logo windoweb
link sponsorizzati


Pianta Genziana maggiore

Pianta Genziana maggiore

Gentiana lutea L. - Farti. GENTIANACEAE

Torna alla Home Page enciclopedica di

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 
Scheda descrittiva Genziana maggiore pianta medicinale officinale


Pianta Genziana maggioreDescrizione Genziana maggiore

È una specie tre le più note e conosciute per i suoi impieghi erboristici e farmaceutici.

Vive nei pascoli di altitudine nelle Alpi e negli Appennini e si afferma per la prestanza del suo fusto che supera in taluni esemplari il metro e mezzo.

Fiorisce in estate; i suoi fiori gialli non molto appariscenti si raggruppano a mazzetti all'ascella delle foglie che sono opposte tra loro e molto grandi.

Conosciuta fino dall'antichità, sembra infatti che il suo nome derivi dal re dell'Illiria Gentius che per primo apprezzò le virtù terapeutiche della pianta, è a tutt'oggi largamente sfruttata per i principi attivi contenuti essenzialmente nella radice.

L'industria farmaceutica estrae da essa principi amari che esercitano un'azione tonica su tutto il sistema digerente.

Per questo motivo, proprio perché la parte utilizzata è la radice, si sta determinando un notevole regresso della diffusione di questa bella specie che in talune regioni d'Italia è «protetta» e regolamentata da precise norme che limitano notevolmente la sua raccolta indiscriminata.

Habitat Genziana maggiore

Preparazioni Polvere: (Digestivo) La radice finemente polverizzata si somministra nelle dosi di gr. 0,5 in un cucchiaino di acqua mielata, 15-30 minuti prima dei pasti. Tintura: (Aperitivo, stimolante dell'appetito)

Gr. 20 di radice in 1000 gr. di alcool a 60° si lasciano macerare per 5 giorni agitando di tanto in tanto.

Dopo aver filtrato il liquido si somministrano 30-50 gocce in poca acqua zuccherata, 15-30 minuti prima dei pasti.

Infuso: (Digestivo, schiarente delle lentiggini del viso)Pianta Genziana maggiore

Far bollire gr. 5 di radice in una tazza d'acqua. Lasciare a riposo per 5 ore.

Il liquido filtrato e zuccherato si somministra nelle dosi di due bicchierini prima dei pasti come digestivo.

Lo stesso infuso zuccherato si può adoperare per lavare la pelle coperta da lentiggini che schiariscono notevolmente se il trattamento è ripetuto per alcuni giorni.

Nota: Quando la pianta non è fiorita può essere confusa con il Veratro, specie velenosa che vive negli stessi ambienti.

Per distinguere le due piante è bene ricordare che le foglie della Genziana sono opposte tra loro, a due a due, mentre quelle del Veratro sono alterne, cioè inserite ognuna su punti diversi del fusto.

Inoltre la foglia della Genziana ha nervature ramificate, quella del Veratro ha nervature parallele (v. anche Veratro)

Preparazioni Genziana maggiore

Pascoli, zone torbose delle Alpi e degli Appennini, Sardegna; fino a 2500 m.

Fioritura: Luglio-Agosto secondo le altitudini.

Tempo balsamico: Ottobre.

Parti usate: La radice, da essiccare al sole, tagliandola in pezzetti di qualche centimetro e da conservare in recipienti di vetro ben chiusi.

Proprietà: Aromatiche, aperitive, digestive, antianemiche.

Componenti principali: Sostanze amare (genziopicrina), alcaloidi (genzianina), zuccheri, enzimi, Vitamina C.

Nomi dialettali Genziana maggiore

Giansana (Piem.),
Genzànica (Lomb.),
Anziana (Ven.),
Anziane (Fri.),
Genziana gialla (Tose.),
Jnzana (Abr.),
Erva biunnina (Sic.).

Libri e oggetti con tema Piante Medicinali 

link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati

Orto
Foto Ambiente per sfondi desktop
Indice Ambiente
Piante e Erbe Medicinali
Piante e Erbe Medicinali
Piante Velenose
Piante Velenose
Schede fiori selvatici
Fiori Selvatici
Fiori da Giardino
Fiori da Giardino
Ricette
Ricette
Foto Natura
Foto Natura
Piante Appartamento
Piante Appartamento

Giardinaggio

 
Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it