressionisti Tedeschi, di Kirchner soprattutto, dei Fauves francesi, ma anche di Munch, Gauguin, Van Gogh, Matisse, De Kooning e di Chagall, studia ed elabora istintivamente una forma pittorica molto personale.

Il primitivismo delle forme di Gauguin si fonde ai colori intensi della sua terra in composizioni fra l'onirico ed il mitologico, sfociando nel finale espressionismo mediterraneo tutto personale.

Alcuni critici dopo le prime personali alla Galleria L'Attico (Roma,'70), Galleria Toselli (Milano, '77,'78,), alla Galleria Pio Monti (Roma,'78), ed alla Galleria Persano (Torino,'78), parlano di Germaną come dello "Chagall italiano".Mimmo Germaną

Nel 1980 Mimmo ormai un pittore conosciuto entra nel movimento della Transvanguardia al quale aderiscono anche Chia, Cucchi, Clemente, Paladino e De Maria.

Achille Bonito Oliva e Harald Szeemann in occasione della Biennale di Venezia dell'80, allestirono negli ex Magazzini del Sale a Dorsoduro "Aperto '80", dove presentarono una speciale sezione per giovani artisti.

Proprio in questa sezione fecero la loro apparizione alla Biennale protagonisti della Transavanguardia, teorizzata dallo stesso Bonito Oliva.

La Transavanguardia č il termine col quale il critico Achille Bonito Oliva designņ un gruppo di artisti italiani che rilanciarono una pittura di figurazione “calda”, visionaria, dai vibranti colori che ricordavano i Fauves (le belve), che superavano l’arte del passato e l’arte concettuale degli anni Settanta considerata “un'arte fredda”.
Mimmo Germaną
In quegli anni č di moda l'Arte Povera, e furoreggia le installazioni, perciņ il ritorno alla pittura del gruppo della Transavanguardia non viene accolto favorevolmente.

Fortunatamente la perseveranza di Germaną ha successo all'estero dove le sue mostre personali, piene di figure deformate e fantastiche espresse con pennellate appassionate, conquistano i media ad Amburgo nell'84 ed a Sidney nello stesso anno.

I temi fondamentali di Mimmo Germaną: figure di donne dai caratteristici volti ovali, paesaggi mediterranei propri del suo modo di esprimere il suo mondo interiore, nel 1987 gli valsero il Premio Gallarate e nuova notorietą ,mai cercata da questo artista dalla personalitą complessa, anticonformista e riservata.
Mimmo Germaną
Germaną resta fedele al suo stile personale esponendo nelle migliori gallerie del mondo:nel 1989 č a Bielefeld, poi a Il Cairo ed Alessandria d'Egitto, a Instabul

Il suo linguaggio, completamente inventato, continua ad omaggiare, ora nel soggetto, ora nella composizione, ora nei colori, gli artisti che lo avevano incantato in gioventł.

L'artista seriamente ammalato di ADS incrementa la sua produzione per le mostre organizzate nel 1990 a
Bruxelles, a Montigny le Tilleul, a Tielt, a Damas in Siria, a Thessalonique, ad Atene ed Amman.
Mimmo Germanņ muore il 18 Maggio 1992

Libri su Mimmo Germaną


Argomenti Correlati
Pittori Contemporanei
Pittori Contemporanei
Foto Arte
Foto Arte

Maestri dell'Arte
Menu Arte
Menu Arte


 

Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it