logo windoweb


corrente Barocco

corrente artistica Barocco

Torna alla Home Page enciclopedica di

corrente Barocco
Il Barocco è una tendenza artistica e letteraria che determina una profonda trasformazione della sensibilità e gusto del passato.

Nasce come reazione al manierismo, caratterizzato dall’inquieto tentativo del superamento dei temi della tradizione attraverso l’enfatizzazione del difforme e dell’asimmetrico e il ricorso ai contrasti cromatici, molti artisti sono animati dal desiderio di un ritorno a un ordine classico.

Si esprime durante il periodo compreso tra il 1600 e il 1750 e raggiunge i massimi risultati in Italia e Spagna: il rinnovamento investe tutte le manifestazioni creative, modifica il rapporto con la tradizione e ha influenza anche sul piano della società.corrente Barocco

Per estensione, si indica quindi col nome «barocco» il gusto legato alle manifestazioni artistiche di questo periodo, in particolare quelle più legate all'estrosità e alla fantasia.

Tuttavia, da un punto di vista artistico, questa epoca è percorsa anche da una corrente classicista e in generale il linguaggio classico rimane il punto di riferimento comune degli artisti di ogni tendenza.

Lo stile barocco fiorisce a Roma all'inizio del Seicento e si diffonde in varia misura in tutta Europa fino al diciottesimo secolo.

La scuola che si sviluppa intorno ai Carracci (Annibale, Agostino e Ludovico), tenta di liberare l’arte dalle sue complicazioni manieristiche recuperando i principi di chiarezza, monumentalità ed equilibrio propri del primo Rinascimento. corrente Barocco

Con gli affreschi del soffitto nella galleria di Palazzo Farnese (1597-1601), Annibale Carracci segna una tappa fondamentale nello sviluppo della corrente “classicheggiante” del barocco.

Tale impostazione stilistica caratterizza le opere di pittori come Guido Reni, Domenichino, Francesco Albani, e di scultori come Alessandro Algardi, formatisi nella bottega dei Carracci e trasferitisi in seguito a Roma.

Nella città dei papi giunge anche Caravaggio, che diventa in breve tempo il principale antagonista di Annibale Carracci e lo spirito guida di un’intera scuola di artisti barocchi, più orientata al naturalismo.
corrente Barocco
Formatosi su temi e motivi della pittura lombarda del XV e XVI secolo, Caravaggio elabora un personale e drammatico stile espressivo, incentrato su forti contrasti di luce e ombre: figure umane vive, “autentiche” nella loro caratterizzazione che attinge alla realtà e alla quotidianità, emergono con forza prepotente attraverso il chiaroscuro, palesando la loro intima verità.

Il barocco influenza sia il campo letterario filosofico che il settore artistico e musicale.

La denominazione “ barocco” viene comunque usata per qualificare l’arte e la letteratura del ‘600 solo un secolo più tardi, col fine polemico di puntare il dito contro il suo amore per la bizzarria e l’artificio.

Rimane ancora incerta l'origine del termine "barocco", che forse deriva da baroco, termine della logica scolastica assunto in seguito a simbolo di ragionamento pedante, bizzarro, arzigogolato.

Le opere barocche sono in generale caratterizzate da una teatrale esuberanza e dalla ricerca, a volte esasperata di un coinvolgimento emotivo dell'osservatore.corrente Barocco

All’opposto dell’età rinascimentale, il Barocco è interessato non all’armonia e all’ordine della natura quanto piuttosto all’anomalia, all’eccezione e al difetto.

Ancora nel XIX secolo lo storico svizzero Jacob Burckhardt giudica questo stile semplicemente una manifestazione esausta e decadente del Rinascimento.

E' il suo allievo Heinrich Wölfflin il primo a riconoscere all’arte dei secoli XVII e XVIII fisionomia e caratteri propri, affermando che “il barocco non rappresenta né un’ascesa né un declino del classico, ma un’arte totalmente diversa”

Il XVII secolo segna la nascita della scienza moderna e vide la progressiva espansione degli imperi coloniali europei.

Questi cambiamenti influenzano non poco lo sviluppo delle arti, al pari di altri grandi eventi storici, quali la Controriforma e il consolidamento degli stati nazionali a opera di grandi monarchi come Luigi XIV.
corrente Barocco
L'arte è un aspetto fondamentale nella cultura del Seicento, un'epoca che ama rappresentarsi e celebrarsi fastosamente.

I maggiori committenti sono la Chiesa, soprattutto quella cattolica (ma anche alcune chiese riformate), i sovrani, i principi e le istituzioni civili, come pure la borghesia, sia attraverso l'architettura che la pittura.

In architettura il lessico è sempre quello classico, ma viene declinato in un'infinità di modi, da quello più aderente ai canoni classici a quello più fantasioso e spregiudicato.

In pittura abbiamo lo sviluppo dei generi: il ritratto, la natura morta, la pittura di religione e di storia e la presenza di numerose scuole e tendenze.

