logo windoweb
link sponsorizzati


coltivare la Zucca

coltivare la Zucca

Cucurbita Maxima e Moschata Famiglia cucubitaceae

Torna alla Home Page enciclopedica di

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 
Scheda descrittiva pianta Zucca


coltivare la ZuccaMalgrado siano due specie ben distinte e con caratteri botanicamente dissimili, in Italia non si fa pratica distinzione fra i due tipi, che vanno per lo più sotto il nome comune di zucche o, localmente, con altri nomi volgari (zucca gialla, zucca da inverno, zucca rampicante, ecc.).

Cucurbita maxima è annuale, come del resto le altre specie coltivate, e ha fusto strisciante, lungo, sarmentoso, ramificato e coperto di peli setolosi, leggermente spinoso; le foglie, orbicolari o reniformi, di solito sono intere; i fiori sono unisessuali e gialli, come in tutto il genere, con la corolla campanulata terminante in cinque grandi lobi morbidi.

Il frutto, caratteristico della famiglia, è un tipo particolare di bacca che prende il nome di peponide: in questa specie il frutto è sferoidale, molto grande, appiattito in corrispondenza del peduncolo, con epicarpo grigio chiaro o giallo, liscio o verrucoso, e mesocarpo carnoso giallo e dolce.

Vi rientra la strana forma detta zucca a turbante perché ne sporge una parte a calotta costoluta, di solito più intensamente colorata in rosso o altri colori.

Cucurbita moschata è anch'essa annuale, con lunghi sarmenti che possono essere volubili; le foglie sono arrotondate, ma lobate.

I lobi della corolla sono grandi ed eretti e il peponide può essere di varia forma, globoso, cilindrico, claviforme, quasi sempre ricurvo all'apice, con il mesocarpo polposo giallo-arancione.
coltivare la Zucca
Ambedue le specie possono essere adoperate per il frutto fresco, quando abbia raggiunto la piena maturazione, oppure per la conservazione invernale di esso, in ambienti freschi e asciutti.

Le cultivar più diffuse di Cucurbita maxima sono: "Marina di Chioggia" con frutto grosso, globulare e schiacciato ai poli, a buccia verde-grigio, ricoperta di escrescenze; "Gialla grossa Mammouth" a volte enorme, globosa, appiattita sopra e sotto, costoluta (ve ne sono diversi ibridi con caratteristiche più o meno variate); "Romana da inverno rampicante tonda" grossa, con buccia rosso-arancio.

Alla specie Cucurbita moschata appartiene "Piena di Napoli" con peponide lungo, giallo rossastro e polpa gialla e zuccherina.

Le zucche si seminano una sola volta l'anno, in aprile-maggio, a dimora e a postarelle, distanziate fra di loro 2 m in tutti i sensi, su terreni ben preparati con un lavoro profondo circa 30 cm, concimati abbondantemente con letame e concimi fosfopotassici e azotati.

In ogni buchetta si pongono 3-4 semi, e dopo la germinazione si dirada lasciando solo una pianta.

Durante l'estate si praticano scerbature, irrigazioni abbondanti e alcune concimazioni fosfopotassiche in copertura.

Le piante saranno cimate a una o due foglie al di sopra del primo fiore, soprattutto se si lasciano strisciare senza munirle di sostegni, nel qual caso è bene rincalzare leggermente la terra sui fusti ai nodi, in modo da favorire lo sviluppo di radici avventizie.

Generalmente le zucche si raccolgono in ottobre e si conservano in locali arieggiati e asciutti per tutto l'inverno.

Per il loro contenuto zuccherino le zucche sono adatte a molte preparazioni dolci, oltre che salate.
coltivare la Zucca
Se ne fanno gelatine e confetture o si possono sbucciare, tagliare in fettine sottili e friggere senza farina dopo di che si potrà, volendole dolci, spalmarle di marmellata, oppure eseguire una preparazione siciliana agrodolce.

Quando le fettine sono fritte, si scola dalla padella quasi tutto l'olio e si spruzzano con aceto, aggiungendo poi sale, un po' di zucchero e qualche foglia di menta e lasciando insaporire alcuni minuti.

Un piatto tipico dell'Italia settentrionale sono gli "gnocchi di zucca " Tagliata a fette e tolti i semi, la zucca viene messa a cuocere in forno, quindi sbucciata e passata al setaccio.

Si impasta il purè con farina, più o meno la metà del peso della zucca da cruda. e una chiara d'uovo, lavorando a lungo con un cucchiaio di legno finché la pasta non formerà delle bollicine.

Si prende allora una cucchiaiata di pasta per volta e si fa cadere nell'acqua a bollore.

Appena gli gnocchi vengono a galla, si scolano e si condiscono con burro, fuso in un tegamino con uno spicchio d'aglio e fatto divenire ben biondo, e con parmigiano grattugiato.

Libri e oggetti con tema Zucca

link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati

Orto
Foto Ambiente per sfondi desktop
Indice Ambiente
Piante e Erbe Medicinali
Piante e Erbe Medicinali
Piante Velenose
Piante Velenose
Schede fiori selvatici
Fiori Selvatici
Fiori da Giardino
Fiori da Giardino
Ricette
Ricette
Foto Natura
Foto Natura
Piante Appartamento
Piante Appartamento

Giardinaggio

 
link sponsorizzati


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it