logo windoweb


Arnaldo e Giò Pomodoro Biografia e Opere

Arnaldo e Giò Pomodoro Biografia e Opere

Torna alla Home Page enciclopedica di

Arnaldo e Giò Pomodoro
Arnaldo Pomodoro, nato a Morciano di Romagna (Rimini) il 23 giugno 1926 ed il fratello Giò Pomodoro, nato nel “paese dei cordai” a Orciano di Pesaro il 17 novembre del 1930, entrambi scultori italiani di fama mondiale, dopo l’infanzia passata nella bella campagna marchigiana, nel 1945 si trasferiscono con la famiglia a Pesaro.

Dopo gli studi creano monili, pezzi astratti di oreficeria,piccole sculture in oro e argento che lasciano intravedere valide premesse per una nuova scultura, lontana dalle forme tradizionali.

Nel 1954, dopo la morte del padre, Arnaldo e Giò si trasferiscono con la famiglia a Milano, cominciano a frequentare l'ambiente artistico di Brera, in particolare Lucio Fontana, Enrico Baj, Umberto Milani, Emilio Scanavino, Gianni Dova e Ugo Mulas e ad esporre le loro opere.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Nel 1956 vengono invitati alla Biennale di Venezia per esporre nella sezione della medaglistica, qui Giò Pomodoro presenta una serie di argenti fusi in osso di seppia eseguiti nei due anni precedenti.

L'anno dopo, la Triennale di Milano incarica Arnaldo e Giò Pomodoro di organizzare un'esposizione sperimentale di opere d'oreficeria disegnate da artisti italiani ed eseguite da artigiani orafi di Valenza; a questa mostra Arnaldo e Giò Pomodoro presenteranno a fianco dei lavori orafi, rilievi modellati nel ferro, stagno, piombo, argento, cemento e bronzo.

L'uso di questi materiali inediti testimonia la ricerca e la volontà dei fratelli Pomodoro di sperimentare nuovi mezzi formali ed espressivi.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Nel 1958 dopo essersi sposato Giò Pomodoro tiene la sua prima Mostra Personale a Milano alla Galleria del Naviglio, Mostra Personale che ripropone a Bruxelles, Dusseldorf ed a Colonia.

L'anno dopo, alla Prima Biennale Giovani di Parigi, propone una superficie in tensione fusa in bronzo e vince il primo premio per la scultura con lo scultore Anthony Caro.

Nel 1960 i fratelli Pomodoro aderiscono insieme a Perilli, Turcato, Dorazio, Fontana, al Gruppo «Continuità», uno dei più importanti gruppi nella ricerca astratta tra materia e segno.

Nel 1963, il Palais des Beaux Arts di Bruxelles ospita una mostra personale di Giò Pomodoro che, nel 1964, espone alla Galleria Marlborough di Roma, nel 1965 a Copenaghen e poi ancora a New York nel 1967 ed a Los Angeles nel 1969.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Nel 1970 Arnaldo Pomodoro espone le sculture Forma X e Onda nella piazzetta antistante la Galleria Manzoni a Milano, poi torna ad insegnare a Berkeley, da dove parte una grande mostra itinerante che toccherà San Diego, Portland, Austin, Hartford.

Nel 1971 altra mostra di Arnaldo Pomodoro all’aperto, a Pesaro. Il Comune di Bologna installa sue sculture nel centro storico, collocate poi nell’ingresso della Galleria Nazionale d’Arte Moderna.

Su commissione del Comune di Modena Arnaldo Pomodoro realizza l'opera "Una battaglia: per i partigiani" in ricordo della Resistenza.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Progetta per la sede della casa editrice Mondadori a Segrate (Milano) la scultura "Colonna a grandi fogli", mentre torna alla scenografia con Luca Ronconi.

Dalla dimensione del rilievo, Arnaldo Pomodoro passa, negli anni Settanta, alla complessità spaziale e materica della forma a tutto tondo e realizza, nel 1963, la sua prima sfera.

Riceve il "Premio Internazionale per la Scultura" alla Biennale di San Paolo del Brasile; l'ispirazione di questo periodo deriva dalle forme perfette di Brancusi.
Arnaldo e Giò Pomodoro
La perfezione della forma provoca in lui, anche sotto l'influenza del mondo tecnologico e dell'action painting di Jackson Pollok, una pulsione distruttiva: la forma perfetta viene fatta a pezzi.

