logo windoweb
link sponsorizzati


Leadership con il cane

Leadership con il cane

di Michele Caricato
con la collaborazione di Laura di Marco

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 

Educazione del cane


Leadership con il caneLeadership

Qualsiasi sia la richiesta che facciamo al cane, la sua risposta non dipende solo dalla conoscenza del comando, infatti per “obbedire” il nostro fido deve avere una considerazione più o meno alta della fonte dell’ordine (cioè noi).

In breve: se ci considera poco più che uno strumento dispensa-cibo e raccogli-cacche possiamo scordarci che venga ad un nostro richiamo.

Sapere cosa fare e volerlo fare sono quindi due cose ben distinte ed è fondamentale che metabolizziamo questo concetto prima di saltare a conclusioni affrettate del tipo “il mio cane non capisce niente!”.

Abbiamo già visto quanto è importante l’associazione positiva quando torna da noi e che è fondamentale essere più interessanti di tutti gli oggetti, animali, odori e persone che lo circondano; solo così possiamo stimolarlo ad essere sempre curioso e felice di ritornare dal suo padrone.

Ebbene essere un buon leader è forse l’ attributo più avvincente che possiamo avere, a volte persino irresistibile per lui.

Come sviluppare quindi questa seducente qualità? Leadership con il cane

Andiamo sicuramente a ripescare i comportamenti ancestrali del branco e, come al solito, disturbiamo il nostro amico lupo.

Il maschio e la femmina Alfa hanno comportamenti leggermente diversi ma con alcuni fattori comuni: il loro atteggiamento è spesso molto indifferente verso ciò che accade intorno a loro anche se continuano a mantenere un’altissima vigilanza su tutto.

Non parlano molto (…insomma avete capito) ed i loro movimenti sono sempre misurati e sicuri.

Non si arrabbiano quasi mai ma sanno essere molto severi in altri modi; primo fra tutti l’ignorare, allontanare o addirittura negare l’accesso alle attività sociali o, per ultimo, al cibo.

Tutte le decisioni importanti (quando e se muoversi, la direzione, se essere aggressivi o pacifici, se mangiare, giocare o dormire) sono sempre controllate dal capo branco che mette in atto tutti i propri mezzi per assicurarsi di essere seguito.

Conoscere il proprio cane è fondamentale proprio per evitare che ci sorprenda e quindi fare la figura dell’impacciato, nevrastenico ed inconcludente.

Dobbiamo imparare a misurare non solo la sua capacità di obbedire ma anche la nostra propensione a perdere la calma quando la situazione ci è sfuggita di mano.

Leadership con il caneSe non riusciamo a far tornare il nostro cane quando siamo nel parco cerchiamo di mettere in atto tutte le nozioni che abbiamo acquisito.

Non dobbiamo solo insegnargli a tornare ma dobbiamo anche fare in modo che non abbia alcun dubbio sul fatto che quella è l’azione migliore da compiere visto che glielo abbiamo chiesto noi.

Dobbiamo dimostrargli che noi sappiamo, sempre, con calma e sicurezza qual è la direzione da prendere in ogni momento.

Se riusciamo a farci ammirare dal nostro amico per come siamo non dovremo più pretendere da lui, perché sarà lui stesso a chiederci cosa deve fare.

Michele Caricato
con la collaborazione di Laura di Marco

Libri e oggetti con tema Educazione cani
 
link sponsorizzatiti
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
Guida cani
Guida Cani
Foto di cani, foto di cuccioli
Guida Razze Cani
Foto Can
Foto Cani
Foto Ambiente per sfondi desktop
Indice Ambiente

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi
foto animali
Foto Animali

link sponsorizzati


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it