Biografia Alecia Beth Moore "PINK"



logo windoweb


Biografia Alecia Beth Moore "PINK"

OFFERTE AMAZON

Foto gratis Musica indice Cantanti stranieri








Alecia Beth Moore, meglio nota come Pink (oppure P!ink) nasce a Elkins Park in Pennsylvania l' 8 settembre 1979 ed è una cantante pop statunitense.

Pink è figlia di James e Judy Moore; le sue origini sono irlandesi e tedesche per parte di padre ed ebraiche per parte di madre.

Suo padre suona la chitarra e canta canzoni per la piccola Alecia, che aspira fin da piccola a diventare una rock star.

Dopo il divorzio dei genitori avvenuto nel 1986, quando Alecia ha solo 7 anni, la ragazzina comincia a sperimentare droghe.

Il consumo di stupefacenti continua fino al Thanksgiving del 1995.

Durante le superiori Pink forma la sua prima band ufficiale, "Middleground", ma non ha mai successo.

La Pink adolescente si dà molto da fare per raggiungere il suo sogno, canta gospel in una chiesa frequentata solo da fedeli di etnia nera, entra a far parte di una punk band "Basic Instinct", collabora come corista nel gruppo rap Scratch N'Smoove e si esibisce col suo skate-board al Club Fever di Philadelphia i venerdì sera.
Alecia Beth Moore, "Pink"

Alecia Beth Moore, "Pink"
Fin quando proprio un talent scout la nota, offrendole la possibilità di volare ad Atlanta ed entrare nel trio R&B chiamato Choice.

L'esecutivo della casa discografica di La Face, L.A. Reid, dopo un'esibizione di Choice rimane molto colpito da Alecia e le offre di incidere come solista.

L'artista accetta l'offerta e comincia la sua carriera come solista con il nome di P!nk.

Nel suo curriculum, P!nk annovera anche lavori da cameriera presso Pizza Hut, McDonald's, Wendy's e in una stazione di servizio.

La puntualità non è il suo forte e odia prendere le ordinazioni dei clienti.

La musica che ascolta è quella di Janis Joplin, Jimi Hendrix, Billy Joel, Guns N'Roses, Green Days e 2Pac.

Tiene un diario abitudine abbandonata quando una ragazza della sua scuola glielo ruba e ne attacca le pagine su un armadietto affidando alla poesia il compito di capire cosa accade dentro di lei:"Ero a pezzi, mi sentivo perduta e infelice".
E' in questo periodo che Alecia Moore si guadagna il soprannome Pink, dapprima per la sua carnagione rosea, poi per il colorito che assume ogni volta che s'imbarazza e, infine, per l'arrivo di Mr.Pink, nel film di Quentin Tarantino "Le Iene".

I suoi capelli subiscono, nel frattempo, numerosi trattamenti di colore: striati, tinti di blu, castani, biondi e infine, rosa, scelta che risulta divertente proprio per via del nomignolo "Pink".
Alecia Beth Moore, "Pink"


Alecia Beth Moore, "Pink"
A soli 16 anni, Pink ottiene la sua prima audizione per la LaFace Records di L.A. Reid & Babyface e, ben presto, firma un contratto come solista, passando prima per l'esperienza del gruppo femminile "Choice", che realizza una canzone per la colonna sonora del film "Kazaam" (1996) ma che non ha nolto successo; realizzando gli album solisti "Can't take me home" (2000), "Missundaztood" (2001), "Try This" (2003) e "I'm not dead" (2006).

Pink inizia la sua carriera come artista R&B.

Il suo album di debutto è Can't Take Me Home pubblicato il 4 aprile 2000.

Un sostanziale successo la porta ad avere nelle top 10, due singoli: "There You Go" che diventa disco d'oro, "Most Girls".

Il terzo singolo dell'album, "You Make Me Sick", viene pubblicato alla fine del 2000 e diventa una hit all'inizio del 2001, grazie anche al fatto di essere stato impiegato nel film Save The Last Dance.

P!nk si guadagna così un MTV Video Music Award come Miglior Artista Esordiente.
Nella primavera del 2001, P!nk partecipa insieme alla rapper Lil'Kim, alla cantante R&B Mya, e alla cantante pop Christina Aguilera al remake della hit del 1975 "Lady Marmalade" di Patti LaBelle.

La traccia è prodotta dai produttori hip-hop Rockwilder e Missy Elliott ed introdotta nella colonna sonora del film Moulin Rouge.

Il video musicale della canzone è stato girato avendo come soggetti le quattro cantanti vestite solo con biancheria intima e trucco pesante, ritratto delle ballerine del Moulin Rouge del ventesimo secolo.

MTV proclama quel pezzo Video dell'Anno e Miglior Video-Clip tratto da un film.

Stanca di essere venduta come un prodotto del marketing musicale, Alecia Moore comincia a scrivere canzoni più serie, prendendo una nuova direzione di sonorità nel suo secondo album.

Chiede aiuto a Linda Perry, e insieme scrivono la maggior parte delle canzoni di Missundaztood, pubblicato il 20 novembre 2001.
Alecia Beth Moore, "Pink"


Alecia Beth Moore, "Pink"
Il primo singolo estratto è "Get the Party Started", scritto e prodotto da Linda Perry, classificatosi nella top 5 negli Stati Uniti, e in testa alle classifiche di molti paesi.

Gli altri singoli dell'album, "Don't Let Me Get Me", "Just Like a Pill", e "Family Portrait" hanno notevole successo alle radio nelle classifiche. "Just Like a Pill", prodotto da Dallas Austin, fa guadagnare a Pink il suo primo posto nelle classifiche in Regno Unito nel settembre 2002.

Missundaztood è il secondo album più venduto in UK nel 2002, e Pink diventa l'artista femminile che globalmente vendette più dischi.

Il successo dell'album frutta più di 5 milioni di copie vendute solo in USA.

Il terzo album di Pink, Try This, viene pubblicato l' 11 novembre, 2003. Otto delle tredici tracce sono scritte con Tim Armstrong del gruppo punk Rancid.

Try This si posiziona entro la Top 10 degli album in U.S.A., Canada, UK e Australia nel 2003.

Tuttavia i due singoli estratti "Trouble" e "God is a DJ" non hanno molto successo nel suo paese natale, anche se il singolo "Trouble" le fà guadagnare il suo secondo Grammy award nel 2003.

Comunque l'album ha successo in Europa, specialmente in Gran Bretagna e in Australia.

Pink fà un esteso tour attraverso l'Europa, ma non furono previste tappe per un tour americano.
Il quarto album di Pink I'm Not Dead è pubblicato nell'aprile 2006 ed ha segnato il ritorno della cantante alla casa discografica LaFace.

L'album è pubblicato esattamente 6 anni dopo la pubblicazione del primo album di Pink, Can't Take Me Home.

Il Cd è causa di controversie per la canzone "Dear Mr. President", che è un'esplicita lettera indirizzata all'attuale Presidente degli Stati Uniti George W. Bush.

Il primo singolo, "Stupid Girls", è stato trasmesso dalle radio alla fine di gennaio.

Stupid Girls ha subito successo ed arriva alla posizione numero uno United World Chart, entra nella top 10 di molti paesi e riesce ad entrare nella top 20 della famosa classifica americana Billboard Hot 100 cosa che non accadeva dal 2002.

In Italia raggiunge il settimo posto nelle classifiche di vendita.

Alecia Beth Moore, "Pink"


Alecia Beth Moore, "Pink"
Il primo singolo estratto è "Get the Party Started", scritto e prodotto da Linda Perry, classificatosi nella top 5 negli Stati Uniti, e in testa alle classifiche di molti paesi.

Gli altri singoli dell'album, "Don't Let Me Get Me", "Just Like a Pill", e "Family Portrait" hanno notevole successo alle radio e nelle classifiche.

"Just Like a Pill", prodotto da Dallas Austin, fà guadagnare a Pink il suo primo posto nelle classifiche in Regno Unito nel settembre 2002.

Missundaztood è il secondo album più venduto in UK nel 2002, e Pink diventa l'artista femminile che globalmente vendette più dischi. Il successo dell'album fruttò più di 5 milioni di copie vendute solo in USA.

Il terzo album di Pink, Try This, fu pubblicato l' 11 novembre, 2003. Otto delle tredici tracce furono scritte con Tim Armstrong del gruppo punk Rancid. Try This si posizionò entro la Top 10 degli album in U.S.A., Canada, UK e Australia nel 2003.

Tuttavia i due singoli estratti "Trouble" e "God is a DJ" non ebbero molto successo nel suo paese natale, anche se il singolo "Trouble" fece guadagnare a Pink il suo secondo Grammy award nel 2003. Comunque l'album ebbe successo in Europa, specialmente in Gran Bretagna e in Australia.

Pink fece un esteso tour attraverso l'Europa, ma non furono previste tappe per un tour americano.
Il quarto album di Pink I'm Not Dead è stato pubblicato nell'aprile 2006 ed ha segnato il ritorno della cantante alla casa discografica LaFace.

L'album è stato pubblicato esattamente 6 anni dopo la pubblicazione del primo album di Pink, Can't Take Me Home.

Il Cd è causa di controversie per la canzone "Dear Mr. President", che è un'esplicita lettera indirizzata all'attuale Presidente degli Stati Uniti George W. Bush.

Il primo singolo, "Stupid Girls", è stato trasmesso dalle radio alla fine di gennaio.

Stupid Girls ha subito successo ed arriva alla posizione numero uno United World Chart, entra nella top 10 di molti paesi e riesce ad entrare nella top 20 (n.13) della famosa classifica americana Billboard Hot 100 cosa che non accadeva dal 2002.

In Italia raggiunge il settimo posto nelle classifiche di vendita.
Alecia Beth Moore, "Pink"


Alecia Beth Moore, "Pink"
Il secondo singolo dell'album (non per l'America però) è "Who Knew", una ballata pop/rock nel tipico stile di P!nk.

La canzone ottiene molto successo in Repubblica Ceca, dove arriva al numero uno nelle classifiche di vendita e in Portogallo dove raggiunge sempre il numero uno, ma nella classifica dell'airplay.

"Who Knew" arriva alla numero 2 in Australia e Giappone, alla numero 5 in UK e alla numero otto nella Unite World Chart.

In Italia non riesce ad entrare nella top 20, fermandosi alla posizione numero 25.

Il terzo singolo è "U + Ur Hand", il video è stato diretto da Dave Meyers insieme a quello di "Stupid Girls" e avrebbe dovuto essere il primo singolo al posto di quest'ultima.

Il singolo raggiunge il numero uno in Repubblica Ceca, il numero 10 in UK e in Italia entra in top 20, alla ventesima posizione.

Questo terzo singolo fa incrementare notevolmente le vendite dell'album, soprattutto in USA.
Il quarto singolo, solo per alcuni paesi europei e l'Australia, è "Nobody Knows". Il video è girato a Londra.

La canzone arriva al numero 2 in Portogallo, al n. 6 in Macedonia, ma in gerenale non ottiene altissime posizoni in classifica; in UK si ferma alla 27esima posizione.

"Dr. Mr President", la canzone più forte dell'album (una lettera aperta a George W. Bush, il presidente degli Stati Uniti, diventa il quinto singolo per Europa e Australia; ma come per Nobody Knows non arriva in Italia.

"Leave Me Alone (I'm Lonely)" è il sesto ed ultimo singolo da "I'm Not Dead".

Il video è un montaggio con video presi dal dvd del "I'm Not Dead Tour" (pubblicato contemporaneamente al singolo), così da fare promozione sia all'album che al dvd.

Alecia Beth Moore, "Pink"


ti consiglia:
Sito ufficiale P!nk


CLICCA QUI ... PER CONSULTARE LA MAPPA SATELLITARE DEL GLOBO DI GOOGLE

Album

clicca qui per cercare tutti gli album di Pink

I'm Not Dead

Pink

La Face Records, CD, 2006

€ 20,50



U + Ur Hand

Pink

La Face Records, CD Singolo, 2006

€ 6,40

Try This

Pink

Arista, CD, 2003

€ 19,80

Don't Let me Get Me

Pink

Arista, CD Singolo, 2002

€ 6,40

Missundaztood

Pink

La Face Records, CD, 2002

€ 9,90(Prezzo di listino € 19,80 Sconto iBS)

Can't Take me Home

Pink

La Face Records, CD, 2000

€ 18,90
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare