logo windoweb


Dizionario di Mitologia

Dizionario mitologico lettera D

Personaggi mitologici in ordine alfabetico

Torna alla Home Page enciclopedica

Dafne Ninfa che aveva fatto voto di verginità.
Gli dei la trasformarono in alloro per sottrarla alle voglie di Apollo innamorato. Questi si consacrò la nuova pianta in ricordo della ninfa.
Demogorgone Divinità che rappresenta la forza la quale eternamente distrugge e crea, genio della Terra, dio primigenio associato al Caos e al Tempo.
Dafneforie Feste d'Apollo, nelle quali si portavano in processione rami di lauro. Deucalione
Figlio di Prometeo, insieme con la moglie Pirra, si salvò sopra una navicella dal diluvio (Diluvio deucalioneo).
Dafni Figlio di Mercurio, fu esposto in un bosco di lauri, donde il suo nome; è ritenuto inventore della poesia bucolica; mancò di fedeltà a una ninfa, la quale, irata, lo accecò.
Mercurio fece sgorgare una fonte là dove fu accecato.
Diana
(greco Artemide)
Figlia di Giove e di Latona, sorella di Apollo; è una personificazione della luna, ed è la dea dei boschi e della caccia.
In Roma fu anche venerata insieme con Apollo; aveva un tempio sull'Aventino.
Era anche chiamata Selene e Cingia (nel cielo) Ecate (negli inferni), ed Artemicle come cacciatrice (sulla terra).
Dahman I Persiani immaginarono che ci fossero due angeli, uno dei quali, Serose, passava all'altro, Dahman le anime dei buoni perché le conducesse in cielo. Didone
Figlia di Belo re di Tiro.
Fuggita da questa città fondò Cartagine.
Innamoratasi di Enea, e non potendo esser da lui corrisposta, si uccise gettandosi sopra una spada in mezzo a un rogo ardente.
Si chiamava anche Elisa.
Damaste Ladrone dell'Attica, conosciuto, sotto il suo soprannome di Procuste; stendeva i forestieri che capitavano presso il Cefiso sopra un letto e li stirava finché non ne raggiungevano la lunghezza; se erano più lunghi mozzava le parti sopravanzanti.
Fu ucciso da Teseo.
Diluvio Deucalioneo
Fu mandato da Giove per punire gli uomini della loro malvagità; in esso si salvarono soltanto i due giusti Deucalione e Pirra. Costoro, obbedendo all'oracolo, gettarono fuggendo sassi dietro le loro spalle, e le pietre si mutarono in uomini e donne.
Damone
Amico di Pizia; è rimasta proverbiale la loro amicizia.
Damone era garante per Pizia condannato a morte da Dionisio il Giovane, tiranno di Siracusa, doveva esser giustiziato al suo posto, quando comparve Pizia; Dionisio, commosso per così grande fedeltà, chiese di entrar terzo nella loro compagnia e li liberò tutti e due
Dindimena Era un epiteto che si dava a Cibele e le derivava dal monte Dindimo, nella Frigia.
Danae
Figlia di Acrisio, re d'Argo, che la rinchiuse in una torre di bronzo perché l'oracolo gli aveva predetto che sarebbe morto per mano d'un nipote.
Fu visitata da Giove sotto forma di pioggia d'oro e divenne madre di Perseo; Arcisio la gettò In mare chiusa in una cassa col figlio, ma Danae si salvò.
Perseo, tagliata la testa a Medusa, se la portò a casa; Acrisio, nel vederla, rimase pietrificato.
Diomede Figlio di Tideo, re di Argo; partecipò all'impresa di Troia, ove si distinse rapendo, con Ulisse, il Palladio, vincendo in duello Ettore ed Enea e perfino ferendo, in combattimento, Marte e Venere.
Un altro Diomede, re di Tracia, era possessore di quattro mostruosi cavalli soffianti fuoco, ai quali soleva dare in pasto uomini vivi.
Ercole lo vinse e lo fece divorare da quegli stessi cavalli.
Danaidì
Le cinquanta figlie di Danao, figlio del re d'Egitto, Belo; dovendo sposare i loro cinquanta cugini, Danao per timore di essere ucciso da uno di loro le indusse tutte ad ucciderli nella prima notte di nozze.
