Moto Yamaha YZF R1 2007


logo windoweb


Moto Yamaha YZF R1 2007

Scheda tecnica YZF R1 2007

OFFERTE AMAZON

Motociclismo Sport vari Sport indice








Yamaha YZF R1 bianca Yamaha YZF R1 nero Yamaha YZF R1 blu La Yamaha YZF R1 è una leggenda nel mondo delle supersportive, unanimemente riconosciuto come riferimento divenuto icona del motociclismo, è la moto che esprime la propria potenza al vertice del campionato SBK; una sportiva senza compromessi progettata per essere la più efficace in pista.

Il prezzo della Yamaha YZF R1 è di 14.000 euro.

La nuova R1 di quinta generazione è spinta dal motore più potente e tecnologicamente innovativo mai adottato da un modello di serie Yamaha.

Il motore a 4 tempi e 4 cilindri in linea della Yamaha R1 è raffreddato a liquido, ha alesaggio e corsa di 77 x 53,6mm, come sul modello 2006, ma le analogie finiscono qui.

Sulla nuova R1 sono state adottate nuove e sofisticate tecnologie, applicate secondo i principi del concetto G.E.N.I.C.H..

L’obiettivo principale di questo programma è lo sviluppo di tecnologie di controllo uniche, per offrire prestazioni di livello superiore e nello stesso tempo per rendere ancora più diretta ed efficace l’interazione tra il pilota e la sua YZF R1.

Nuova più dentro che fuori la R1 2007, anche se in realtà anche il vestito è completamente cambiato, la carena rastrematissima è evidentemente ispirata a quella della Yamaha R6 è stata completamente ridisegnata, ponendo particolare attenzione agli sfoghi d’aria calda .

Anche il cupolino è stato rialzato di 10 mm per aumentare la protezione, mentre le bocche dell’airbox si allargano del 40% per portare più aria fresca al motore della Yamaha R1.
L’ultima e più rivoluzionaria espressione del concetto G.E.N.I.C.H. è YCC-I (Yamaha Chip Controlled Intake), adottato per la prima volta sulla Yamaha YZF R1 versione 2007, il primo sistema di aspirazione variabile servo assistito a controllo elettronico mai impiegato su una moto di serie.

Da oltre cinquant’anni Yamaha è in prima linea nello sviluppo di nuove e sofisticate tecnologie per le moto, e il nuovo YCC-I rappresenta uno dei risultati più significativi nella realizzazione di dispositivi per il controllo elettronico per motori di modelli supersportivi.

La lunghezza del condotto di aspirazione in una moto è studiata per assicurare la massima efficienza volumetrica nell’arco di erogazione più usato da un determinato motore.

In generale, un condotto di aspirazione più lungo tende a migliorare le prestazioni ai bassi e medi regimi, mentre un condotto di aspirazione più corto è più adatto ai motori con regimi di rotazione elevati.

YCC-I impiega condotti di aspirazione a lunghezza variabile controllati elettronicamente, un sistema adottato per la prima volta nella storia delle due ruote sulla YZF R1.

La sua configurazione prevede quattro leggeri condotti, ognuno diviso in due sezioni che collegate tra loro, formano un condotto lungo 140mm.

Quando il motore della Yamaha R1 raggiunge uno specifico regime di rotazione, e l’apertura della valvola a farfalla supera un certo limite, le due sezioni dei condotti di aspirazione si separano, creando così condotti più corti, di soli 65mm.

La separazione dei quattro condotti d’aspirazione è simultanea, e viene gest ITA da un servomotore a controllo elettronico.
dischi Yamaha YZF R1 cupolino fari Yamaha YZF R1 cruscotto display Yamaha YZF R1
terminale di scarico codino Yamaha YZF R1 La YZF monta un telaio ridisegnato abbinato ad un nuovo forcellone.

Con il nuovo telaio cambia anche la distribuzione dei pesi, con le masse più centralizzate a tutto vantaggio delle caratteristiche di guida della Yamaha R1.

Il telaio è stato realizzato con un nuovo procedimento volto ad assicurare la massima rigidità riducendo contemporaneamente il peso dei componenti, mentre il forcellone è più lungo del precedente per favorire la trazione ed è infulcrato un po' più in alto rispetto alla Yamaha YZF R1 2006.

Quasi in sordina, le cinque valvole per cilindro, bandiera tecnologica degli anni 80/90 se ne vanno.

Il nuovo 4 cilindri della Yamaha utilizza una testata completamente ridisegnata, con "sole" 4 valvole (31 mm aspirazione in t ITAnio, 25 mm scarico) rientrando così nei ranghi dopo anni di "diversità".

Le molle valvole utilizzano una speciale lega chiamata VX e adatta a lavorare in condizioni critiche.
Il tutto è gestito dal classico cervellone che utilizza tre CPU per laR1, in grado di monitorare i dati al ritmo di una volta al millesimo di secondo.

La centralina utilizza due mappature differenti una per le marce basse per offrire più controllo dell’accelerazione e una per le marce alte per avere la massima potenza disponibile.

Con questo sistema, oltre che con l’adozione delle quattro valvole, Yamaha andrebbe quindi alla ricerca di quella coppia ai medi regimi che è sempre stato un po’ il punto debole del suo motore.

Tutto questo accordato anche ad uno scarico completamente ridisegnato nell’andamento dei collettori e nelle dimensioni dei silenziatori.

La YamahaYZF R1 ha raggiunto la Euro 3 senza dover ricorrere a scarichi ciclopici, il grosso catalizzatore è stato piazzato nel tratto verticale, a fianco del forcellone in una zona tutto sommato lontana da possibili fastidi al pilota.

Il motore mantiene comunque l’architettura del precedenteYZF R1 (anche alesaggio e corsa sono gli stessi), con le valvole inclinate tra loro di 24° ma è stato rivisto negli organi interni, ha ricevuto un aumento del rapporto di compressione (ora 12,7:1) e la frizione antisaltellamento, l’anno scorso appannaggio della sola versione SP.

Il nuovo quattro cilindri Yamaha R1 è accred ITAto di 180 cv a 12.500 giri senza l’aiuto dell’airbox in pressione (189 con airbox in pressione).

La potenza quindi sale di 5 cv rispetto al precedente modello, nonostante l’omologazione Euro3.

Le vere novità della YZF R1 arrivano dalle sospensioni con il mono che vanta la doppia regolazione idraulica alte/basse velocità in compressione ed ha un nuovo link che modifica la progressione a vantaggio di una migliore trazione.

La forcella cambia il diametro dei pompanti ed ha steli alleggeriti per ridurre le masse non sospese, entrambe le unità utilizzano nuove molle più rigide per aumentare il controllo nella guida sportiva della R1.

Cambiano anche i freni e tornano le pinze a sei pistoncini (e quattro pastiglie), quelle della R1 hanno dimensioni esagerate e naturalmente hanno l’attacco radiale come vogliono le tendenze, diminuisce il diametro dei dischi (da 320 a 310 mm) così che dovrebbe risentirne positivamente la maneggevolezza.
telaio Yamaha YZF R1
catena pedalina Yamaha YZF R1
ruota posteriore Yamaha YZF R1
sella codino Yamaha YZF R1
Yamaha YZF R1

Yamaha YZF R1 motore Yamaha YZF R1
Prestazioni e
Caratteristiche Tecniche
Yamaha YZF R1

Modello YZF R6
Tipo 4 cilindri in linea inclinati in avanti, 4 tempi
Raffreddamento A liquido
Cilindrata 998 cc
Alesaggio x corsa 77,0 x 53,6 mm
Rapporto di compressione 12,7:1
Potenza massima Con airbox in pressione: 139 kW (189 Cv) a 12.500 g/min. / Senza airbox in pressione : 132,4 kW (180 Cv) a 12.500 g/min
Coppia massima Con airbox in pressione: 118,3 Nm (12,1 kg-m) a 10.000 g/min. / Senza airbox in pressione : 112,7 Nm (11,5 kg-m) a 10.000 g/min
Lubrificazione Carter umido
Alimentazione Iniezione elettronica
Frizione In bagno d'olio, a dischi multipli
Accensione TCI
Avviamento Elettrico
Trasmissione Catena
Distribuzione DOHC, 16 valvole
Impianto di scarico Euro 3
Cambio 6 marce, sempre in presa
Riduzione primaria 65/43 (1,512)
Riduzione secondaria 45/17 (2,647)
Capacità serbatoio carburante 18 litri (3,4 riserva)
Quantità olio 3,83 litri
Ciclistica -
Telaio Deltabox in alluminio pressofuso
Sospensione ant. Forcella teleidraulica, 43 mm
Escursione ant. (mm) 120 mm
Sospensione post. Forcellone oscillante (leveraggi progressivi)
Escursione post. (mm) 130 mm
Freno ant. Doppio disco, 310 mm
Freno post. Disco singolo, 220 mm
Pneumatico ant. 120/70 ZR17MC (58W)
Pneumatico post. 190/50 ZR17MC (73W)
Lunghezza 2.060 mm
Larghezza 720 mm
Altezza 1.110 mm
Altezza sella 835 mm
Interasse 1.415 mm
Distanza minima dal suolo 135 mm
Peso a secco 177 kg
Prezzo 14.000 euro.


CLICCA QUI ... PER CONSULTARE LA MAPPA SATELLITARE DEL GLOBO DI GOOGLE
Clicca qui per vedere tutte le Foto Sport gratis per sfondi desktop di windoweb

Libri sulle Yamaha

Clicca qui per vedere tutti i titoli di libri e DVD sulle YamahaLibri acquistabili sulle Yamaha
Star bene in moto
Boschetti Gianfranco, Edisport Editoriale
€ 14,98
La moto: guida sportiva
Marchini Guido, De Vecchi
€ 12,91
Storia della moto Storia della moto
Mondadori
€ 23,20(Prezzo di copertina € 29,00Sconto 20%)
L'enciclopedia imbecille della moto
Bidault Michel; Debarre Christian, Edizioni Di
€ 15,00
Mi faccio la moto
Solarino Carmelo, Gremese Editore
€ 9,95
Superbikes. Le moto più straordin Superbikes. Le moto più straordinarie di tutti i tempi
Dowds Alan, L'Airone Editrice Roma
€ 15,00
grande libro delle moto giapponesi anni Il grande libro delle moto giapponesi anni Ottanta
Sarti Giorgio, Nada
€ 31,20(Prezzo di copertina € 39,00Sconto 20%)
grande libro delle moto Il grande libro delle moto
Heil Carsten, Nada
€ 31,20(Prezzo di copertina € 39,00Sconto 20%)
Yamaha. 50 anni di successi Yamaha. 50 anni di successi
Nada
€ 29,80

Libri DVD e Giochi riguardanti il Motociclismo vedi anche l'indice delle moto

Segnala un sito redazione@windoweb.it
© 1999-2014
Tutti i diritti riservati
Invia le tue foto o i documenti che vuoi pubblicare