Biografia Joey Dunlop


logo windoweb


Biografia Joey Dunlop
"The King of the Road"

OFFERTE AMAZON

Motociclismo Sport vari Sport indice








Joey Dunlop è da considerarsi il più grande pilota di motociclismo di tutti i tempi.

La sua disciplina erano le corse su strada ed in particolare il Tourist Trophy che si svolge ogni anno sull'Isola di Man dove vinse 26 volte e conquistò cinque titoli mondiali consecutivi nella classe F1 (la classe 1000cc).

La storia di Joey Dunlop è la storia di un grande uomo oltre che di un incredibile motociclista.

William Joseph "Joey" Dunlop nasce il 25 Febbraio del 1952 a Ballymoney, cittadina nel Distretto di Antrim in Irlanda del Nord.

Nel 1969 Dunlop debutta nelle corse a 17 anni sul circuito di Lurghan Park in sella ad una piccola Triumph Tiger Cub di 199 cc classificandosi al 4° posto.

Grazie al lavoro di "lava motori" nell’officina dove lavora il Padre e ad altri lavoretti, Joey raccoglie i soldi necessari per schierarsi al via della sua seconda gara su circuito stradale la Carrowdore 100, dopo una lunga battaglia con avversari in sella a velocissime Bultaco, con la sua Triumph Tiger si classifica al 2° posto.
Joey Dunlop
Joey Dunlop La stagione del 1970 lo vede in sella alla stessa moto mentre nel 1971, passa in sella alla Suzuki rimanendo sempre nella popolare ed economica ma assolutamente agguerr ITA classe 200.

Debutta a Kirkistown nel weekend di Pasqua ottenendo un 4° posto e nella gara seguente, in Aprile, a Bishopcourt Joey coglie il 7° posto.

In questa gara il vincitore è un giovanotto dal nome di Barry Sheene e al 6° posto si classifica David Wood che, negli anni successivi, avrà una parte assolutamente determinante per la carriera di Joey Dunlop essendo stato il suo Manager per moltissimi anni.

Alla Tandragee 100 Joey Dunlop si classifica secondo dopo una mattinata passata a sostituire il motore sbiellato dalla benzina, che trafilata dal carburatore attraverso i condotti di aspirazione fino alla coppa olio, mescolata con il lubrificante provocò serissimi danni quando accesero il motore per il Warm up e solo grazie all’aiuto del padre Willie, dell’Amico Mervyn Robinson – che diventerà poi suo Cognato – e del giornalista corridore Ray Knight che si prodigarono moltissimo, Joey Dunlop prese il via della gara.
Nel 1972 Dunlop lavora come meccanico e come fattorino nell’impresa di trasporti di Danny Mc Cook che decide di aiutarlo affidandogli una Aermacchi 350 da affiancare alla sua Suzuki, purtroppo questa monocilindrica ITAliana a quell’epoca non era competitiva al confronto con le agili e velocissime bicilindriche a due tempi della Yamaha.

Al debutto alla Tandragee 100 si classifica 6° dietro a Terry Mateer, Tom Terron e Gordon Bell su Yamaha, John Mc Hardle su Aermacchi e Drew Alexander in sella ad un'altra Yamaha.

Nel frattempo si consolida sempre più l’amicizia tra Joey Dunlop e Mervyn Robinson, già esperto in quanto corridore da diversi anni che diventa il maestro di Joey, ma che però Dunlop non es ITA a batterlo in gara.

Il debutto alla Nort West 200 è difficoltoso a causa di problemi meccanici infatti al via rompe la catena di trasmissione e a Maghaberry cade rompendosi la clavicola.

Dopo tre settimane, si presenta al via della Mid Anrtim 150 e ottiene un 7° posto.
Joey Dunlop
Joey Dunlop Nella stagione 1973 sulla Aermacchi Joey Dunlop può puntare solamente ad essere il primo delle monocilindriche a quattro tempi ma, quando se ne presenta l’occasione, non si lascia sfuggire il podio.

Sull’Isola di Man al Circuito di Jurby (una base aerea della RAF in disuso dove è ricavato un piccolo Autodromo) ottiene un secondo e due terzi posti.

