logo windoweb
link sponsorizzati


il cane non viene

Perché il cane non viene quando lo chiamiamo

di Michele Caricato
con la collaborazione di Laura di Marco

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 

Educazione del cane

 
il cane non vienePerché il cane non viene quando lo chiamiamo?

Ricordo benissimo quando da bambino mia nonna mi chiamava dal balcone e inutilmente dava fondo a tutta la sua voce per cercare di recuperare il suo nipotino che, preso nel suo mondo di “guardie e ladri”, “nascondino” o “torneo di calcio”, aveva poche intenzioni di ritornare a casa.

Qualche anno più tardi la situazione era resa ancora più difficile per l’aggiunto interesse che avevo alla presenza di qualche graziosa amichetta.

In effetti l’unica chance, per mia nonna, era sperare che la stanchezza, l’appagamento, la fame o la voglia di qualcosa di caldo mi spingesse a ritornare alla base.

Questo è il nostro cane: un ragazzino entusiasta pieno di voglia di giocare, esplorare e conoscere ma che difficilmente riesce a soddisfare completamente questi suoi bisogni.

Ed è proprio per questo motivo che, in situazioni del genere, tali stimoli rappresentano per lui qualcosa di veramente importante.

L’incontro con i suoi simili, l’esplorazione di posti nuovi e i giochi sregolati che solo un altro cane gli può offrire sono quindi una forte calamita che attira inesorabilmente il nostro amico e lo rende sordo ad i nostri richiami.

In effetti dall’altra parte ci siamo noi, spesso annoiati e qualche volta arrabbiati.
il cane non viene
In ogni caso non siamo sempre felici di dover stare fuori con il nostro cane e comunque risultiamo ai suoi occhi troppo poco attraenti perché goffi, supplichevoli e distratti.

Il controllo dell’iniziativa è uno degli elementi più importanti per ottenere obbedienza.

E’ basato sulla velocità con cui riusciamo a bloccare un’azione del cane e necessita di un’attenzione altissima in quanto bisognerebbe avere il controllo di tutto ciò che avviene attorno a noi così da prevenire i suoi comportamenti.

Un esempio è l’attrazione verso i gatti: se durante la mia passeggiata avvisto un gatto prima del mio cane ho tempo di richiamarlo, mettergli il guinzaglio ed esercitare un controllo diretto su di lui facendogli capire che deve restare tranquillo.

Probabilmente otterrò lo stesso risultato se gli do un secco “FERMO” nel momento stesso in cui ha localizzato il felino.

I cani più obbedienti rispondono al nostro comando anche se stanno per partire all’inseguimento del malcapitato ma sicuramente è molto difficile che ci ascoltino se la caccia è già partita.

E questo per due motivi: uno la frenesia della corsa verso la preda è troppo alta per ascoltare i nostri comandi; due non ci siamo dimostrati dei buoni leader lasciandoci sorprendere da questa situazione e quindi, dal punto di vista del cane, non siamo all’altezza di gestire la cosa; figuriamoci dare ordini e disposizioni!

Certo che anche noi abbiamo qualcosa da offrire al nostro amico quando risponde al richiamo: entusiasmo, coccole, carezza, giochi o del cibo.
il cane non viene
Il problema è che spesso tutto ciò gli è concesso anche quando non ha fatto nulla di speciale; avvolte siamo noi che lo cerchiamo per coccolarlo, fargli le feste, convincerlo a giocare o per proporgli qualcosa di buono da mangiare.

Tutto questo abbassa notevolmente l’importanza dei nostri gesti e, soprattutto, la nostra leadership.

Per essere interessanti, le nostre proposte devono diventare un po’ esclusive e le nostre azioni più divertenti (provate a ballare, rotolarvi o a saltellare come un canguro e vedrete come il cane accorre subito per divertirsi con voi!).

Invece di convincerlo a giocare con la pallina fategli vedere che non avete alcuna intenzione di dargliela e correte via, lanciatela in aria e recuperatela al volo senza neanche considerare quello che fa il vostro amico.

C’è un ultimo elemento da considerare: se il cane ha la possibilità di sfogarsi spesso, essere stanco ed appagato avrà sicuramente molta più voglia di venire a rilassarsi con noi e, in alcuni casi, sarà lui a cercare un po’ di calma accucciandosi ai vostri piedi. di Michele Caricato
con la collaborazione di Laura di Marco

Libri e oggetti con tema Esercizi col cane
 

link sponsorizzatitii
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
Foto Can
Foto Cani

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi
Foto di cani, foto di cuccioli
Guida Razze Cani
foto animali
Foto Animali

Foto Vostri Cani
foto cani 24 sfondi desktop
Foto Cani Simpatici
Ricette
Ricette
Foto Ambiente per sfondi desktop
Indice Ambiente

 
link sponsorizzati


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sitoo © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it