Nel 1979 a Giò Pomodoro viene commissionata la realizzazione, a Francoforte, della piazza Fontana, dedicata a Goethe, inaugurata poi nel 1983.

Intanto nel 1980 realizza a Ravenna il “Ponte dei Martiri alla resistenza” e nel 1982 la “Spirale” per l’aeroporto di Malpensa.

Giò Pomodoro espone a Londra alcune sue opere, proseguendo la sua instancabile azione creativa con “Sole -Luna- Albero” per la città di Monza nel 1986.

Negli stessi anni Arnaldo Pomodoro esegue grandi opere per la Sudameris Bank di San Paolo del Brasile, per la Berkeley Library del Trinity College dell’Università di Dublino e per il Mills College di Oakland.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Realizza il libro-oggetto "De-cantare Urbino", con poesie di Miklos N. Varga, progetta scene e costumi per il teatro, espone a New York, colloca una grande "Sfera con sfera" nel Principato di Monaco.

Crea un’opera grafica "Pensiero visivo" per due poemetti di Paolo Volponi nel libro "Lungo la traccia" (Edizioni Rizzardi).

Giò Pomodoro Bronzo 1972

La scultura di Arnaldo Pomodoro è dominata da un rigoroso "ésprit de Géometrie" per cui ogni forma è ridotta all'essenzialità volumetrica della sfera, del cubo, del cilindro, del cono, del parallelepipedo e di altri solidi nettamente tagliati e ricollocati in schiere o segmenti di schiere rettilinee o circolari paragonabili alle rapide successioni delle note in una composizione musicale o ad ingranaggi di misteriosi macchinari nascosti nell'interno di massicci contenitori (globi, colonne continue, cubi, dischi) e resi parzialmente visibili dagli squarci e dai tagli che rompono le lisce superfici di questi.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Nel 1991 è stato collocato davanti al Palazzo della Gioventù a Mosca il "Disco Solare" di Arnaldo Pomodoro, dono della Presidenza del Consiglio all’Unione Sovietica.

Nel 1992 è stata installata un’opera di grandi dimensioni "Papyrus" nei giardini del nuovo Palazzo delle Poste e Telecomunicazioni a Darmstadt in Germania.

Nel 1995 Arnaldo Pomodoro ha realizzato per incarico del Comune di Rimini, una scultura in memoria di Federico Fellini.

L'anno dopo è stata collocata nel piazzale delle Nazioni Unite a New York l’opera "Sfera con sfera " del diametro di metri 3,30 e nel 1998 ha ricevuto l’incarico di realizzare il portale del Duomo di Cefalù.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Negli ultimi anni Giò Pomodoro torna a Milano ad esporre le sue opere e riceve, nell’aprile del 2002, dalla International Sculpture Center degli Stati Uniti, il premio alla carriera,"Lifetime Achevement Award Contemporany Sculpture 2002”, un premio davvero meritato per un artista di grande caratura.

Anche se da anni il maestro Giò Pomodoro lavorava e risiedeva a Querceta, in Versilia, dopo una lunga degenza in ospedale per una grave malattia, esprime il desiderio di morire fra le sue opere; così trasportato a Milano muore nel suo studio il 10 Dicembre 2002.

Al paese della sua infanzia Gio’ Pomodoro ha voluto lasciare uno dei ricordi più belli: la piazza che ora prenderà il suo stesso nome, sullo stesso luogo dove un tempo sorgeva la sua casa natale.
Arnaldo e Giò Pomodoro
Al centro della Piazza la scultura del "Sole deposto" e altre opere come "La corda" e "l'Orcio" ai lati dell'ingresso-fronte principale.

La produzione di Arnaldo Pomodoro è notevolissima, sue opere sono presenti nelle piazze di Milano, Copenaghen, Brisbane, di fronte al Trinity College dell’Università di Dublino, al Mills College in California, nel Department of Water and Power di Los Angeles, nel Cortile della Pigna dei Musei Vaticani, nei giardini, nelle fontane e negli edifici pubblici del mondo.

Libri su Arnaldo e Giò Pomodoro
Arnaldo e Giò Pomodoro
 Arnaldo Pomodoro Forme del mito
Arnaldo e Giò Pomodoro
Giò Pomodoro Sole Serpente
Giò Pomodoro


Argomenti Correlati
Pittori Contemporanei
Pittori Contemporanei
Foto Arte
Foto Arte
Pittori e scultori italiani del '900
Pittori del 900
Menu Arte
Menu Arte


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it