Nel 1974 con l’aiuto di Danny Mc Cook trova una Yamaha 350 raffreddata ad aria, vince a Maghaberry e colleziona moltissimi brillanti piazzamenti utilizzando un telaio costruito dall’ex Sidecarista Colin Seeley, molto più adatto rispetto a quello di serie.

Joey Dunlop viene notata dai Fratelli Rea titolari di una Scuderia, e decidono di aiutarlo affidandogli delle moto competitive come una Yamaha 500 raffreddata ad acqua e una Yamaha OW 31 B 750 cc.
La stagione 1975 parte con una serie di ritiri alla NW 200 e alla Cookstown 100 a causa di noie meccaniche ma non si scoraggia e colleziona due brillanti vittorie al debutto della "King of Kirkistown" e a Mondello Park che vanno a sommarsi alla vittoria, con record sul giro, nella Temple 100 al doppio successo ad Agadowey nella 350 e nella 500 e alla Mid Antrim.

Il 1975 si chiude con la soddisfazione del Pilota e degli Sponsors che gli rinnovano la loro fiducia anche per la stagione successiva che lo vede debuttare al Tourist Trophy dell’Isola di Man.

Nasce "Armoy Armada", un gruppo di supporters cheassisteranno i Piloti di Armoy: Joey Dunlop, Mervyn Robinson, Frank Kennedy e Jim Dunlop.
Joey Dunlop Mervyn "Robo" Robinson, pilota dalle eccezionali qualità al quale si deve gran parte del rinnovato interesse verso le Road Races in Irlanda alla fine degli anni 60 e fu colui che più contribuì a far debuttare Joey che poi divenne suo cognato.

Durante la sua carriera colleziona molte vittorie importanti ma trovò la morte alla NW 200 del 1980.

Questo tragico evento scosse tutta la famiglia tanto che Joey med ITA seriamente di ritirarsi dalle corse, ma alla fine decide di non smettere anche in memoria del cognato che avrebbe sicuramente voluto che egli continuasse e Joey Dunlop gli dedica la sua prima vittoria nella gara successiva a Cookstown.
Frank Kennedy, pilota estremamente versatile vincente sia sui tracciati stradali che sui circuiti permanenti dove colleziona nel 1974 il titolo di Campione della classe 500.

Durante la sua breve ma intensa carriera ebbe parecchi incidenti e trovò anch’egli il destino fatale alla NW 200 del 1979.

Jim Dunlop, di lui suo fratello Joey Dunlop diceva "Se non fosse stato per quel grave incidente che gli stroncò la carriera, Jim sarebbe stato di gran lunga il migliore di tutti noi !!".

La breve carriera di Jim fu costellata di brillanti piazzamenti e trovò molti sponsors disposti ad aiutare questo promettente giovane pilota ma, anche con lui, il destino non fu certamente benevolo.
Joey Dunlop
Joey Dunlop Per il suo debutto al TT Joey non sceglie certamente l’anno migliore, lascia l’Irlanda la domenica sera dopo aver corso la Cookstown 100 e arriva sull’Isola di Man a bordo di un peschereccio, che usava sempre in alternativa ai traghetti della Isle of Man Steam Packet Company, e questo inusuale mezzo di trasporto gli riservò anche una brutta sorpresa ed un grande spavento.

Difatti nel 1985 a causa del mare in tempesta naufragano nella notte assieme alle loro moto e i ricambi e vennero salvati solamente grazie al tempestivo intervento dei mezzi di soccorso.

Quando giunge sull’Isola di Man trova delle condizioni meteo pessime che causano molti r ITArdi e cancellazioni di alcuni turni di prove, inoltre molti piloti arrivarono in r ITArdo a causa della difficoltà dovute al mare in tempesta.

