logo windoweb
link sponsorizzati


Gustav Klimt Biografia e Opere

Gustav Klimt Biografia e Opere

Torna alla Home Page enciclopedica di

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
   
Gustav Klimt, pittore austriaco che sarebbe stato l'animatore del Movimento detto "Secessione Viennese", nacque il 14 luglio 1862 a Baumgarten, un sobborgo di Vienna, secondo di sette fratelli.

Dotato di una naturale predisposizione al disegno, a 14 anni Gustav Klimt entrò alla Scuola d'arte e mestieri di Vienna, la Kunstgewerbeschule, dopo aver superato con lode l'esame di ammissione.

A soli 17 anni Gustav,il fratello Ernest e Franz von Matsch, formarono un sodalizio artistico che ottenne importanti incarichi per affreschi decorativi e, nel 1880, quando tutti e tre erano ancora sotto i vent'anni, dipinsero il soffitto delle Sale di Riunione di Karlsbad (ora Karlovy Vary nella Repubblica Ceca).
Gustav Klimt
Nel 1883 Gustav Klimt si diplomò ed i tre giovani artisti aprirono uno studio a Vienna con il nome di Künstlerkompanie (Società di artisti), che nel 1886 ottenne il prestigioso incarico della decorazione del soffitto della scalinata principale del Burgtheater, il teatro nazionale austriaco, lavoro terminato nel 1888. Gustav Klimt - affresco del soffitto del Burgtheater di Vienna 1886-88

La presenza di musicisti come Mahler e Schönberg, di intellettuali come Freud e Wittegenstein, di scrittori come Musil, rendevano la Vienna della fine '800 una delle città più affascinanti e colte d’Europa.

Quell'aria romanticheggiante era il canto del cigno di un mondo che stava per scomparire, consapevole della sua prossima fine, che avvenne con lo scoppio della prima guerra mondiale.

La coscienza della fine è riscontrabile anche nella pittura di Klimt che rimarrà il personaggio più vitale ed emblematico della Secessione Viennese posta sulla scia della pittura simbolista.

Dalle sue prime opere emerge la predilezione per il soggetto femminile, che tuttavia esprime una bellezza semplicemente decorativa, ancora influenzata dalla scuola romantica.

Il 1892 fu un anno di lutti per Guastav Klimt, muoiono sia il padre che il fratello Ernest, solo ventottenne e la sua creatività ha una battuta d'arresto, non dipinge per quasi un anno, cosa che lo allontana dal socio Franz von Matsch.

Ormai ricco e famoso Klimt si assume l'onere economico del mantenimento della madre, della cognata e della nipote, ma personalmente non si sposerà mai,preferendo le relazioni con le modelle che posavano per lui.

Nel 1894 Klimt e Matsch ricevono l'incarico di realizzare una serie di dipinti per il soffitto dell'Aula Magna dell'Università di Vienna, ma ormai l'affiatamento artistico fra i due è svanito, il sodalizio si spezza e questa rottura segna per Gustav Klimt l'inizio di una nuova concezione artistica, convinto che l'arte austriaca sia di vedute troppo ristrette ed eccessivamente ancorata al passato.

Contestato dalle autorità viennesi per il contenuto, ritenuto erotico e per l’inedita impostazione compositiva dei dipinti eseguiti per l’Aula Magna dell’Università ed il grande fregio decorativo realizzato nel 1902 per la Sala che ospitava il monumento a Beethoven, Gustav Klimt dirige la sua arte verso i ritratti delle signore della buona società.

Eseguì anche vari lavori di designper le Wiener Werkstätte (Officine Viennesi), una società di Arti Applicate fondata nel 1903 da un gruppo di membri della Secessione.

Nonostante la ricchezza e la fama, Klimt viveva modestamente e, a parte qualche breve viaggio all'estero, non lasciò mai Vienna.

Viveva con la madre e due sorelle nubili, lavorava molte ore al giorno senza interrompersi neppure per mangiare e, pur amando la compagnia, non cercò mai di far parte del bel mondo.

