logo windoweb


Biografia Gio Ponti

Biografia Gio Ponti

Torna alla Home Page enciclopedica

Gio Ponti Gio Ponti
Gio Ponti nasce a Milano nel 1891 dove si laurea in Architettura e nel 1921 e apre uno studio con Mino Fiocchi e Emilio Lancia.

Esordisce come progettista nel 1923 partecipando alla Biennale di Arti decorative di Monza.

Dotato di una incoercibile vitalità e fantasia applica la sua attenzione, oltre che alla architettura, anche al disegno di mobili, arredi, macchine, lampade, tessuti, ceramiche, oggetti di vetro, oggetti per la tavola, mostre e produzioni teatrali.

Dal 1923 al 1930 ha lavorato par la Manifattura ceramica Richard Ginori, Instancabile ricercatore, cerca idee nelle grandi opere del passato e quando le scopriva, cercandole in posti ai quali nessun altro in Europa pensava, le pubblicava per aiutare e a stimolare gli altri sulla sua rivista "Domus" fondata nel 1928 e che ha diretto fino alla sua morte.

Dal 1936 al 1961 è stato professore presso la facoltà dl architettura del Politecnico di Milano e nel 1941 ha fondato la rivista "Stile", edita fino al 1947.

Numerose le sue opere nel campo dell'arredo, da ricordare la sedia "Superleggera" del 1955 e gli arredamenti per i transatlantici "Giulio Cesare" e "Andrea Doria".Fra le sue opere d'architettura notevoli sono l'Istituto di matematica di Roma (1932-34), la villa Planchart a Caracas (1954), il grattacielo Pirelli a Milano (1955-60),la Cattedrale di Taranto (1971),il Museum of Modern Art di Denver (1972). È morto il il 16 settembre 1979.
 
Gio Ponti Casa via Randaccio Milano La casa in Via Randaccio a Milano è stata progettata ed abitata da Gio Ponti, sembra quasi un piccolo monumento palladiano.

La pianta è a forma di ventaglio e la facciata, concava, presenta una decorazione ad obelischi.

Fra le caratteristiche degli appartamenti è da notare l'assenza di corridoi e la presenza di uno scalone disegnato in modo tale da poter essere guardato anche dal basso.

A Milano Gio Ponti ha costruito anche Casa Borletti in via San Vittore 40, la Casa in via Domenichino, 1, le case tipiche in via De Togni ai numeri 21, 23, 25, Casa Rasini in Corso Venezia
Gio Ponti Villa Planchart Caracas Gio Ponti Villa Planchart Caracas La villa Planchart costruita nel 1954 da Gio Ponti, si appoggia con tanta leggerezza sulla collina di Caracas che è stata soprannominata "la farfalla".

Il Palazzo Montecatini di Milano è riconosciuto come il primo edificio per uffici di “carattere nettamente moderno” sorto a Milano, sia per quanto riguarda la struttura vera e propria, sia per quanto riguarda gli impianti tecnici (fondazioni, isolamento dalle vibrazioni esterne, impianto di condizionamento dell’aria e quello della posta pneumatica).

Gio Ponti ne ha disegnato "tutto": architettura, impianti, mobili, sanitari e, naturalmente, le maniglie che ancora oggi vengono prodotte dalla ditta Olivari.
 
Gio Ponti Cattedrale Taranto
Cattedrale di Taranto, costruita da Gio Ponti tra il 1964 ed il 1970Si caratterizza per la grande facciata a vela (alta 53 metri), traforata fin quasi a scomparire, si riflette nella vasca d'acqua prospiciente
Gio Ponti Grattacelo Pirelli Milano Il Grattacelo Pirelli, simbolo di Milano alto 127,10. Con lo studio Ponti Fornaroli Rosselli collaborarono lo studio Valtolina-Dell'Orto e, per la struttura, Arturo Danusso e Pier Luigi Nervi.
Gio Ponti Sedia Superleggera Gio Ponti  Mobili soggiorno
La sedia "Superleggera" ha segnato con i mobili disegnati da Gio Ponti l'epoca dei mobili moderni, funzionali e meno ingombranti dei precedenti

Libri su Gio Ponti



Argomenti Correlati

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Indice Cultura
Architettura
Architettura
 

 


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it