logo windoweb


Biografia Bruno Taut

Biografia Bruno Taut

Torna alla Home Page enciclopedica

Bruno Taut  
Bruno Taut nasce a Konigsberg il 4 Maggio1880Consegue la maturità al Kneipphofisches Gymnasium e frequenta la scuola professionale edile, mentre, nei mesi estivi, lavora come apprendista muratore in una ditta edilizia che realizza anche costruzioni in cemento armato.

Nel 1901 consegue il diploma alla scuola professionale edile. 1902 e fa le sue prime esperienze presso alcuni studi di architettura ad Amburgo.

Dal 1903 inizia alcune collaborazioni, prima con lo studio berlinese di Bruno Mohring, poi con lo studio di Theodore Fischer a Stoccardae, durante i fine settimana si dedica intensamente allo studio della pittura.

Nel 1908 Taut decide di tornare a Berlino e apre insieme all'architetto Heinz Lassen (anche lui allievo di Fischer) uno studio associato, ma già nel 1909 apre uno studio a Berlino e prima dell'inizio della guerra mondiale, ha già al suo attivo alcune esperienze esemplari pubblicate dalle riviste di tutto il mondo.

Dal 1910 collabora episodicamente con il fratello Max (anche lui architetto, 1884-1967).

Compie viaggi di studio in Inghilterra, nella Germania meridionale ed in Olanda.

Nel 1913 Bruno Taut viene nominato architetto consulente della Deutsche Gartenstadtgellschaft, progetta la città-giardino di Falkenberg presso Berlino e il complesso edilizio Reform a Magdeburgo.

 
Si associa anche al fratello Max, costituendo la ditta Fratelli Taut e Hoffmann. Conosce Adolf Behne.

In occasione del progetto di una "casa di cristallo" per l'esposizione del Deutsche Werkbund organizzata a Colonia nel 1914 conosce Paul Scheerbart tramite Gottfried Heinnersdorff, direttore artistico della vetreria Puhl & Wgner.

Nel progetto di Bruno Taut all'expò di Colonia, la Glashaus, (1914), si evidenzia l'atteggiamento religioso nei confronti di questo materiale, depositario delle utopie espressioniste di una nuova società da ricostruire.

Nasce la "Catena di Vetro".

Bruno Taut lavora in stretta collaborazione con il poeta Paul Scheerbart che scrive in quegli anni una raccolta di poesia e aforismi che si intitola “L'architettura di Vetro”.

Taut dedica al suo amico poeta il padiglione di Colonia che andrà distrutto durante la seconda guerra mondiale, Scheerbart comporrà una serie di versi che apporrà all'interno e all'esterno del padiglione espositivo:"architettura di vetro che permetteva alla luce del sole, al chiarore della luna e delle stelle di penetrare nelle stanze non solo da un paio di finestre ma direttamente dalle pareti possibilmente numerose completamente di vetro anzi di vetro colorato, il nuovo ambiente creato dovrà pur darci una civiltà" Tratto da P. Scheebart, L’architettura di Vetro, Adelphi.

L'opera più famosa di Bruno Taut, la Glashaus dava l'impressione di un grande gioiello multi sfaccettato capace di creare effetti particolari di luci, colori e trasparenze.

All'interno vi era una cascata d'acqua su sette livelli ed un mosaico interamente realizzato da tasselli di vetro colorato dorato e con effetti metallici.

Un luogo luminoso che suscitava una sensazione di luce, energia, con un forte impatto sul visitatore.

Nel 1916 si reca a Costantinopoli per partecipare al concorso per la "Casa dell'amicizia" del Werkbund e due anni dopo viene proposto per una cattedra a Dresda che però non ottiene.

 
Dopo la fine della guerra Taut ritorna a Berlino. Fonda il Consiglio per l'arte insieme a Walter Gropius e Adolf Behne e diventa membro del Novembergroup.

Dal 1919al 1931 ricopre numerose cariche è Membro direttivo del Deutscher Werkbund e della Vereinigung fur die Socialisierung des Baugewerbes, Presidente del Comitato di architetti in seno al Consiglio per l'arte, Presidente del consiglio di vigilanza della Cooperativa edilizia Gross-Berlin, Deputato civico per l'arte della città di Berlino, membro d'onore della Società centrale degli architetti austriaci, Consigliere all'edilizia di Magdeburgo,Architetto capo della Gehag (Società di pubblica utilità di risparmio ed edilizia),

Professore onorario con l'incarico di tenere lezioni in materia di edilizia civile e agglomerati urbani alla Technische Universitat di Berlin-Charlottenburg. presiede un ciclo di conferenze in Olanda, viene invitato al congresso della Lega internazionale di architetti giapponesi.

Membro onorario corrispondente dell'American Institute of Architects, Membro della Preussische Akademie der Kunste di Berlino.

Nel 1931 è impegnato nella costruzione di un albergo a Mosca, dovesi trasferisce ed apre uno studio.

Bruno Taut lascia Mosca nel 1933 per fare ritorno a Berlino. Venuto a conoscenza della sua inclusione in una 'lista nera', fugge da Berlino e passando da Stoccarda giunge in Svizzera a dove prosegue per Tsuruga in Giappone, a nord di Kyoto.

Rimane in Giappone collaborando con istituti di artigianato artistico fino al 1936 quando lascia Kyoto e attraverso la Corea, la Manciuria e Pechino arriva ad Istanbul, dove assume la direzione del Dipartimento di architettura dell'Accademia di belle arti (al posto del defunto Hans Poelzig) e diventa direttore dell'ufficio di architettura del Ministero turco della pubblica istruzione.L'architetto Bruno Taut impiegò consapevolmente il colore come strumento educativo finalizzato al "risveglio della consapevolezza"['].

Fece ricorso alle più diverse valenze del colore: il colore come espressione di gioia di vivere, come mezzo per educare alla cultura, come oggetto di identificazione, il colore come strumento creativo a basso prezzo, ma anche come elemento necessario all'architettura moderna. [']'. [Nerdinger-Speidel 2001, p.118]

Il 24 Dicembre 1938 l'architetto che aveva lasciato la sua improntain tre continenti muore ad Istanbul per un arresto cardiaco.Opere1910/11 - Palazzo con appartamenti, uffici e cinema-teatro, Berlin-Neukolln (Bruno Taut & Hoffmann, pianta di Arthur Vogdt; realizzato e ricostruito nel 1977-78)

1910/11 - Villa Reibedanz, Berlin-Lichterfelde (Bruno Taut & Hoffmann; realizzata)
1910 - Padiglione della Trager-Verkaufs-Kontor, Berlin-Treptow (Bruno Taut & Hoffmann; demolito)
1911/12 - Palazzo con appartamenti e uffici 'Am knie', Berlin- Charlottenburg (Bruno Taut & Hoffmann, pianta di Arthur Vogdt; demolito)
1913 - Padiglione espositivo Monumento del ferro, Lipsia (Bruno Taut & Hoffmann, Franz Mutzenbecher, John Martens, smantellato)
1912/15 - Città-giardino Falkenberg, Berlin-Grunau (realizzata)
1913/33 - Città-giardino Reform, Magdeburgo (Bruno Taut & Hoffmann, Carl Krayl, realizzata)
1914 - Padiglione di vetro, Colonia (Bruno Taut & Hoffmann, Franz Mutzenbecher, distrutto durante la II guerra mondiale)
1914 - Progetto per l'area dell'Havel, Berlin-Kladow (con l'ing. Rudolf Schaar, progetto di concorso, primo premio)
1915/20 - Complesso urbano dell'azienda Hohenlohe, Katowice (realizzato)
1916 - Progetto di concorso per la Casa dell'amicizia, Costantinopoli (non realizzato) 1921/23 - Salone Land und Stadt, Magdeburgo (con C. Krayl, K. Schutz, W. Gunther e J. Goderitz; parzialmente modificato)
1925/31 - Insediamento a ferro di cavallo, Berlin-Britz (con Martin Wagner; realizzato, restaurato negli anni ottanta)
1927/28 - Scuola aconfessionale, Dammweg, Berlino (realizzata l'aula sperimentale)
1928/30 - Centro residenziale Carl Legien, Berlino (con Franz Hillinger; realizzato)
1936 - Villa Okura, Azabu, Tokyo (facciata e arredo degli interni di Taut, progetto di Gonkuro Kume; realizzata)
1936 - Facoltà di lingue, letteratura e geografia, Università di Ankara, Turchia (con F. Hillinger e H. Grimm; realizzato)
1937/38 - Casa di Bruno Taut, Istanbul-Ortakoy, (realizzata, parzialmente modificata)

Libri su Bruno Taut



Argomenti Correlati

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Indice Cultura
Architettura
Architettura
 

 


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it