Il famoso quadro "Giuditta" del 1901 segna l'inizio del "periodo aureo" del pittore ormai vicino ai quarant'anni.

In clima simbolista la figura di Giuditta si presta ovviamente alla rappresentazione della "femme fatale", crudele e seduttrice, che porta alla rovina e alla morte il proprio amante.

L'utilizzo della foglia d'oro ha funzione decorativa e di valorizzazione della luminosità che l'oro dona alla figura, ma è dovuto anche alla familiarità che l'artista ha con il metallo: suo padre era orafo incisore e suo fratello George, che di quest'opera realizza la cornice, è cesellatore.

Nel 1903 Klimt effettua un viaggio in Italia, fra Venezia, Ravenna e Firenze, rimane molto impressionato dai mosaici bizantini, è affascinato dal loro splendore, dalla preziosità, ma soprattutto dalla straordinaria luminosità, che confermano la sua scelta dell'utilizzo del prezioso metallo come materiale preferito nella composizione delle sue opere almeno fino al 1909.
Gustav Klimt
Lo stile di Klimt si fa decisamente bidimensionale, con l’accentuazione del linearismo.

Primo pittore a collaborare con gli artigiani del Wiener Werkstätte (Vienna Workshop), creato nel 1903, Gustav Klimt ed i secessionisti viennesi formarono, nel 1906, un nuovo gruppo, la Kunstschau Wien, sostenuto dal giornale Erdgeist.

Il bacio -1907-1908
Quest'opera, in pieno accordo con i canoni dello stile Liberty, è dipinta su tela con decorazioni e mosaici (vedi i mosaici di Ravenna) in color oro sullo sfondo.

L'uomo, in piedi, si piega per baciare la donna che sta inginocchiata sul prato tra i fiori e sembra accettare il bacio, partecipando emotivamente. Solo la faccia e le braccia dei per-sonaggi sono realistiche, il resto del quadro è formato da tinte piatte e volumi geometrici accostati.

La faccia della donna è racchiusa fra le mani del maschio, il quale ha il braccio della donna sul collo. Klimt ha vestito, ed è curioso da notare, i suoi personaggi con la lunga tunica che era solito portare.

La coppia è contornata da un ovale. Le forme geometriche sono abbastanza allusive,sul vestito dell'uomo vi sono raffigurati dei rettangoli posizionati in verticale,sul vestito della donna sono raffigurati dei cerchi concentrici,tutte e due le forme geometriche ricordano il sesso dei soggetti che indossano quelle tuniche.

Nella parte d'oro che ricopre l'uomo vi sono figure rettangolari e in bianco e nero, mentre la donna sembra essere punteggiata con mazzi di fiori ed è caratterizzata da forme rotondeggianti e prive di ogni possibile spigolo.

È un’opera audace, che sfiora l’astrattismo ma è conservativo nello stesso tempo per i temi trattati.
Descrive l’abbandono e la dedizione della donna verso il proprio uomo e le due figure appaiono fondersi in abbraccio.

Nell'estate del 1908 fu inaugurata la prima manifestazione ufficiale del nuovo gruppo, la Kunstschau Wien 1908.

Tra il 1905 e il 1909 Klimt realizzò un prezioso mosaico per la sala da pranzo del palazzo Stoclet di Bruxelles, che resta la sua opera più famosa.
Le allegorie sulla condizione umana sono tra i dipinti più complessi ed enigmatici di Klimt.

Dal momento che raramente il pittore commentava le sue opere, è spesso difficile individuare il significato dei suoi dipinti meno convenzionali, anche se gli scopi paiono abbastanza evidenti.
Gustav Klimt
Generalmente il tema centrale è il sesso, che viene però trattato dal pittore nei modi più appassionati che riflettono l'opinione che Klimt aveva delle donne, viste come idoli bellissimi, tenere madri, ma anche come predatrici, che si servono del loro fascino come di una trappola fatale, spesso in atteggiamenti decisamente provocatori, ma rappresentati con tale eleganza e tenerezza da non risultare mai volgari.

