logo windoweb
link sponsorizzati


coltivare il Rosmarino

coltivare il Rosmarino

Rosmarinus officinalis Famiglia Labiatae

Torna alla Home Page enciclopedica di

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 
Scheda descrittiva pianta Rosmarino


coltivare il RosmarinoIl comune rosmarino, Rosmarinus officinalis, è la specie più importante del genere, del resto molto ristretto dato che ve ne vengono comprese soltanto altre due, spontanee, che poi non sono forse neppure delle vere e proprie specie.

Il rosmarino (detto in alcune regioni ramerino) presenta infatti diverse varietà specificamente legate ad ambienti e zone differenti.

Generalmente è un arbusto eretto, dal fusto legnoso e ramificato, con foglie numerose e lineari, arrotolate ai margini, verde o verde grigio sulla pagina superiore, biancastre per una lievissima pubescenza su quella inferiore.

Le foglie, che possono essere opposte o riunite in fascetti, sono persistenti anche durante l'inverno.

I fiori, normalmente estivi, compaiono in piccoli racemi all'ascella delle foglie superiori; il calice è bilabiato, come pure la corolla, azzurro violacea, lunga e sporgente.

Ce n'è una varietà con fiori bianchi. Le varietà possono avere sia foglie più larghe, come la varietà latifolius, che più strette, come la varietà angustifolius, propria dell'Africa settentrionale,
ma ne esistono anche forme intermedie.

Una varietà bassa e strisciante è conosciuta come humilis (o rupestris, o prostratus), ma anche nel suo ambito esistono forme diverse: alcune sono aggrappate a roccaglie, altre sono striscianti nei terreni sabbiosi della macchia fino alle pinete.
coltivare il Rosmarino
Occorre dire che in quest'ultimo habitat spesso non sono rispettate le esigenze di sole proprie della specie tipo, poiché i bassi cespugli, alti non più di 50 cm, con radici assai tenaci e profonde che si irraggiano anche a distanze notevoli in confronto alla parte aerea, crescono frequentemente all'ombra dei pini e dei corbezzoli, fra i cespugli di lentisco e di Cistus, che li riparano parzialmente.

Le loro foglie sono più verdi, meno coriacee, più profumate dei rosmarino a grandi cespugli e quindi, potendo prelevare dei giovani polloni con le loro radici nuove e poco sviluppate, le piante saranno particolarmente adatte per chi abbia una posizione leggermente ombreggiata, terra sciolta e non desideri un eccessivo volume d'ingombro in altezza.

Se ne potranno fare infatti bordure che si sviluppino in senso, per così dire, orizzontale, eliminando le parti vegetative che tendessero a svilupparsi nelle direzioni non volute.

Essendo pianta tipica della macchia mediterranea e in particolare delle formazioni composte da arbusti xerofili, dette garighe, il rosmarino desidera terreni calcarei ed esposizione soleggiata.

La sua coltivazione è facile, ma nelle regioni settentrionali richiede protezione nella cattiva stagione e posizioni riparate da muri, ecc.

I forti geli lo fanno perire: in zone climatiche fredde è pianta da vaso, benché in qualche parte dell'Inghilterra possa vivere all'aperto.
coltivare il Rosmarino
Malgrado il fatto che le sue proprietà terapeutiche siano state in antico molto esagerate, ha proprietà digestive, è leggermente diuretico e cicatrizzante.

Il suo olio essenziale è usato in profumeria e sembra eserciti anche un'azione insetticida, per cui è consigliato di porne un poco insieme ai fiori di lavanda disseccati che si usano per profumare gli armadi.

Il suo uso alimentare è generalmente limitato all'aromatizzazione delle vivande, soprattutto degli arrosti.

Libri e oggetti con tema Rosmarino

link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati

Orto
Foto Ambiente per sfondi desktop
Indice Ambiente
Piante e Erbe Medicinali
Piante e Erbe Medicinali
Piante Velenose
Piante Velenose
Schede fiori selvatici
Fiori Selvatici
Fiori da Giardino
Fiori da Giardino
Ricette
Ricette
Foto Natura
Foto Natura
Piante Appartamento
Piante Appartamento

Giardinaggio

 
Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it