La fondazione delle colonie e il conseguente sviluppo di nuovi commerci indusse inoltre a descrivere numerosi luoghi e culture esotici fino ad allora sconosciuti.

Le controversie e i movimenti religiosi influenzarono profondamente l’arte barocca.

La Chiesa cattolica diventa uno dei più convinti mecenati e la Controriforma contribuisce alla nascita di un’arte emozionale, drammatica e naturalistica, dalla quale traspare una chiara volontà di divulgazione della fede.
corrente Barocco
Il mondo viene percepito come un teatro nel quale l’individuo, spinto ad agire secondo logica e razionalità tra evidenze sensibili, vive tuttavia con la consapevolezza che il proprio destino è riposto nella imperscrutabile grazia divina.

Nella pittura religiosa barocca si vedono spesso madonne e santi in un turbinio di vesti fluttuanti e nuvole vaporose da cui sbucano cherubini.

Altrettanto popolari sono i temi mitologici, anch'essi trattati in forme esasperate.

Ma non tutti gli artisti di questo periodo eccedono nel virtuosismo, primo fra tutti Caravaggio con il suo drammatico realismo.

Il ‘600 è un secolo di aspri conflitti e di profonde trasformazioni.

Sul piano politico si assiste allo scontro tra l’Impero spagnolo e le potenze nazionali che si affacciano sull’Atlantico, ovvero Francia, Olanda e Inghilterra: la lenta ma inarrestabile decadenza dell’Impero Spagnolo ( quello su cui “ non tramonta il sole”) e l’emergere in Europa della Francia come potenza egemone non rappresenta un puro e semplice cambio della guardia, ma una trasformazione profonda del quadro geopolitico del mondo, della concezione del potere e dei rapporti tra l’individuo e l’organizzazione sociale e politica di cui fa parte.

La vittoria della Francia e lo sviluppo di Inghilterra e Olanda sposta infatti il baricentro politico del continente dal Mediterraneo all’Atlantico, e dimostra la supremazia di nuovi modelli politici. corrente Barocco

Si impone lo stato moderno, che è assoluto e centrale ma fondamentalmente laico, al contrario della forte religiosità di cui era intriso l’impero spagnolo.

Ai tumulti politici si aggiungono una terribile crisi economica che tocca le punte massime nel 1630 e fu diretta conseguenza delle continue e sanguinose guerre; pesanti carestie dovute alla scarsità di risorse alimentari e povertà diffusa e disastrose pestilenze che furono all’origine di lotte e rivolte popolari.

Tutto ciò porta alla consapevolezza della crisi dei modelli antichi, e alla necessità di elaborare proposte innovative e vitali che si esplicano sul piano letterario nel Barocco e su quello scientifico nella Scienza Nuova di Galileo Galilei.
corrente Barocco
Movimento, energia e tensione sono fra le caratteristiche principali dell’arte barocca; forti contrasti di luce e ombra accentuano l’effetto drammatico di dipinti, sculture e opere architettoniche.

Nei quadri, negli affreschi, nei rilievi e nelle statue barocche vi sono inoltre spesso elementi che suggeriscono una proiezione verso lo spazio circostante, indistinto e infinito, grazie anche a un’attenta resa volumetrica e prospettica.

La tendenza naturalistica è un’altra componente fondamentale dell’arte barocca; le figure umane ritratte non sono stereotipi, bensì individui, ognuno ben caratterizzato. corrente Barocco

Nel corso del primo ventennio del XVII secolo il naturalismo trova grandi interpreti nei pittori qualificati come “caravaggeschi”, che operano a Roma, a Napoli e nel Nord Italia: ricordiamo tra gli altri Orazio Gentileschi e la figlia Artemisia, Bartolomeo Manfredi, il Battistello, il francese Valentin de Boulogne, l’olandese Gerrit van Honthorst e lo spagnolo Jusepe de Ribera.

Sebbene dopo il 1630 il naturalismo barocco viva una fase di declino in Italia, esso continua a godere di grande fortuna in tutto il resto d’Europa fino alla fine del secolo.

Gli artisti di questo periodo Barocco sono affascinati dagli intimi meccanismi della mente e dalle convulse passioni dell’anima, che vogliono ritrarre attraverso le caratteristiche fisionomiche dei loro soggetti. corrente Barocco

E' Gian Lorenzo Bernini, a dominare la scultura barocca a Roma: con i suoi primi gruppi marmorei, come Il ratto di Proserpina e Apollo e Dafne (1621-22, 1622-1624, Galleria Borghese, Roma), dimostra una straordinaria abilità nel creare effetti di realistica tensione drammatica, grazie ai forti contrasti di chiaroscuro e alla cura per il particolare anatomico.



Argomenti Correlati
Foto Arte
Foto Arte
Correnti Artistiche
Correnti Artistiche
Pittori e scultori stranieri
Pittori e scultori stranieri
Menu Arte
Menu Arte



Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it