logo windoweb
link sponsorizzati


elefante

Elefante Africano e Indiano

Torna alla Home Page enciclopedica di

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 
Elefante Africano e Indiano scheda animale


Elefante Africano e IndianoL'Elefante è il più grande mammifero terrestre, appartenente alla famiglia dei Proboscidati, discendenti ,con tutta probabilità, dai Mammut.

Un tempo gli elefanti erano presenti su tutta la terra emersa, ad esclusione dell'Australia e dell'Antartide. Ora è presente in aree isolate: India, Ceylon, Africa subsahariana.

Gli elefanti, che vivono in piccoli branchi di origine matriarcale, per sopravvivere hanno bisogno da 150 a 300 chilogrammi di cibo al giorno, fra erba, fogliame e frutta, per questo motivo sono ritenuto dannoso, perchè un branco può distruggere in pochi anni la vegetazione di zone molto grandi.

Dal 1990 è una specie "protetta" ed il commercio dell'avorio delle sue zanne è vietata.

Gli elefanti Africani e Indiani sono simili, ma quello africano è più grosso, con le orecchie più grandi, di colore più scuro e più difficilmente addomesticabile.

L'Elefante Africano raggiunge i 4 metri di altezza e i 5000 Kg. di peso contro i 3 metri ed i 2500 Kg. dell'Indiano.
Elefante Africano e Indiano
Le zanne, causa prima della decimazione degli Elefanti, sono presenti in entrambe i sessi nell'africano, mentre nell'Elefante indiano nella femmina sono solo accennate.

La proboscide è la vera caratteristica degli elefanti che la usano per nutrirsi, bere, farsi docce d'acqua e di sabbia, per lavorare e combattere, ma anche per guidare e proteggere i piccoli.

Le grandi orecchie, che l'elefante smuove in continuazione, oltre che ad udire, servono per regolare la temperatura corporea, come la lingua dei cani, o il sudore per noi umani.

La vita in ambienti difficili, dove i branchi devono affrontare lunghi periodi di siccità, ha insegnato all'Elefante la solidarietà.

Il branco, oltre a proteggere i piccoli non abbandona nessuno dei suoi componenti: quando uno di loro è ammalato o ferito, il branco lo assiste e non lo lasciano solo.
Elefante Africano e Indiano
L'elefante, abituato a vivere in compagnia, per tutta la vita condivide le paure e le abitudini della suo branco, solo alcuni esemplari molto vecchi diventano "solitari".

L'elefante è uno degli animali più longevi, può raggiungere i 75 anni di età.

Le elefantesse, dopo una gravidanza di circa 21 mesi, mette al mondo un solo elefantino che allatterà per otto mesi assistita dalle altre elefantesse.

L'elefante viene spesso citato per la sua formidabile memoria, se subisce un torto, se lo ricorda per tutta la vita, per questo esiste il detto "ha una memoria da elefante".

L'elefante, nei secoli passati, è stato usato come macchina da guerra; Annibale con i suoi elefanti ha persino attraversato le Alpi per conquistare Roma.
Elefante Africano e Indiano
In Europa è stato usato per l'ultima volta nel 1214 da Federico lI per la conquista di Cremona.

In molte zone rurali dell'India e specialmente nello Sri Lanka l'elefante viene ancora usato per spostare tronchi e nei lavori pesanti, ma anche, bardato a festa, nelle caratteristiche processioni dei giorni di festa.

Nella maggior parte dei paesi del mondo l'elefante lavora nei circhi oppure è tenuto negli zoo, dove nonostante la prigionia continua a riprodursi.

Classe: Mammalia
Infraclasse: Eutheria
Superordine: Afrotheria
Ordine: Proboscidea
Famiglia: Elephantidae

Libri e oggetti con tema elefante

Elefante Africano e Indiano Elefante
Elefante Africano e Indiano Elefante Africano e Indiano
link sponsorizzati
link sponsorizzati

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
Animali selvaggi e selvatici
Animali Selvatici
foto scimmie oranghi scimpanze
Foto Scimmie
foto elefanti
Foto Elefanti
Foto Ambiente per sfondi desktop
Indice Ambiente
Ricette
Ricette
Consigli di Cucina
Consigli di Cucina


link sponsorizzati
Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it