Opponendosi alle idee conservatrici dei suoi contemporanei, superando barriere e divieti realizzò dipinti erotici e simbolici che rappresentavano i sogni, le speranze, le paure e le passioni dell’uomo.

Klimt iniziò a dipingere paesaggi solo verso i trentacinque anni, durante le vacanze.

I paesaggi costituiscono una parte sostanziale dell'opera dell'artista: sono oltre cinquanta e pertanto rappresentano un quarto di tutta la sua opera pittorica pervenutaci e mostrano di preferenza i luoghi frequentati d'estate dai ricchi viennesi.

Gustav Klimt fu anche uno dei più grandi disegnatori dei suoi tempi; oltre ai molti bozzetti per i dipinti, eseguì anche disegni come opere a sé stanti.

I primi, spesso eseguiti a carboncino, sono in stile tradizionale e mostrano una solida tecnica; i successivi invece più liberi e delicati, sono in genere eseguiti a matita o a pastello.

Anche se di costituzione robusta, Klimt, era tendenzialmente un ipocondriaco, tanto che dal 1912 ogni anno si recò a Bad Gastein per le cure termali.
Gusta Klimt
Dopo il "periodo aureo" Gustav Klimt ebbe un periodo di crisi esistenziale ed artistica dal quale l'artista uscì dopo qualche anno con un nuovo stile.

Influenzato dalla pittura espressionista che già da qualche anno si era manifestata in area tedesca, dai suoi dipinti scompaiono gli ori e le eleganti linee liberty sostituiti da colori accesi e vivaci.

Klimt aveva conosciuto l'Espressionismo, soprattutto attraverso all’attività di due artisti viennesi, già suoi allievi Egon Schiele e Oscar Kokoschka.

Nel 1911 si trasferì in un nuovo studio e continuò a lavorare fino all'11 gennaio 1918 quando, recandosi ad un caffè per la prima colazione, ebbe un gravissimo colpo apoplettico che gli paralizzò il lato destro del corpo impedendogli di continuare a dipingere.

Ammalato e senza la consolazione dell'arte, sopravvisse meno di un mese: morì il 6 febbraio 1918, a cinquantacinque anni, pianto come il più grande artista austriaco dell'epoca.
Gustav Klimt
Manifesto della I Esposizione della Secessione Viennese, 1898
Litografia

Mitologia usata in senso forte è la storia del filo di Arianna e Teseo; Cambia il valore simbo-lico della figura e cambia l’impaginazione.

La disposizione delle forme orientaleggiante con un vuoto che riempie lo spettatore.





Gustav Klimt
Fregio di Beethoven 1902
Fregio decorativo realizzato per la sala che ospitava il monumento a Beethoven, opera di Max Klinger, provocò aspre critiche da parte delle autorità viennesi, che contestarono a Klimt il contenuto erotico e l'inedita impostazione compositiva





Gustav Klimt
Fregio per il Palazzo Stoclet

L'albero della vita 1905-1909.

Esempio della collaborazione con l’architettura È la decorazione della sala da pranzo della casa dell'industriale Apolphe Stoclet progettata da Josef Hoffmann a Bruxelles con un fregio a mosaico, su tre pannelli decorati con un motivo astratto a scacchiera

Motivo centrale è l'albero della vita, entro cui sono incastonate le sagome dell'Attesa, una danzatrice dall'aurea egiziana nel gesto e nell'orizzontalità dell'acconciatura, e dell'Abbraccio, dove la disposizione delle figure stilizzate con l'uomo di spalle, reclino sulla compagna, ricorda la scena finale del Fregio di Beethoven, ma l'accento è posto stavolta sul manto, assemblaggio di motivi decorativi elementari tesi a evocare il simbolismo primario del maschile e del femminile, spirito e materia, conscio e inconscio.

Libri su Gustav Klimt
sponsorr
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
Selezione foto Klimt Gustav
Foto Klimt
Foto Arte
Foto Arte

Maestri dell'Arte
Menu Arte
Menu Arte


link sponsorizzati


 

Aree tematiche di Windoweb

Segnala un sitoo © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it