logo windoweb


Biografia Robert Redford

Biografia Robert Redford

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb


Charles Robert Redford Jr. attore e regista statunitense, nasce il 18 agosto 1937 a Los Angeles (California), cresce nel quartiere spagnolo nella parte ovest della città e si diploma nel 1955, l'anno della morte di sua madre di cancro, esperienza che accese in lui una grande ribellione.
Robert Redford
Irlandese da parte di padre, rivela un carattere piuttosto litigioso e vivace anche se questo non gli impedisce di essere accettato dall'Università del Colorado per le sue doti di atleta.

Appassionato di pittura, cullando il sogno di diventare pittore, nel 1956 Robert Redford abbandona gli studi per un lungo viaggio in Italia ed in Francia, novello bohemienne, sulle orme dei grandi pittori.

Rendendosi conto delle sue scarse doti di pittore, Redford ritorna in America, un anno dopo, deluso, beve come una spugna, ma fortunatamente si innamora di Lola Van Wagenen che ha una buona influenza su di lui e lo spinge a riprendere gli studi, prima scenografia al "Pratt Institute of Art" e poi recitazione all' Accademia Americana di Arti Drammatiche di New York.

Nel settembre del 1958, Redford sposa Lola, dalla quale avrà quattro figli ed una vita equilibrata e felice per quasi trent'anni, ma anche la traumatica esperienza della morte del primo figlio di pochi mesi.

Robert Redford debutta a Broadway nel 1959 e l'anno dopo inizia a lavorare in TV, nella serie "Playhouse 90", in "Perry Mason", "Alfred Hitchcock presenta" e "Ai confini della realtà", piccole parti in realtà finchè tra il 1961 e il 1962, ottiene il suo primo ruolo da protagonista nello spettacolo teatrale "Sunday in New York".

Il suo talento gli porta il successo della commedia "A piedi nudi nel parco" e sarà la versione cinematografica di questo divertente spettacolo che, nel 1967, che lo farà diventare una vera e propria star cinematografica.
Biografia Robert Redford
Negli anni successivi recita in vari film che lovedono lavorare a fianco di affermate stelle di Hollywood, come "Butch Cassidy"con Paul Newman.

Altri film di successo furono "La pietra che scotta", "Come eravamo" , "La stangata" (1974), che ottenne 5 premi Oscar eRedford la sua prima nomination come attore protagonista.

Nel 1976 Rober Redford recitò in "Tutti gli uomini del presidente" con Dustin Hoffman,film con sei nomination agli Oscar ed un grandissimo successo di pubblico.

Con il film "Gente comune" nel 1981, Redford vince finalmente l'Oscar, ma come registaAltro film di grande successo, nel quale Robert Redford è ammirato protagonista è "La mia Africa", vincitore di ben 7 Oscar, incluso quello per il miglior film, sempre di Pollack, con Meryl Streep, girato nel 1985, anno in cui si separa da Lola.

Per gestire al meglio la sua vena artistica Redford crea una sua Casa di Produzione, la Wildwood Enterprises, il cui primo film prodotto fu "Gli spericolati" (1969), di Michael Ritchie.

Nel 1980 l'attore fonda il "Sundance Institute" per aspiranti registi e l'appuntamento annuale con il suo Festival è diventato uno dei più importanti per la gente del cinema.

L'amore per la natura che ha sempre accompagnato Redford lo ha spinto a dirigere "Milagro", un film bucolico e fantastico, un inno alla vita rustica, che però non ebbe un successo significativo.
Biografia Robert Redford
Nel 1992 dirige "In mezzo scorre il fiume", che tratta del dialogo tra genitori e figli, un tema ricorrente nella sua vita, seguito poi da "Quiz Show", che ottenne buone critiche e la sua seconda nomination agli Oscar come miglior regista, ma uno scarso successo d'incasso.

Nel 1996 grande successo ha il film sentimentale "Qualcosa di personale" con Michelle Pfeiffer e poi è la volta di "L'uomo che sussurrava ai cavalli", basato sul romanzo di Nicholas Evans, dove il ruolo di protagonista sensibile ed introverso sembra scritto proprio per lui.

Nonostante gli anni passino anche per lui e girare un film diventi sempre più pesante, Robert Redford in questi ultimi anni ha continuato a lavorare in film di ottimo livello come "La leggenda di Bagger Vance"con Jack Lemmon, dove è regista, "Spy game" con Brad Pitt, "Il Castello", "In Ostaggio" e "Il vento del Perdono" con Jennifer Lopez del 2005.

Redford sempre come regista in Leoni per agnelli (2007) con la Streep e Tom Cruise.

Nel 2011 torna dirigendo un altro film sulla storia d'America e i suoi tradimenti, senza effetti speciali, ma con bravissimi attori e un'intensità straordinaria: The Conspirator e l'anno successivo presenta in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia The Company You Keep, da lui diretto e interpretato.

Nel 2013 è inoltre unico protagonista alla deriva nel film di J.C. Chandor ambientato in mare aperto dal titolo All is Lost.

Oggi più che mai, Robert Redford ha letteralmente aperto una strada per tutti quegli attori e autori indipendenti che non vogliono stare sotto le rigide schermaglie di Hollywood e del suo Star System imperante. Non esistono più gli attori ingenui di una volta che facevano tutto quello che gli Studios comandavano e non si nascondevano di fronte a niente - neppure di fronte a tutti quegli orribili ruoli stereotipati -.
Biografia Robert Redford
Oggi, anche grazie a Redford, un'infinità di attori statunitensi sanno che, anche con dei piccoli film fuori circuito, riusciranno a suscitare un grande effetto nel cuore del pubblico e allo stesso tempo a rendersi appetibili agli occhi di qualche altro regista. Sfidiamo chiunque ad aprire la strada del cinema-con-contenuto in mezzo a una valanga di pellicole di-puro-divertissement come ha irresistibilmente fatto lui.

Per fortuna tutti quegli eroi che ha interpretato nel grande schermo - dal ragazzo che corre dietro alle gambe di Jane Fonda all'aviatore che lava la testa alla Streep in una dorata Africa, dal baffuto Sundance Kid ai barbuti pistoleri di Sidney Pollack - gli hanno lasciato un impegno immane: non lasciare che giovani menti esili e piccole come quelli degli artisti che si affacciano alla settima arte siano stritolati, spolpati fino al midollo, da un sistema che punta sul denaro e non sulla qualità del prodotto.

Piacevole, convenzionale per alcune idee, schematico, visivamente accurato, bello, religioso, sociale, sportivo e morale. Questo è Robert Redford in una valanga di aggettivi più o meno virili che volano intorno al suo nome.

Impegnato e anticonformista, questo individuo diviso fra regie e recitazione, è considerato attualmente un divo intellettuale ed ecologicamente impegnato. Emblema di un nuovo tipo di uomo che fra il sensibile e il problematico, si impegna visceralmente in un suo percorso esistenziale da anti-star.

film di Robert Redford



Argomenti Correlati
ATTORI BELLI E FAMOSI ITALIANI
Attori Italiani
Attori Stranieri
Attori Stranieri

Spettacolo indice
calendari animali
Indice Calendari
foto Attori Famosi
Foto Attori
Foto Attrici
Foto Attrici

 


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it