Biografia Camillo Benso Conte di Cavour

logo windoweb


Biografia Camillo Benso Conte di Cavour

OFFERTE AMAZON

Foto gratis Cultura Personaggi Storici







Camillo Benso, conte di Cavour nasce il 10 agosto 1810 a Torino, da un'antica famiglia nobile.

Nel 1820 entra nell'accademia militare e vi rimane sei anni, studiando scienze esatte e matematica.

Ufficiale del genio a sedici anni, va a Torino, Ventimiglia, Exilles, Genova.

Poi richiamato a Torino per punizione, viene trasferito a Bard il 5 maggio 1831.

NNel novembre dello stesso anno da le dimissioni dall'esercito.



Si dedica allora all'agricoltura.

Nel 1832 l'Austria, lo giudica « uomo pericolosissimo » e gli chiude le frontiere del regno Lombardo-Veneto.

Viaggia a Ginevra, Parigi, Londra, e nel luglio 1835 rientra in patria, assumendosi l'amministrazione dei beni di famiglia a Leri, nel Vercellese, dove rimane fino al 1848.

In questo periodo Cavour tuttavia da inizio a molteplici iniziative, occupandosi anche di statistica, di beneficenza, di agraria, di politica internazionale.

Il 15 dicembre 1847 fonda il giornale Risorgimento, di cui è anche direttore e redattore capo, oltre che gerente.

Nelle elezioni suppletive del 26 giugno 1848 viene eletto nel collegio di Torino, e il 4 luglio prende per la prima volta la parola alla Camera.

Nel marzo 1850 diventa capo gruppo del centro-destra, e l'ottobre dello stesso anno diventa ministro dell'Agricoltura e commercio.
Il 4 novembre 1852, in seguito alle dimissioni del D'Azeglio, assume la presidenza del Consiglio dei ministri; riserva per sé il ministero delle Finanze e si stacca dalla destra creando una maggioranza di centro-sinistra.

Nella nuova duplice carica attende con grande energia a riordinare amministrazione e finanze, riforma l'esercito, promone l'istruzione e l'educazione popolare, da impulso ai lavori pubblici, soprattutto alle ferrovie (costruzione della linea Torino-Genova, il traforo del Frejus).

Nel gennaio 1855 fa aderire il Piemonte all'alleanza franco-inglese, e invia truppe alla guerra di Crimea.

Nel marzo 1856 al Congresso di Parigi rende pubblica resistenza di una questione italiana nei confronti dell'Austria.

Il 21 luglio dello stesso anno stabilisce i patti di un'alleanza segreta con Napoleone III di Francia, a "'Plombières.




La guerra di indipendenza dell'anno seguente viene da lui fortemente voluta, e l'armistizio di Villafranca (11 luglio) da un duro colpo alle sue speranze di liberare l'alta Italia.

Al Piemonte va soltanto la Lombardia, senza Mantova e Peschiera.

Cavour consiglia a Vittorio Emanuele II di non firmare l'armistizio, e non essendo riuscito nel suo intento, da le dimissioni, rientrando a Torino.

Il 20 gennaio 1860 il rè richiama Cavour al governo.

Nel marzo col consenso di Francia e Inghilterra, si tengono i plebisciti in Emilia e Toscana, e il 2 aprile viene inaugurato a Torino il Parlamento dell'Italia settentrionale e centrale.

Per quanto non del tutto convinto, dell'impresa di Garibaldi e dei Mille.

Invia poi le truppe piemontesi nell'Italia centrale, e finalmente il 14 marzo 1861 viene proclamato il regno d'Italia da lui fortemente voluto.

Come ultimo atto della sua attività politica e patriottica fa proclamare Roma capitale (27 marzo 1861).

Mentre si adopera per ottenere il richiamo dei francesi da Roma, improvvisamente, il 6 giugno 1861 muore a Torino.

E' stato detto che mormorasse: Libera Chiesa in libero Stato al sacerdote che lo confortava negli ultimi istanti.

Grande ministro e patriota, ha compiuto l'opera di liberazione nazionale e dell'unificazione del Paese.

Parlatore mediocre, preferiva esprimersi in francese o in piemontese che in italiano.

Di lui disse Vincenzo Gioberti: anglosassone nelle idee e gallico nella lingua .

Fu la personalità preminente del Risorgimento italiano.



Clicca qui per vedere tutti i libri su Camillo Benso Conte di Cavour







Fai un viaggio Virtuale nella mappa del Globo di Windoweb

Camillo Benso Conte di Cavour
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare