logo windoweb


Biografia Robert Boyle

Biografia Robert Boyle

Torna alla Home Page enciclopedica

Robert Boyle nasce a Lismore in Irlanda, 25 gennaio 1627 e muore a Londra nel 30 dicembre 1691 ed è stato un chimico e fisico e scrittore teologico irlandese.

Nel 1661 Robert Boyle pubblica il libro The sceptical chymist (Il chimico scettico) che probabilmente, il primo libro di chimica.

Boyle dimostra che non ci sono prove sperimentali a sostegno delle idee di Aristotele che considerava ogni materia formata da terra, aria, fuoco e acqua (le quattro sostanze allora ritenute elementari).

Per Boyle la materia è formata da particelle e tutte le sostanze sono costituite da atomi diversi.

Il suo modello della materia è simile a quello oggi accettato dalla comunità scientifica., anche se ci vollero 50 anni prima che queste idee vengano accettate.

E’ famosa la sua legge che stabilisce che per ogni gas, a temperatura costante, è costante il prodotto della pressione esercitata per il volume occupato.
Boyle preparò l'acetone e l'alcol metilico; scoprì i rapporti tra aria, combustione e respirazione; studia l'effetto dell'aria sulla propagazione del suono.

Boyle nasce a Lismore Castle (castello situato nel territorio di Lismore), nella contea di Waterford, Irlanda, è il secondo figlio maschio e quattordicesimo figlio di Richard Boyle, primo conte di Cork".

Da bambino impara a parlare latino, greco e francese, a otto anni viene mandato all'Eton College, il cui rettore è Sir Henry Wotton, amico di suo padre.

Dopo aver trascorso più di tre anni al college, viaggia all'estero con un tutor e il fratello maggiore Francis dove impara la filosofia, la religione, le lingue, la matematica, e la nuova fisica di Bacone, Cartesio e Galileo..

Rimane a Ginevra due anni; visita l'Italia nel 1641 e passa l'inverno dello stesso anno a Firenze studiando un paradosso ("paradoxes of the great star-gazer") di Galileo Galilei.
Torna in Inghilterra nel 1645 e scopre che suo padre è morto lasciandogli in eredità la tenuta di Stalbridge nel Dorset e altre proprietà in Irlanda.

Da allora dedica la sua vita allo studio e alla ricerca scientifica, e presto occupa una posizione importante in un gruppo di ricercatori, conosciuto come Invisible College, che si sono dedicati al culto della "nuova filosofia."

Si incontrano spesso a Londra al Gresham College; alcuni dei membri hanno incontri anche ad Oxford, dove Boyle si trasferisce nel 1654.

Leggendo, nel 1657, della pompa ad aria di Otto von Guericke, decise con l'aiuto di Robert Hooke (che nello stesso anno prende come assistente personale) di sperimentare migliorie nella sua costruzione.

Con la macchina progettata da Hooke, detta "machina boyleana" o "motore pneumatico", finita nel 1659, inizia, in collaborazione con il suo assistente, una serie di esperimenti sulle proprietà dell'aria.

Un resoconto del lavoro svolto con questo strumento fu pubblicato nel 1660 sotto il titolo Nuovi esperimenti fisico-meccanici.
Tra i critici delle tesi presentate in questo libro c’è un Gesuita, Franciscus Linus (1595-1675); e rispondendo alle sue obiezioni, Boyle enunciò la legge secondo cui il volume di un gas varia inversamente alla pressione.
Questa legge, che tra gli anglosassoni è solitamente chiamata con il suo nome, sul continente europeo è attribuita a Edme Mariotte, che non la pubblicò fino al 1676.

Nel 1660 "the Invisible College" diventa la Royal Society, e in base al suo statuto, concesso da Carlo II d'Inghilterra, Boyle diventa membro del consiglio.

Nel 1680 viene eletto presidente della Royal Society, ma rifiuta la carica a causa di scrupoli sui giuramenti.

Nel 1668 lascia Oxford per Londra, dove risiede a casa di sua sorella, Lady Ranelagh, in Pall Mall.

Nel 1689 Boyle comincia a ritirarsi dai suoi incarichi pubblici per motivi di salute, cessando le sue comunicazioni con la Royal Society
La sua salute peggiora ulteriormente nel 1691, e la sua morte si verifica il 30 dicembre di quell'anno, appena una settimana dopo quella della sorella con cui ha vissuto per più di vent'anni.

Viene sepolto nel cimitero di St Martin's in the Fields, e l'omelia funebre viene pronunciata dal suo amico, il vescovo Burnet.

Nel suo testamento, Boyle finanziò una serie di conferenze che divennero note come Boyle Lectures.

Nulla era più lontano dal suo temperamento mentale che l'invenzione di ipotesi.

Boyle considera l'acquisizione della conoscenza come fine a se stessa, e quindi consegue una visione più ampia degli obiettivi dell'indagine scientifica di quella dei suoi predecessori per molti secoli.

Ciò, tuttavia, non significa che non gli mancasse l'attenzione per le applicazione pratiche, né che disprezzasse le conoscenze che tendeva ad utilizzare.

Boyle è stato un alchimista e come tale credeva che i metalli potevano trasmutare addirittura nel 1689 si batte per ottenere l'abrogazione della legge di Enrico IV contro la moltiplicazione di oro e argento.
Boyle ha fatto numerosi e importanti lavori nel campo della fisica arrivando all'enunciazione della legge di Boyle (che afferma che in condizioni di temperatura costante la pressione di un gas perfetto è inversamente proporzionale al suo volume, ovvero che il prodotto della pressione del gas per il volume da esso occupato è costante), studia gli effetti dell'aria nella propagazione del suono, studia la forza espansiva esercitata dall'acqua che congela, altri studi sulla densità relativa e sulla rifrazione, sui cristalli, sull'elettricità, sui colori, sull'idrostatica, ecc. – ma la chimica è stata la scienza a cui si dedica maggiormente.

Il primo libro di Boyle sulla chimica è stato The Sceptical Chymist, pubblicato nel 1661, in cui critica gli esperimenti tramite i quali si tenta di provare che Sale, Zolfo e Mercurio sono i principi della Materia".

Per lui la chimica è la scienza della composizione delle sostanze, non banalmente un'aggiunta alle arti degli alchimisti o dei fisici.

Boyle ottiene un significativo avanzamento verso la moderna visione degli elementi come costituenti indivisibili della materia; e comprende la distinzione tra miscele e composti, consegue progressi nella tecnica per individuare i loro ingredienti (analisi).
Ipotizza che gli elementi siano fondamentalmente composti di particelle di varia specie e misura che non possono essere scomposti in alcun modo.

Studia anche la chimica della combustione e della respirazione.

Oltre ad essere Boyle un attivo filosofo naturale, dedica molto tempo alla teologia, mostrando una decisa inclinazione al suo lato pratico e indifferenza alle controversie polemiche.

Dopo la Restaurazione fu ricevuto favorevolmente a corte, e nel 1665 avrebbe ottenuto la carica di prevosto di Eton, se avesse preso gli ordini; ma la rifiutò con l'argomento che i suoi scritti in materia religiosa avrebbero avuto un peso maggiore provenendo da un laico piuttosto che da un ministro stipendiato della Chiesa.

Boyle è amministratore della Compagnia Inglese delle Indie Orientali e spende somme ingenti per promuovere l'espansione della Cristianità in oriente, contribuendo generosamente ad associazioni missionarie, e alle spese di traduzione della Bibbia o parti di essa in varie lingue.
Per disposizione testamentaria da inizio alle Boyle lectures, per dimostrare la verità della religione cristiana contro i "famigerati infedeli, e cioè atei, teisti, pagani, ebrei e maomettani," con la condizione che le controversie tra Cristiani non dovessero essere menzionate.

Boyle era alto, snello e di carnagione chiara ma di costituzione fragile e soffriva di depressone.

Mentre la sua opera scientifica gli valse una straordinaria fama tra i suoi contemporanei, il suo carattere e le sue virtù, il fascino delle sue maniere, la sua arguzia e la sua brillante conversazione gli procurarono una larga cerchia di amici.

Non si sposò mai.

I suoi scritti sono estremamente voluminosi, il suo stile chiaro e diretto, ma innegabilmente prolisso.

Gli è stato dedicato un asteroide, 11967 Boyle e un cratere lunare di 57 km di diametro.



Argomenti Correlati

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Indice Scienze
Astronomia Telescopi Universo
Astronomia
Fisica
Fisica

 


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it