logo windoweb
link sponsorizzati


Alberto Savinio Biografia e Libri

Alberto Savinio Biografia e Libri

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb

   
Alberto Savinio pseudonimo di Andrea De Chirico


Alberto Savinio, pseudonimo di Andrea De Chirico (Atene 25 agosto 1891 - Firenze 5 maggio 1952) è stato uno scrittore, pittore e compositore italiano.

Nato in Grecia, secondo figlio di Emma Cervetto ed Evaristo De Chirico, e fratello del pittore Giorgio De Chirico, studiò pianoforte al conservatorio della sua città nativa.

Dopo la morte del padre, nel 1905, la famiglia si trasferì a Monaco di Baviera (dove arrivò probabilmente nel 1906), dopo soggiorni a Venezia e Milano.

Per un breve periodo Andrea De Chirico studiò da Max Reger, e s'impegnò nello studio delle scritture dei filosofi Otto Weininger, Arthur Schopenhauer e Friedrich Nietzsche.

A causa dell'insuccesso delle sue composizioni, si trasferì nel 1910 a Parigi, dove fece la conoscenza degli avanguardisti dell'epoca: Pablo Picasso, Blaise Cendrars, Francis Picabia, Jean Cocteau, Max Jacob e Apollinaire.

Dall'inizio del 1914 si presentava sotto lo pseudonimo Alberto Savinio.

Pubblicò Les chants de la mi-mort nel numero 3 (giugno/agosto 1914) della rivista Les Soirées de Paris sotto tale nome.

Nel 1915 tornò insieme con il suo fratello Giorgio in Italia.

Soggiornarono a Firenze e, dal 1916, a Ferrara, dove erano in contatto con il circolo artistico di Filippo De Pisis e Carlo Carrà.

Nel 1917 Alberto Savinio venne mandato alla fronte di Salonicco.

Dopo la fine della prima guerra mondiale, si trasferì a Roma, dove pubblicò testi teoretici e narrativi, soprattutto in riviste, tra di cui anche La Ronda.

Nel 1924 Alberto Savinio fece parte dei fondatori del Teatro d'Arte.

Due anni dopo sposò Maria Morino, da cui aveva avuto la figlia Angelica (1928) ed il figlio Ruggero (1934).

Nell'anno del matrimonio si trasferì con la moglie a Parigi, dove si dedicò alla pittura.

Nel 1933 Alberto Savinio pubblicò nel numero 5 della rivista Le Surréalisme au service de la révolution il testo Achille énamouré mêlé à l'Evergète.

La traduzione italiana di questo testo fu pubblicata nel 1938 a Firenze sotto il titolo Achille innamorato nell'omonima antologia.

Nel 1933 Alberto Savino tornò definitivamente in Italia e, dal 1934, collaborò a La Stampa.

Dal 1935 visse a Roma, dove trascorse l'intero periodo bellico.

Europeista convinto della prima ora, alla fine del conflitto collaborò soprattutto al Corriere della sera e al Corriere d'informazione ma lavorò anche come drammaturgo e regista di opere, scrivendo opere egli stesso e drammi per il teatro.

Libri di Alberto Savinio

link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
scrittori Italiani
Scrittori Italiani
letteratura e scrittori
Indice Letteratura

Indice Cultura
Menu Arte
Menu Arte
Ricette
Ricette

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it