logo windoweb


Calendario Giuliano, calendario Gregoriano, anno bisestile, i secoli.

Calendario Giuliano, calendario Gregoriano, anno bisestile, i secoli.

Torna alla Home Page enciclopedica

Fino dall'antichità sono stati seguiti dei calendari basati sui movimenti del Sole e della Luna e all'attività agricola.

Il calendario Giuliano, che è servito a misurare il tempo in Occidente fino al 1582, viene autorizzato da Giulio Cesare nel 46 a.C. (709 per i Romani).

Lo realizza un astronomo greco, Sosigene.

Il calendario Giuliano, deduce che l'anno effettivo abbia una durata di 365 giorni e 6 ore, includendo ogni quattro anni un anno di 366 giorni.

Nel 730, Beda il Venerabile, un monaco anglosassone, fa notare che l'anno giuliano di 365 giorni e 6 ore, essendo in eccesso di 11 minuti e 14 secondi, accumula un errore pari a un intero giorno ogni 128 anni. Ma per oltre 800 anni non vi sono variazioni in merito.

Nel 1582 si calcola che l'errore ammonta ormai a 10 giorni. Nello stesso anno papa Gregorio XIII ordina di far seguire al 4 ottobre 1582 il 15 ottobre, recuperando così quei 10 giorni e inaugurando di fatto il calendario Gregoriano.
Con un anno comune di 365 giorni e un anno bisestile di 366 giorni ogni 4 anni, l'errore della durata dell'anno si doveva ripresentare, ma con uno scarto di appena 3 giorni ogni 400 anni.

Così si stabilisce che solo 1 dei 4 anni secolari sia bisestile.

Il 1600 è quindi un anno bisestile, il 1700, il 1800 e il 1900 no, mentre il 2000 è stato
bisestile.

Gli anni bisestili sono quelli divisibili per 4, esclusi gli anni secolari, che sono bisestili soltanto se divisibili per 400.

Il calendario Gregoriano è immediatamente adottato in Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Lussemburgo.

Nel giro di un paio d'anni cominciano a utilizzare il nuovo calendario anche la maggior parte degli Stati cattolici tedeschi, il Belgio, alcune regioni della Svizzera e dei Paesi Bassi e nel 1587, l'Ungheria.

Le rimanenti regioni dei Paesi , insieme alla Danimarca e agli Stati tedeschi protestanti, adottano il calendario Gregoriano tra il 1699 e il 1700 (i Tedeschi protestanti mantengono il vecchio criterio per stabilire il giorno di Pasqua fino al 1776).

Nel 1752 il governo britannico impone il calendario gregoriano a tutti i suoi possedimenti, comprese le colonie americane, e decide di far seguire al 2 settembre 1752 il 14 settembre, saltando così 11 giorni. Le date antecedenti a tale giorno vengono segnalate con la sigla OS, "Old Style" (vecchio stile).

Inoltre, il primo dell'anno viene rinviato dal 1° gennaio al 25 marzo (quindi, secondo il sistema precedente, al 24 marzo 1700 segue il 25 marzo 1701).

Nel 1753 anche la Svezia comincia a utilizzare il calendario Gregoriano, mantenendo fino al 1844 il vecchio criterio per calcolare la Pasqua.

Nel 1793, il governo rivoluzionario Francese adotta un calendario di 12 mesi, ognuno di 30 giorni, con 5 giorni aggiuntivi a settembre di ogni anno non bisestile e un ulteriore giorno aggiuntivo ogni 4 anni.
Nel 1806 Napoleone ripristina il calendario Gregoriano.

Il sistema Gregoriano si diffonde in seguito nelle Regioni extraeuropee, prima nelle colonie e poi nei Paesi indipendenti, sostituendo, almeno da un punto di vista ufficiale, i calendari tradizionali. L'adozione del calendario gregoriano da parte del Giappone nel 1873, dell'Egitto nel 1875, della Cina nel 1912 e della Turchia nel 1917, coincide in genere con radicali cambiamenti politici.

In Cina, il governo repubblicano comincia a calcolare gli anni a partire dalla sua fondazione nel 1911 così, per esempio, il 1948 diventa l'anno 37.

A partire dal 1949. i comunisti contano gli anni in base all'era comune, o cristiana.

Nel 1918 il governo rivoluzionario in Russia decreta che al 31 gennaio 1918 (vecchio stile)segue il 14 febbraio 1918 (nuovo stile).

Nel 1923 la Grecia adotta lo stesso provvedimento.
Solo in Russia la Chiesa ortodossa mantiene il calendario seguita da varie sette cristiane nel Medio Oriente.

Per la prima volta nella storia, le principali culture hanno finito con l'utilizzare tutte lo stesso calendario.

Per convertire una data dal calendario Giuliano a quello Gregoriano, si aggiungono 10 giorni per le date comprese tra il 5 ottobre 1582 e il 28 febbraio 1700; 11 giorni per
quelle fino al 28 febbraio 1800; 12 giorni fino al 28 febbraio 1900 e 13 giorni fino al 28
febbraio 2100.

Un secolo è composto da cento anni solari.

Il primo secolo comprende gli anni da 1 a 100. Il XX secolo comprende gli anni dal 1901 al 2000, e si è concluso il 31 dicembre 2000.

Il XXI secolo ha avuto inizio il 1° gennaio 2001.



Argomenti Correlati

Foto Gratis Vari Temi per Sfondi

Indice Scienze
Astronomia Telescopi Universo
Astronomia
Fisica
Fisica

 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it