Di quel primo turno di prove il Lunedì mattino Joey conserva un pessimo ricordo: "Non sapevo assolutamente da che parte dovessi andare" disse "All’incrocio di Ballacraine mi fermai per aspettare qualche pilota e quando arrivò lo seguii fino a che non scomparve nuovamente, rallentai e ne aspettai degli altri fino a che terminò il mio primo terrificante giro del Mountain TT Course e devo ringraziare molto il mio Amico Tom Herron per avermi dato molti preziosissimi consigli per imparare il TT ".
Iscritto nelle classi Lightweight 250; Junior 350; Senior 500 e Classic 750 disputa la sua prima gara, la Junior 350 con il numero di gara 65 e termina al 16° posto ottenendo comunque il suo giro veloce in 22’.08" a oltre 102 mph di media più che ottima per un Newcomer (Debuttante).

La prima vittoria non tarda ad arrivare nel 1977, Joey Dunlop ottiene il gradino più alto del podio nella classe Jubilee Classic TT in sella ad una Yamaha OW 31 B con telaio Seeley sotto i colori del Team Rea Racing.

Da quella prima vittoria si crea un legame assoluto tra Joey ed il TT nel quale il pilota rimane affascinato da questa corsa per l’atmosfera, per le difficoltà di questo lungo e tortuoso tracciato cittadino e per la grandissima competitività di uomini e mezzi schierati al via.

Questo legame produce ben 26 Vittorie dal 1977 al 2000.

Joey Dunlop
Joey Dunlop Record assoluto che gli valse il titolo di "King of the Road" assieme ad altri innumerevoli successi nelle Road Races e di tutte queste edizioni del TT non partecipa solamente all’edizione del 1989 a causa dei postumi dell’incidente occorsogli ad inizio stagione a Brands Hatch in cui perde un dito della mano e resta fermo un anno, ma conserva in particolare alcuni bellissimi ricordi quali la vittoria nella Classic TT del 1980 ottenuta anche per l’astuzia di aver montato il serbatoio da 32 litri – come prescritto da regolamento – che gli permise di effettuare solamente due soste anziché tre come i suoi avversari.

La prima vittoria nella categoria più prestigiosala TT F1nel 1983.

La vittoria della Ultra Lightweight 125 nel 1992 che gli permise di eguagliare il record assoluto di 14 vittorie appartenuto al grande Mike "The Bike" Hailwood e sicuramente le ultime tre vittorie del 2000 con la F1, la Lightweight 250 e la Ultra Lightweigt 125.
Oltre ai 26 successi al TT Joey Dunlop si laurea Campione del Mondo della classe F1 ininterrottamente dal 1982 al 1986 e ottiene innumerevoli successi nelle prestigiose Road Races tra le quali spiccano 24 vittorie all’Ulster GP e 13 vittorie alla NW 200.

Di Joey emerge anche un insolito lato famigliare con Linda, sua Moglie, e i Figli Julie, Donna, Garry, Richard e Joanne.

Dunlop ama moltissimo la Sua famiglia, alla quale è molto legato, e che lo aiuta nella conduzione del Pub del dopolavoro ferroviario all’interno della stazione di Ballymoney, il Joey’s Bar.

Alle luci della ribalta e della popolarità preferisce senz’altro le luci fioche delle lampade all’interno del suo garage dove, appena possibile, si rifugia per intervenire personalmente sulle Sue moto.

Joey Dunlop appare timido e schivo, ma in realtà è tutto il contrario.
Joey Dunlop
Joey Dunlop A tale proposito Colin Peters, grandissimo tecnico per moltissimi anni in forze al Team Honda Br ITAin con incarichi vari fino a divenire il responsabile delle moto di Nick Jefferies, che in un occasione ebbe l’onore di fargli da meccanico.

Colin rimase stupito dal fatto che Joey quando rientrava ai box dai turni di prova con le varie moto si toglieva il casco e i guanti e iniziava a intervenire personalmente sul setup delle sue moto, incuriosito e forse anche un pochino indispettito da questa "esclusione" Colin chiese il motivo di questo comportamento del suo pilota ad un altro meccanico e la risposta fu: "Non ti preoccupare Colin, Joey ti conosce e si fida assolutamente delle tue qualità professionali ma non osa chiederti nulla per paura di disturbarti !"
Joey Dunlop è stato anche insignito di vari riconoscimenti tra i quali il Member of the British Empire MBE per meriti sportivi e l’Order of the British Empire OBE per le sue missioni spontanee in Bosnia, Albania e Romania per portare degli aiuti alle popolazioni bisognose colpite da tragici eventi a conferma del grandissimo Cuore di questo valoroso Cavaliere.

