logo windoweb


Biografia Stefano Accorsi

Biografia Stefano Accorsi

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb


Stefano Accorsi, nasce a Bologna il 2 Marzo 1971, frequenta il liceo scientifico, terminati gli studi, risponde ad un'inserzione sul giornale dove cercavano volti nuovi per un film.
Biografia Stefano Accorsi
Il film era “Fratelli e sorelle” ed il regista Pupi Avati.

Con questo film, girato in America, Accorsi vince l'Oscar dei giovani come miglior attore esordiente.

Al ritorno in Italia frequenta la scuola del Teatro di Bologna dove si diploma nel 1993, nel frattempo gira "Un Posto" e recita nella Compagnia del Teatro Stabile dell’Arena del Sole della sua città, prendendo parte a spettacoli quali “La Maddalena lasciva e penitente”, “Le donne curiose”, “Sei personaggi in cerca d’autore” e “Gli innamorati al teatro comico”.

Nel 1994 Stefano Accorsi ottiene grande popolarità prestando il proprio volto alla campagna pubblicitaria per Maxibon Motta.

In seguito è la volta del film-tv "Voci notturne" di Fabrizio Laurenti e Pupi Avati, nel 1995 e, nel 1996 recita in “La mia generazione” di Wilma Labate, “Vesna va veloce” di Carlo Mazzacurati ed interpreta Alex, protagonista di "Jack Frusciante è uscito dal gruppo", tratto dal romanzo del bolognese Enrico Brizzi e diretto dall'esordiente regista, altrettanto bolognese, Enza Negroni.

Nel '96 torna a teatro recitando in diversi spettacoli, tra cui "Le donne curiose", "Ista Laus pro nativitate et passione domini", "Fagiolino e Biavati caduti dalle nuvole" e "Naja", quest'ultimo, diretto da Angelo Longoni ed interpretato anche da Enrico Lo Verso, verrà poi tradotto sul grande schermo (1997).

Nel 1997 segue un Seminario Intensivo di Movimento Scenico e di Introduzione alla Bio meccanicaTeatrale, con uno studio di Drammaturgia.

Nell'estate dello stesso anno viene richiamato da Luchetti per fare da protagonista nel suo nuovo film "I piccoli maestri".

incentrato sulla lotta partigiana, tratto dal romanzo di Luigi Meneghello.

Lo stesso anno, il 1998, Accorsi appare nel tv-movie “Più leggero non basta” di Elisabetta Lodoli e nel film che lo impone all’attenzione generale “Radiofreccia” film di esordio dietro la macchina da presa del cantautore Luciano Ligabue che gli fa vincere infatti il David di Donatello per l’attore protagonista.
Biografia Stefano Accorsi
In seguito, Accorsi vince la Grolla d'oro come protagonista nel film "Bandito-Gentiluomo" e prosegue la sua carriera, ormai senza intoppi, interpretando i personaggi più diversi, avvocato, anarchico, giocatore, omosessuale, neolaureato in “Ormai è fatta” (1999) di Enzo Monteleone“Come quando fuori piove” di Mario Monicelli (2000), “L’ultimo bacio” (2001) di Gabriele Muccino con il quale vince il suo secondo David di Donatello, “Le fate ignoranti” (2001) di Ferzan Ozpetek che ottiene il Nastro D'Argento della stampa e rivelando la sua grande versatilità Con"La stanza del figlio" di Nanni Moretti, "Tabloid TV", “Santa Maradona” (2001) di Marco Ponti, Stefano Accorsi riscuote altri consensi e si conferma attore capace ed impegnato.

Nel 2002vince la coppa Volpi, a Venezia,impersonando il poeta Dino Campana in “Un viaggio chiamato amore” di Michele Placido a fianco degli insuperabili Laura Morante e Alessandro Haber.

Per premio Accorsi si regala un anno di "vacanza" che trascorre in Francia per imparare la lingua.

In seguito lo si è visto nel discusso “Ovunque sei” (2004) di Michele Placido e ne “L’amore ritrovato” di Carlo Mazzacurati, trasposizione alquanto manierata del romanzo “Una relazione” di Carlo Cassola e, nel 2005, Accorsi si è impegnato per la regia di Stefano Mordini in "Provincia Meccanica" ed in "Romanzo Criminale" ancora di Michele Placido.

Nel 2006 esce in Francia il film Tutta colpa di Fidel (La Faute a Fidel), tratto dall'omonimo romanzo di Domitilla Calamai e diretto da Julie Gavras che ottiene grande successo anche negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, pur non essendo ancora uscito in Italia, come del resto La jeune fille et le loups (2008) di Gilles Legrand, in cui tra l'altro recita per la prima volta accanto alla compagna Laetitia Casta.
Biografia Stefano Accorsi
Nel 2007 Sergio Accorsi è protagonista in "Saturno contro" a fianco della brava cantante Ambra Angelini,Isabella Ferrari e Margherita Buy.

Nel 2008 torna a recitare in teatro interpretando il ruolo di un prete accusato di pedofilia, nel dramma, Premio Pulitzer, Il dubbio, per la regia di Sergio Castellitto.

Durante il Festival di Sanremo 2009, nella serata di mercoledì 18 febbraio, ricorrenza del compleanno del cantautore genovese Fabrizio De André, ha cantato insieme alla P.F.M. e a un altro attore, Claudio Santamaria, la celebre canzone Bocca di Rosa, mostrando buone doti canore.

Nel 2010 è protagonista di Baciami ancora, sequel de L'ultimo bacio, diretto ancora da Gabriele Muccino.

Nel 2011 è protagonista insieme a Pierfrancesco Favino nel film commedia La vita facile diretto dal regista Lucio Pellegrini e recita nel film Ruggine.

Nel 2012 torna in teatro con Furioso Orlando, una rilettura dell'Orlando Furioso con la regia di Marco Baliani.

e interpreta il ruolo del magistrato Esposito nella fiction di successo in otto puntate andata in onda a gennaio 2013 su Canale 5, Il clan dei camorristi.

film di Stefano Accorsi



Argomenti Correlati
ATTORI BELLI E FAMOSI ITALIANI
Attori Italiani
Attori Stranieri
Attori Stranieri

Spettacolo indice
calendari animali
Indice Calendari
foto Attori Famosi
Foto Attori
Foto Attrici
Foto Attrici

 


 


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it