Furono da Giove severamente punite nell'Inferno, ove devono eternamente attingere acqua con vasi sfondati.
Sono chiamate anche Bolidi.
Dione Figlia d'Oceano e di Teti, o, secondo altri, di Urano e di Gea; fu della stirpe dei Titani; Venere, la quale, secondo Omero, è figlia di Giove e di questa Ninfa, fu detta dionea.
Danao Figlio del re egiziano Belo che molti confondono col Belo babilonese (Danaidi e Ipermnestra). Dionisie Feste in onore di Dioniso (Bacco); c'erano le piccole e le grandi Dionisie: quelle per la campagna e queste per la città, e tutte terminavano con rappresentazioni teatrali.
Dardano
Figlio di Giove e di Elettra, capostipite dei Troiani, che perciò sono anche chiamati Dardani.
Dioniso Nome greco di Bacco.
Dattili In parte figli del Sole e di Minerva e in parte di Saturno e di Alciope; furono identificati coi Coribanti; sono incerte e contraddittorie le notizie che se ne anno. Dioscuri
Sono detti così Castore e Polluce, come figli di Zeus (Giove).
Sono pure chiamati Tindaridi, perché Leda, loro madre, era moglie di Tindaro (Polluce).
Dea Roma Roma Dirce
Regina di Tebe, avendo maltrattato Antiope, i figli di questa la legarono alle corna di un toro furioso che la trascinò a morire in una fonte, la quale da lei prese il nome; tale fatto è il soggetto del famoso gruppo detto il Toro Farnese.
Un'altra Dirce per aver paragonato la propria bellezza a quella di Pallade, fu dalla dea tramutata in pesce.
Dedalione
Fratello di Ceice; si gettò dal monte Parnaso per il dolore della perdita di sua figlia Chione; Apollo lo salvò mutandolo in falcone.
Disanle Padre di Trittolemo; scacciato Eleusi, si recò a Celeo e vi introdusse i misteri di Cerere.
Dedalo Costruttore straordinariamente ingegnoso, costruì numerosi automi e ordigni.
Fece per Minosse il Labirinto di Creta per rinchiudervi il Minotauro.
Chiuso egli stesso, col figlio Icaro, nel Labirinto, inventò le ali che causarono la mortale caduta d'Icaro, ma che servirono a lui per salvarsi.
Volò in Sicilia, dove lavorò lungamente protetto dal re Cocalo.
Ebbe dopo la morte onori divini in un'isoletta presso Menfl.
Discordia
(greco Eris)
Fu cacciata dall'Olimpo, perché fomentava spesso contrasti tra gli dei: sulla terra, offesa perché non invitata alle nozze di Teti e di Peleo, suscitò una lite fra Giunone, Minerva e Venere, gettando nella sala del banchetto una mela sulla quale era scritto: Alla più bella.
Paride aggiudicò la mela a Venere causando infiniti mali.
Si rappresenta in compagnia di Marte, con la faccia livida, i capelli arruffati, e nelle mani insanguinate una vipera ed una spada.
Deiale Moglie di Tideo, madre di Diomede. Dite
È uno dei vari nomi che si davano a Plutone re dell'Inferno, e all'Inferno stesso.
Deianira
Fu causa della fine di Ercole, perché, gelosa di Iole già da lui amata, fece indossare all'eroe una veste intrisa nel sangue del centauro Nesso, che, secondo le affermazioni di questo, avrebbe dovuto assicurarle l'amore dell'eroe.
Ercole ne ebbe spasimi atroci e stava per morire, allorché Minerva lo trasportò sull'Olimpo rendendolo immortale.
Deianira si uccise per il dolore.
Dius Fidius Divinità romana protettrice dell'ospitalità e guardiana delle promesse
Deidamia Figlia di quel Licomede, re di Sciro, presso cui stette Achille in veste femminile; è madre di Neottolemo, detto anche Pirro. Dodona
Città dell'Epiro, con un famoso oracolo di Giove, il quale si esprimeva con lo stormire delle querce del luogo: l'oracolo era interpretato dai sacerdoti detti Selloi.
