biografia Rasputin

logo windoweb


Rasputin

biografia Rasputin

OFFERTE AMAZON

Foto gratis Cultura Personaggi Storici







Grigorij Efimevic Rasputin era nato nel luglio del 1871 a Pokrovskoe, un piccolo villaggio siberiano nella provincia di Tobol’sk, vicino ai monti Urali.

Grisha, come lo chiamavano in famiglia, durante i primi anni della sua vita non si allontanò mai dal suo piccolo mondo rurale e crebbe nella più assoluta ignoranza, lavorando nei campi accanto al fratello Misha.

In seguito ad un incidente ed ad una lunga malattia che portò alla morte il fratello, Rasputin adolescente, durante un attacco di febbre, ebbe una visione e, secondo le sue parole, gli apparve la Madonna, che gli parlò e lo guarì.

Da quel momento Rasputin incominciò ad interessarsi alla religione ed in particolare agli "Starec" monaci e profeti erranti che allora venivano accolti con grande rispetto nei villaggi russi.

Rasputin

Rasputin

Sposato a vent'anni, Rasputin, dopo la morte del figlio a pochi mesi dalla nascita, cadde in un periodo di depressione dalla quale guarì grazie ad un'altra apparizione della Madonna, che gli ordinò di lasciare tutto e di partire.

Trasformato in Starec, nei suoi vagabondaggi Rasputinvenne a contatto con esponenti di una setta considerata illegale, ma molto popolare in Russia: i Chlisty. Questa setta era molto critica nei confronti della Chiesa ortodossa ufficiale accusata di corruzione e decadentismo.

La visione religiosa dei chlisty era molto particolare: l’uomo avrebbe potuto purificarsi dal peccato solo in un modo, abbandonandovisi totalmente e, attraverso il pentimento che ne sarebbe seguito, ascendere alla catarsi. Fisicità e religiosità si sposano equivocamente in questo credo eretico che fa del rito erotico e delle congiunzioni carnali, anche di gruppo, una delle sue caratteristiche fondamentali.

Dopo un anno al convento di Verchoturje, Rasputin, considerandosi "monaco"a tutti gli effetti, visitò grandi città come Mosca, Kazan e Kiev. Tornato al villaggio natale, costruì, con l’aiuto di alcuni fedeli una chiesa personale in concorrenza con quella ufficiale.

Il suo sguardo intenso e allucinato con qualcosa di magnetico, avevano una grande presa sulla gente, le sue parole, nella semplicità di un’analfabeta, erano convincenti e la fama di uomo santo si diffuse in breve richiamando alla sua chiesa numerose persone da tutta la regione.

Trasferitosi a San Pietroburgo entrò in contatto con le figure più eminenti della chiesa russa e poi, attraverso il mondo dei pope ortodossi, venne accolto nei salotti dell’alta società.

Rasputin



Nel 1905 Rasputin, preceduto dalla fama di guaritore, venne ricevuto al Palazzo degli Zar dove
riuscì misteriosamente ad arrestare il flusso di sangue che stava uccidendo il piccolo Alessio, figlio emofilitico dello Zar.

Entrato nella famiglia regnante e conteso dalle famiglie nobili, il monaco, seguendo alla lettera la propria filosofia chlisty, si abbandonò ad ogni tipo di piacere, mantenendo però, in presenza della famiglia imperiale, una condotta irreprensibile, atteggiandosi a tutore dello zarevic Alessio e suo protettore.

Tutti i rapporti della polizia segreta e dei deputati della Duma sulla condotta di Rasputin che arrivarono sulla scrivania dello Zar vennero sempre considerati frutto di maldicenze ordite dall’intellighenzia liberale.

L'attività di Rasputin si spostò dal privato al politico allo scoppio della Guerra Mondiale alla quale il monco, pacifista convinto, cercò di opporsi con ogni mezzo e, mentre lo Zar Nicola era al fronte, cercò di manipolare la Zarina Alexandra, per portare la Russia alla pace.

Con le sue manovre il monaco si fece nemici la casta militare, l’aristocrazia nazionalista, la destra, ma anche l’opposizione liberale che lo accusarono di tradimento a favore della Germania.

La Russia stava passando un brutto periodo, l'esercito subiva numerose perdite, all'interno il governo era diviso e Rasputin continuava a tramare per ottenere una pace immediata.

Nel tentativo di allontanarlo il Primo Ministro Trepov, offrì a Rasputin una enorme somma per lasciare la capitale immediatamente e tornarsene in Siberia.





Rasputin, che aveva in precedenza accettato "mazzette" per favorire questo o quel personaggio politico, non cedette al tentativo di corruzione, ma informata la zarina, dopo questa dimostrazione di fedeltà e attaccamento alle sorti della Corona, vide aumentare il suo prestigio e considerato "unico amico della famiglia imperiale".

Una congiura di nobili decretò la fine di Rasputin che, attratto in una trappola, nella notte fra il 16 ed il 17 dicembre 1916 venne prima avvelenato (non è certo), poi sparato con un colpo di pistola al cuore, infine abbattuto a randellate ed il suo corpo gettato in un canale.

La zarina Alessandra accolse con disperazione la notizia, ma lo zar Nicola, che aveva espresso preoccupazione per il ruolo sempre più ingombrante che Rasputin stava assumendo a corte, tenne un tale atteggiamento che, tenuto conto che tra i congiurati c’erano nobili imparentati con la Corona, nessuno venne punito per il delitto.

Quando la notizia della morte di Rasputin si diffuse ci furono grandi celebrazioni e gli assassini vennero considerati eroi che avevano salvato la Russia dall’influenza di Alexandra, di discendenza germanica, e del folle monaco Rasputin.

Clicca qui per vedere tutti i libri su Paul Karl Feyerabend







Fai un viaggio Virtuale nella mappa del Globo di Windoweb

Rasputin
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare