logo windoweb
link sponsorizzati


Gabriel Garcia Marquez

Gabriel Garcia Marquez Biografia e Libri

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb

   
Gabriel Garcia Marquez

Gabriel Garcia MarquezGabriel Garcìa Marquez nasce ad Aracataca, villaggio al quale si è poi ispirato nell'inventare la città di Macondo, un paesino costiero della Colombia, il 6 marzo 1928, cresce con i nonni materni a Riohacha, studia a Barranquilla e si diploma al Colegio Liceo de Zipaquirá nel 1946..

Nel 1947 García Márquez si iscrive all' Universidad Nacional de Colombiatrasferì a Bogotá, facoltà di giurisprudenza e scienze politiche e pubblica il suo primo racconto "La tercera resignacion" sul giornale "El Espectator".

Dopo i disordini del 1948, lasciata l'università, si trasferì a Cartagena dove cominciò la carriera di giornalista lavorando per vari giornali come opinionista, critico cinematografico, reporter e nel 1954 pubblica il racconto "Foglie morte".

Nel 1955 Marquezlascia il suo Paese per sottrarsi alla dittatura che si è instaurata e, come corrispondente per il suo giornale in Europa, trascorre alcuni mesi a Roma, dove segue dei corsi di regia.
Quando il dittatore colombiano Pinilla chiude il giornale per il quale Marquez lavorava, si trasferisce a Parigi dove vive poveramente.

Nel 1958, dopo un soggiorno a Londra, Garcia Marquez torna nel suo paese e si sposa stabilendosi in Venezuela e, nel 1959, dopo la vittoria di Fidel Castro, visita Cuba e lavora per l'agenzia "Prensa latina", fondata dallo stesso Castro. prima a Bogotà, poi a New York dove, come inviato alle Nazioni Unite, visse nel 1960 lo scontro tra Kennedy, Kruscev e Castro.

A New York Marquez, per le posizioni assunte in favore di Castro, si sente minacciato della CIA e degli esuli cubani e, nel 1961 si trasferisce prima in Messico e poi in Spagna, lasciando il giornalismo per dedicarsi alla scrittura.

A Città del Messico, nel 1962, scrive il suo primo libro "I funerali della Mama Grande" che contiene anche "Nessuno scrive al colonnello, lavori nei quali comincia a delinearsi il fantastico mondo di Macondo.

Nel 1967 pubblicò la sua opera più nota: "Cent'anni di solitudine", un romanzo che narra le vicende della famiglia Buendía a Macondo. Un'opera che è considerata la massima espressione del cosidetto realismo magico.

Dal 1975, Márquez vive tra il Messico, Cartagena de Indias, L'Avana e Parigi.
Le opere che lo hanno portato alla notorietà, oltre quelle già citate sono: "La morte ai tempi del colera", "Cronaca di una morte annunciata", "Racconto di un naufragio", "L'autunno del patriarca", "Il generale nel suo labirinto", "Notizie di un sequestro"..

Nel 1982, viene insignito del Premio Nobel per la letteratura.

Nel 2001 Marquez, colpito da un cancro linfatico, si ritira lasciando una commovente lettera agli amici, ma nel 2002 pubblica la prima parte della sua autobiografia intitolata "Vivere per raccontarla" e, uscito vittorioso dalla malattia, nel 2004 scrive un'altra opera, "Memorie delle mie puttane tristi"

Libri di Gabriel Garcia Marquez
link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
Scrittori Spagnoli
Scrittori Spagnoli
letteratura e scrittori
Indice Letteratura

Indice Cultura
Menu Arte
Menu Arte
Ricette
Ricette

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it