I responsi venivano tratti anche dal volo di certe colombe, dal mormorio d'una fonte e dal vibrare di bacini di rame, detti Lebeti, appesi ai rami degli alberi e percossi dai sacerdoti.
Deifobe
È il nome della Sibilla Cumana che guidò Enea nel regno della morta gente, nelle regioni infernali.
Alcuni attribuiscono a Deifobe la consegna dei libri dei destini di Roma fatta a Tarquinio.(Demofila).
Doride Creduta sposa di Nereo e madre delle cinquanta Nereidi.
Deifobo
Figlio di Priamo, fratello di Ettore; sposò Elena dopo la morte di Paride; ma, caduta Troia, Elena lo consegnò a, Menelao e Ulisse, che lo uccisero dopo averlo mutilato.
Doro Figlio di Elleno e della ninfa Orfeide: capostipite dei Dori.
Delfini
Bacco trasformò in delfini i compagni di Alceste, quando essi, avendolo sorpreso addormentato su una spiaggia, e non conoscendolo volevano tenerlo schiavo.
Dracone Primo legislatore di Atene, rigorosissimo; si dice che abbia scritto le sue leggi col sangue.
Delio
Città della Focide, famosa per il tempio che fu sede del più importante oracolo di Apollo.
Nel santuario esisteva una pietra detta omfalos considerata come ombelico e centro del mondo.
Una sacerdotessa, detta Pitonessa (dal serpente Pitone con la pelle del quale copriva il tripode) pronunciava l'oracolo con parole sconnesse ed oscure che si prestavano ad interpretazioni contradditorie.
Dragone (costellazione).
Custodiva i pomi delle Esperidi; Giunone lo pose fra le stelle, quando Ercole lo uccise, e venne raffigurato con la testa sotto i piedi dell'eroe.
Delio e Delia Epiteti che si attribuivano rispettivamente ad Apollo e a Diana, perché nati nell'isola
di Delo.
Driadi
Ninfe dei boschi, attraverso i quali erano giorno e notte inseguite e insidiate dai satiri.
Insieme alle Amadriadi abitavano gli alberi, ai quali potevano sopravvivere, a differenza di quelle, che morivano con le piante.
Era una forma di protezione delle foreste escogitata dagli antichi.
Demetra Nome greco di Cerere. Driope
Ninfa d'Arcadia amata da Mercurio.
Spezzò una ramo di un albero sacro a Bacco per darlo come gioco al figlioletto che aveva in braccio e il dio la punì mutandola in un albero.
Ella evitò la stessa sorte al bimbo, affrettandosi a deporlo.
Demofili (o lerofila)
È il nome della Sibilla che portò a Tarquinio il Superbo i nove libri dei destini di Roma velati sotto oscure profezie.
Druidi
Sacerdoti dei Galli; casta numerosa e potente non solo nella religione, ma anche nelle cose politiche; adoravano la quercia, sacrificando vittime umane; le loro mogli erano dette Druidesse; veneravano il vischio, pianta rampicante sulle querce, e all'inizio di ogni anno il Gran Druido, con un falcetto d'oro, tagliava il sacro vischio e lo distribuiva al popolo.
Si crede però generalmente che tanto i Druidi, quanto le Druidesse della classe più elevata, fossero tenuti al celibato.
Demofoonte Figlio di Metanira; difese gli Eraclidi contro Euristeo, ed uccise questo prepotente fratello maggiore di Ercole. Durga
Nella mitologia indiana, moglie di Siva, chiamata anche Parvati.
È quest'ultima divinità nei suoi aspetti più terribili.
libri mitologia

Personaggi mitologici in ordine alfabetico

A -AG AI - AO AP-AV BA-BE BI-BU CA-CH CI-CZ
D E F G H I L
M N O P Q R S
T U V-W-X Z      



Argomenti Correlati
Dizionario di Mitologia
Dizionario di Mitologia

Personaggi storici
letteratura e scrittori
Indice Letteratura

Indice Cultura

Storia

Guida Italia




Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it