logo windoweb
link sponsorizzati


coltivare lo Scarola

coltivare lo Scarola

Cichorium envidia varietà latifolium Famiglia Compositae

Torna alla Home Page enciclopedica di

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 
Scheda descrittiva pianta Scarola


coltivare lo ScarolaQuesta varietà ha foglie larghe con una costola centrale molto espansa, carnosa al centro, e margini appena frastagliati.

Botanicamente è assai simile all'indivia, tranne che per la morfologia fogliare che ha fatto si che spesso venisse confusa con la Lattuga, al punto che ne esiste una cultivar dal nome "Scarola a foglia di lattuga"

Il suo nome è stato variato nel tempo e a seconda delle regioni in scariola, ascariola, ascarola, ed è passato anche in altre lingue.

Le cultivar più diffuse sono: "Verde a cuore pieno" adatta per le semine autunnali; "Bionda a cuore pieno" con fogliame molto ondulato, giallastro, indicata per la produzione precoce autunnale; "Bubikopf" con foglie verdi e ondulate, tanto compatte da risultare autoimbiancanti anche senza legamenti; "Scarola a cornetto", dal cespo allungato; "Scarola fiorentina" e "Scarola bianca di Napoli d'estate" la sola varietà che si semini in maggio per il consumo estivo.

La semina si effettua in semenzaio in luglio-agosto, e si trapianta in settembre.

Il terreno deve essere ben lavorato e concimato con letame e concimi chimici complessi dispensati in copertura, dove avverrà l'impianto.
coltivare lo Scarola
Questo si pratica sulle porche fatte a distanza di 50 cm l'una dall'altra, lasciando 25 cm tra le piantine.

La coltivazione è uguale a quella dell'indivia, compreso l'imbianchimento, che può essere fatto legando i cespi oppure ricoprendoli per almeno 10 giorni con tunnel di plastica nera.

Occorre che al momento dell'imbiancamento le piante siano ben asciutte per evitare marciumi nella parte non esposta all'aria.

Anche la scarola è generalmente consumata cruda in insalata, ma in Campania, la vigilia di Natale, è tradizione fare una pizza con la scarola cotta.

Occorre per questo della pasta di pizza, fatta con farina bagnata con acqua nella quale si è sciolto un po' di lievito di birra e impastata con le mani insieme a sale e pepe finché non diventi ben compatta, dopo di che si lascerà riposare per un'ora.

Si sbollentano per qualche minuto le foglie di scarola; si mette in un tegame un po' di olio con 8 filetti di acciughe.

20 g di capperi e una dozzina di olive snocciolate, e si fa andare a fuoco lento finché le acciughe non siano disfatte.
coltivare lo Scarola
Si aggiunge quindi la scarola ben scolata, e si lascia riposare per un po' dopo aver mescolato, in modo che la verdura si insaporisca.

Si spiana la pasta e la si stende in una pirofila unta distrutto (o burro), si irrora d'olio e visi versa la scarola insaporita, cospargendola di uvetta sultanina e di pinoli, quindi si inforna nel forno già caldo finché la pasta non sia cotta.

Questa la ricetta tradizionale, che può essere variata, ovviamente, secondo i gusti,' eliminando l'uvetta e i pinoli o aumentando le acciughe se si vuole la pizza più saporita e piccante.

Libri e oggetti con tema Scarola

link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati

Orto
Foto Ambiente per sfondi desktop
Indice Ambiente
Piante e Erbe Medicinali
Piante e Erbe Medicinali
Piante Velenose
Piante Velenose
Schede fiori selvatici
Fiori Selvatici
Fiori da Giardino
Fiori da Giardino
Ricette
Ricette
Foto Natura
Foto Natura
Piante Appartamento
Piante Appartamento

Giardinaggio

 
Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it