logo windoweb
link sponsorizzati


Enzo Biagi

Enzo Biagi Biografia e Libri

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb

   
Enzo Biagi

Enzo BiagiNato a Lizzano in Belvedere, un paesino dell'Appennino tosco-emiliano in provincia di Bologna il 9 Agosto del 1920, da una famiglia di umili origini (il padre era aiuto magazziniere e la madre casalinga), Enzo Biagi rivelò molto presto la sua predisposizione per le materie letterarie ed in particolar modo per la scrittura.

Nel 1941 venne iscritto nell'Ordine dei Giornalisti e lavorò per qualche tempo come cronista al " Resto del Carlino" prima di essere chiamato alle armi e dopo l'8 settembre 1943 partecipò alla Resistenza unendosi ai partigiani operanti sul fronte dell'Appennino.

Il 21 aprile 1945 entra a Bologna con le truppe alleate e annuncia dai microfoni della radio locale la fine della guerra.
Dopo la guerra, Biagi fonda il settimanale, "Cronache" ed il quotidiano "Cronache sera", viene riassunto dal "Resto del Carlino", in quegli anni "Giornale dell'Emilia", dove rimane per alcuni anni come il critico cinematografico.

Trasferitosi a Milano, nel 1952 diventa direttore di "Epoca", un settimanale allora molto importante, che abbandona nel 1961 per passare alla Rai dove coprì la carica di direttore del telegiornale ed diede l'avvio a"RT", il primo rotocalco televisivo.

"Dicono di lei", programma TV tagliato su misura per lui e per le sue capacità, in cui Biagi intervista personaggi famosi parte nel 1969 e negli anni seguenti conduce diverse trasmissioni televisive di costume ed inchiesta come : "Douce France" (1978) e "Made in England" (1980), "Film dossier" (1982),"Questo secolo: 1943 e dintorni", (1983), "1935 e dintorni", "Terza B", "Facciamo l'appello (1971)", "Linea diretta (1985, settantasei puntate)", "Spot" (1986-87-88), "Il caso" (1989), "Linea diretta","Terre lontane" e "Terre vicine".

Giornalisticamenteparlando Biagi diventerà nel corso degli anni inviato speciale de "La Stampa", direttore del "Resto del Carlino", collaboratore de "La Repubblica" e opinionista del "Corriere della Sera", incarico che conserva ancor oggi.

Dal 1991 ad oggi Biagi ha realizzato con la Rai un programma televisivo all'anno: "I dieci comandamenti all'italiana" (1991), "Una storia" (1992), "Tocca a noi", "La lunga marcia di Mao" (sei puntate sulla Cina), "Processo al processo su tangentopoli", e "Le inchieste di Enzo Biagi".

Nel 1995 dà vita a "Il Fatto", programma giornaliero di cinque minuti su avvenimenti e personaggi italiani, che viene ripreso in tutte le stagioni successive, sempre con altissime percentuali di ascolto.

Il nome del programma prende spunto da un reportage fotografico eseguito dallo stesso Biagi sempre nel 1995 e supera le 700 quando viene allontanato, insieme ad altri colleghi, per dissapori con il governo in carica.

Biagi oltre ad essere un giornalista televisivo, ha prodotto molte opere letterarie : più di ottanta libri ed ha vinto numerosi premi, tra cui il Bancarella.

Tra le opere che: meritano una citazione particolare, si ricordano "Testimone del tempo" (1970); "I come italiani" (1972); "La bella vita" (1996, intervista all'attore Marcello Mastroianni), "Come si dice amore" (2000) e "Storia d'Italia a fumetti" (varie edizioni dal 2002 ad oggi).

Dopo cinque anni di assenza dalla TV, nell'aprile del 2007 Enzo Biagi torna a lavorare in RAI con il programma "RT - Rotocalco Televisivo".

Ezio Biagi muore a Milano il 6 Novembre 2007 per complicazioni cardiache.

Libri di Enzo Biagi
link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
scrittori Italiani
Scrittori Italiani
letteratura e scrittori
Indice Letteratura

Indice Cultura
Menu Arte
Menu Arte
Ricette
Ricette

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it