Come dicevamo, questo piccolo grande uomo è entrato nelle leggenda del motociclismo sportivo specialmente del TT diventandone l’uomo simbolo e il riferimento per intere generazioni di piloti.

Il compianto David Jefferies disse di aver imparato più segreti del TT facendo un giro al seguito di Dunlop che in tre anni di corse.

Spesso con il furgone che utilizzava per raggiungere i campi di gara distribuiva cibo e vestiti oltre che in Romania anche in Bosnia.

Dunlop svolgeva questa sua opera in silenzio, coerentemente al suo carattere schivo.
Joey Dunlop
Joey Dunlop L’Isola di Man gli rese onore con una targa ricordo situata nella zona della partenza.

Gli intitola il 26° miglio del Mountain Corse in onore delle 26 vittorie su quel magico tracciato e in collaborazione con la Arai Europe pose, nei pressi del Museo Murray di Bungalow, una statua in bronzo a grandezza naturale raffigurante Joey in sella alla Sua Honda VTR 1000 SPW.

Questa statua è orientata verso Ballymoney dove ne è stata posta un'altra uguale a testimonianza di un simbolico gemellaggio tra le due località.
Dunlop muore in una gara su strada che si svolgeva a Tallinn, Estonia.

In quel momento era al comando della gara delle 125 cc dopo avere vinto nelle classi 600 cc e 750 cc.

Sembra che abbia perso il controllo della sua moto a causa del manto stradale bagnato e la morte, istantanea, sia avvenuta a causa dell'urto contro gli alberi.

Come segno di rispetto poche ore dopo questo luttuoso evento anche il sito del governo estone venne sostituito con un omaggio a Dunlop.

La televisione dell'Irlanda del Nord trasmise in diretta le esequie alle quali parteciparono numerosissime persone e per l’occasione in Irlanda del Nord fu dichiarato un giorno di pace nazionale e questo fu il primo, e finora unico, giorno di pace nazionale in un secolo di conflitti.

La sua città natale gli ha dedicato un parco.
Joey Dunlop
Joey Dunlop 1977 Jubilee Classic
1980 Classic
1983 TT Formula 1
1984 TT Formula 1
1985 TT Formula 1
1985 Senior
1985 Junior
1986 TT Formula 1
1987 TT Formula 1
1987 Senior
1988 TT Formula 1
1988 Senior
1988 Junior
1992 125 cc
1993 125 cc
1994 Junior
1994 125 cc
1995 Lightweight (250 cc)
1995 Senior
1996 Lightweight
1996 125 cc
1997 Lightweight
1998 Lightweight
2000 TT Formula 1
2000 Lightweight (250 cc)
2000 Ultralightweight (125 cc)

26 vittorie al Tourist Trophy
13 vittorie alla North West 200
24 vittorie all'Ulster Grand Prix
162 vittorie in altre gare su strada


ti consiglia:
Sito ufficiale


Clicca qui per vedere tutti i titoli di libri e DVD su motoLibri acquistabili su moto

CLICCA QUI ... PER CONSULTARE LA MAPPA SATELLITARE DEL GLOBO DI GOOGLE
Clicca qui per vedere tutte le Foto Sport gratis per sfondi desktop di windoweb

Libri sul motociclismo

Clicca qui per vedere tutti i titoli di libri e DVD sul motociclismoLibri acquistabili sul motociclismo

