logo windoweb


Biografia Galileo Galilei

Biografia Galileo Galilei

Torna alla Home Page enciclopedica

Galileo Galilei
Galileo Galilei nasce a Pisa il 15 febbraio del 1564, dal musico fiorentino Vincenzo Galilei e da Giulia degli Ammannati, appartenenti alla media borghesia toscana.

Quando Galileo ha dieci anni, la sua famiglia si trasferisce a Firenze e Galileo fa i suoi primi studi di logica, retorica e grammatica presso i monaci vallombrosani, forse come novizio, ma più verosimilmente solo come scolaro.

Iscritto allo Studio di Pisa alla facoltà di medicina, Galileo Galilei si appassiona alla fisica ed alla matematica e, nel 1583, formula la teoria dell'isocronismo del pendolo, osservando le oscillazioni di una lampada nella Cattedrale di Pisa (il periodo di oscillazione di un pendolo è indipendente dalla sua ampiezza).
Galileo Galilei - Teoria dell'Isocronismo del pendolo: Galileo Galilei - Teoria dell'Isocronismo del pendolo: La luna disegnata da Galileo Galilei La luna disegnata da Galileo Galilei Saturno - Galileo Galilei Saturno - Galileo Galilei
Sistema Copernicano Sistema Copernicano, ovvero con il Sole al centro Nel 1585torna a casa, a Firenze, la laurea in medicina non gli interessa perchè vuole dedicarsi totalmente alla fisica ed alla matematica.

Per vivere, Galileo Galilei, dà lezioni private, fino al 1588, quando ottiene una cattedra di matematica all'Università di Pisa.

In seguito, Galileo ottiene la cattedra di matematica allo Studio di Padova, dove vi rimane fino al 1610 occupandosi anche di astronomia.

Gli anni passati a Padova sono per Galileo Galilei molto produttivi perchè può fare studi ed esperimenti anche di meccanica, di idrostatica e sulla resistenza dei materiali.

Costruisce il termoscopio e il microscopio; inventa l'utilissimo compasso geometrico-militare per determinare le traiettorie dei proiettili, secondo la sua teoria sul moto parabolico.
Galileo Galilei fa ricerche sul baricentro dei solidi, esposte nel "Theoremata circa centrum gravitatis solidorum" (1585), si dedica all'invenzione della bilancetta idrostatica, descritta nel trattatello in volgare "La bilancetta" (1586) per stabilire il peso specifico dei solidi.

Gli studi e le osservazioni astronomiche lo stanno orientando verso la teoria copernicana del moto planetario.

Nel 1599 conosce Marina Gamba, che sposa e che gli darà tre figli.

Nel 1604, Galileo osserva una supernova, comparsa in cielo durante l'autunno, con un cannocchiale costruito da artigiani olandesi e italiani del tempo e questo gli dà l'idea di modificare e perfezionare lo strumento.

Galileo Galilei con il nuovo cannocchiale,il telescopio,da lui chiamato "perspicillum", esplora attentamente la volta celeste, osserva i pianeti, scopre i quattro maggiori satelliti di Giove, disegna la mappa della faccia visibile della luna con le sue montagne ed i crateri.

Nel trattato Sidereus Nuncius (Ragguaglio astronomico) del 1610, Galileo descrive le sue osservazioni astronomiche, le macchie solari,fenomeno sconosciuto fino ad allora, destando meraviglia ed ammirazione sia nel mondo accademico che in ambiente politico.

Purtroppo le gerarchie ecclesiastiche incominciano a tenerlo d'occhio ed a ostacolarlo, appoggiate in questo dagli aristotelici.
Galileo Galilei -  Sidereus Nuncius
Il telescopio di Galilei Nel 1610 Cosimo de Medici lo nomina Matematico dello Studio di Pisa e Galileo, per ringraziarlo, battezza i satelliti di Giove"Astri Medicei".

Il mondo scientifico e religioso dell'epoca aveva adottato ufficialmente la Teoria Tolemaica (il sole gira intorno alla terra, ferma al centro dell'universo),ma le scoperte di Galileo Galileo sul moto degli astri, mettono in discussione tale teoria, dando forza alla Teoria Copernicana (la terra gira intorno al sole fermo al centro dell'universo).

La discussione fra i sostenitori dei due sistemi diventa estremamente vivace; Galileo stringe rapporti con gli uomini di cultura più in vista e si tiene in continuo contatto epistolare con i maggiori scienziati europei, Keplero, Gassendi, e Welser.

Galileo Galilei, appoggiato dall'Accademici dei Lincei,nella quale è stato accolto nel 1611, accentua la polemica, pubblicando, nel 1612, il "Discorso intorno alle cose che stanno in su l'acqua o che in quella si muovono".
Nel 1613 Galileo entra in polemica diretta con un gesuita,rivendicando, inutilmente, l'indipendenza della scienza dalla religione e il diritto alla libera ricerca scientifica.

Il 24 febbraio del 1616, con un decreto del Cardinal Bellarmino, Galileo viene ammonito ad astenersi, pena il carcere, dal professare e dall'insegnare la teoria copernicana, in quanto inconciliabile con la fede cattolica.

Galileo Galilei non si rassegna all'oscurantismo della Chiesa Cattolica e, nel 1630, completa il "Dialogo sui due massimi sistemi del mondo", nel quale la teoria copernicana e tolemaica vengono messe a confronto.

Per evitare problemi con il Vaticano, sottopone il manoscritto a Roma e apporta le modifiche che gli vengono richieste per avere il nulla osta alla stampa.

L'opera, considerata il capolavoro della letteratura scientifica di ogni tempo, viene pubblicata a Firenze due anni dopo, ma l'Inquisizione ne proibisce la distribuzione e istruisce un processo contro Galileo per eresia.
Processo dell'Inquisizione a Galileo Galilei Processo dell'Inquisizione a Galileo Galilei
Galileo Galilei Galileo Galilei Galileo Galilei ha già 69 anni quando viene processato e gli viene richiesto di disconoscere la teoria copernicana.

Chiuso nelle celle dell'Inquisizione e minacciato di tortura, dopo cinque mesi di processo,il "Dialogo" viene messo all'indice. Galileo, costretto ad abiurare pubblicamente, viene condannato alla prigione a vita.

Grazie al suo prestigio internazionale ed al suo atto di sottomissione, Galileo viene rilasciato, ma costretto agli "arresti domiciliari", prima a Siena presso l'arcivescovo Ascanio Piccolomini e poi nella sua villa di Arcetri vicino a Firenze.

Galileo Galilei, pur costretto nella sua casa, continua a mantenere rapporti epistolari con gli scienziati di tutta Europa e continua a scrivere ed a fare osservazioni astronomiche.

Terminal'importante trattato "Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze attinenti alla meccanica ed ai movimenti locali" e lo pubblica nel 1638.

Galileo, vecchio, malato e quasi cieco, prosegue nel suo lavoro assistito da un allievo, Vincenzo Viviani, al quale detta nel 1640 la "Lettera sul candore della luna" e muore nel suo "continuato carcere ed esilio"l'8 gennaio del 1642, ripetendo il suo famoso motto "Eppur si move!".

Libri su Galileo Galilei



Argomenti Correlati

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Indice Scienze
Astronomia Telescopi Universo
Astronomia
Fisica
Fisica

 


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it