Libri DVD e giochi riguardanti il Motociclismo vedi anche l'indice delle moto

DVD sulle moto

100 momenti d'oro del Tourist Troph DVD I 100 momenti d'oro del Tourist Trophy
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
Tourist Trophy 2006. Isola di Man DVD Tourist Trophy 2006. Isola di Man
Cinehollywood,2006
€ 19,90
Tourist Trophy 2007 DVD Tourist Trophy 2007
Cinehollywood,2007
€ 15,92(Prezzo di listino € 19,90Risparmio € 3,98)
TT. Tourist Trophy on Bike 2 DVD TT. Tourist Trophy on Bike 2
Cinehollywood,2005
€ 14,90
Tourist Trophy. Il film DVD Tourist Trophy. Il film
Cinehollywood,2005
Regia di Andy Stickland
€ 14,90
storia del Tourist Trophy Isola di DVD La storia del Tourist Trophy Isola di Man.
Cinehollywood,2003
€ 14,90
Guida al Tourist Trophy DVD Guida al Tourist Trophy
Cinehollywood,2005
€ 12,90(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,00)
DVD Superbike tribute Dvd (10). Le moto che hanno fatto epoca
RCS Quotidiani - Allegato Gazzetta dello Sport,2007
€ 10,99
Superbike tribute Dvd¦05§Superbike, DVD Superbike tribute Dvd (5). Superbike, il pianeta delle moto
RCS Quotidiani - Allegato Gazzetta dello Sport,2007
€ 10,99
Moto Kids. Un'estate a tutto gas DVD Moto Kids. Un'estate a tutto gas
(Motocross Kids)
Self Distribuzione,2006
Regia di Richard Gabai
Principali interpreti: Lorenzo Lamas; Bobby Preston; Alana Austin...
€ 11,50
Moto Guzzi e le moto Italiane da GP DVD Moto Guzzi e le moto Italiane da GP
Cinehollywood,2006
€ 14,90
DVD Mondiale Cross 2007. Classe MX2
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
DVD Mondiale Cross 2007. Classe MX1
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
Mondiale Cross 2006. Classe MX2 DVD Mondiale Cross 2006. Classe MX2
Cinehollywood,2006
€ 14,90
Mondiale Cross 2006. Classe MX1 DVD Mondiale Cross 2006. Classe MX1
Cinehollywood,2006
€ 14,90
storia della Parigi Dakar DVD La storia della Parigi Dakar
Cinehollywood,2003
€ 14,90
Dakar 2007 DVD Dakar 2007
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
Hell's Gate. Enduro estremo DVD Hell's Gate. Enduro estremo
Cinehollywood,2007
€ 11,92
Mondiale Trial 2006 DVD Mondiale Trial 2006
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
Enduro School. Mud & Snow. Outdoor DVD Enduro School. Mud & Snow. Outdoor Skin
Eagle Pictures,2006
€ 13,43
DVD Mondiale Enduro 2007
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
Sei giorni di Enduro 2006 DVD Sei giorni di Enduro 2006
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
Mondiale Enduro 2006 DVD Mondiale Enduro 2006
Cinehollywood,2007
€ 11,92(Prezzo di listino € 14,90Risparmio € 2,98)
DVD IMAX. Super Speedway
(Super Speedway)
Warner Music ITAly,2007
Regia di Stephen Low
€ 19,12(Prezzo di listino € 23,90Risparmio € 4,78)
A scuola di Enduro DVD A scuola di Enduro
(A scuola di enduro con Mario Rinaldi e Stefano Passeri)
Cinehollywood,2005
€ 14,90
Indian. La grande sfida DVD Indian. La grande sfida
(The World's Fastest Indian)
01 Distribution,2006
Regia di Roger Donaldson
Principali interpreti: Anthony Hopkins; Saginaw Grant; Diane Ladd... € 23,90
DVD A tutto gas
(Speedway)
Warner Home Video,2004
Regia di Norman Taurog
Principali interpreti: Elvis Presley; Nancy Sinatra; Bill Bixby...€ 14,93

GAME: Giochi sulle moto

GAME SBK 07 - Superbike World Championship
Black Bean
PlayStation2
€ 26,91(Prezzo di listino € 29,90Risparmio € 2,99)
GAME Moto GP 07
Capcom
PlayStation2
€ 48,59(Prezzo di listino € 53,99Risparmio € 5,40)
GAME Moto GP '06
THQ
Xbox 360
€ 79,99
GAME Moto GP Ultimate Racing Technology 3
THQ
Personal Computer
€ 26,99
GAME Moto GP Ultimate Racing Technology 3
THQ
Xbox
€ 10,99
GAME Moto GP: Ultimate Racing Technology & GT Advance
THQ
Gameboy Advance
€ 34,90
Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare