logo windoweb
link sponsorizzati


Visitare Palermo

Palermo

Torna alla Home Page enciclopedica di Windoweb

link sponsorizzati
link sponsorizzati
link sponsorizzati
 
Visitare Palermo

Centro Storico di Palermo

Palermo Centro StoricoPalermo, antico luogo di incontro delle diverse culture che si sono susseguite nei secoli, offre ai turisti una grande varietà di monumenti, palazzi, chiese, teatri, musei, mercati e mercatini storici in un ambiente particolare.

Purtroppo proprio la quantità di monumenti e edifici di grande importanza artistica, (nel centro storico ci sono 343 palazzi, 156 chiese ed oratori, 66 tra conventi e monasteri e 63 edifici civili), impedisce una visita approfondita.

Di contro, camminando verso il centro da qualsiasi strada di Palermo, si incontreranno belle chiese, giardini e palazzi notevoli.

Cattedrale dell'Assunta

Palermo Centro StoricoLa Cattedrale dell’Assunta, situata nel quartiere Capo, è il centro del culto più amato dai palermitano, edificato  in età normanna ha subito modifiche e rifacimenti che narrano la storia della città.

Eretta nel 1185 dove sorgeva una chiesa bizantina, trasformata dagli Arabi in Moschea, la Cattedrale si presenta come un maestoso gioiello architettonico in stile Gotico, con porticati pinnacoli e torri mirabilmente decorate.

La Chiesa subì numerose aggiunte e trasformazioni fra il Trecento e il Quattrocento  ma fu nel 1453 che fu aggiunto il bellissimo portico meridionale a tre arcate in stile gotico-catalano.

La Facciata della Cattedrale di Palermo

Palermo Centro StoricoL’imponenza della splendida facciata incorniciata dai due campanili che racchiudono anche l’abside e che costituisce l’avanzo più importante della prima edificazione normanna nell’isola, offre una scenografica presenza nelle sue linee architettoniche.

 La facciata della Cattedrale è delimitata dai due campanili ornati da motivi scultorei di notevole valore che richiamano temi islamici.

Il portale quattrocentesco, riccamente ornato, denuncia nei particolari decorativi l'influenza gotica.

Interno della Cattedrale di Palermo

Palermo Cattedrale Assunta
L'interno della Cattedrale è stata rimaneggiato varie volte ed ora appare in stile neoclassico a croce latina con la cupola nella intersezione dei due bracci.

La navata centrale, che si chiude ad oriente con l'ampio Presbiterio, è divisa dalle navate laterali da un sistema di pilastri ai quali sono addossati le antiche colonne della cattedrale normanna con sculture gigantesche di Santi.

 Nella navata destra ci sono le tombe imperiali e reali di Enrico VI (1197), Federico II (1250), l’imperatrice Costanza (1198) e di Ruggero (1154).

Le navate laterali terminano con le cappelle del Sacramento (navata settentrionale) e di S. Rosalia (navata meridionale).

  Ammirevole è il Ciborio Barocco ed il prezioso Tesoro, posto nella ex sagrestia che comprende oltre la magnifica Tiara in oro e gemme di Costanza d’Aragona una splendida collezione di ori, argenti, gioielli, paramenti sacri, dall’età Normanna al XX secolo.

Cappella Palatina

Palermo - Cappella PalatinaPosta al primo piano del Palazzo dei Normanni, la Cappella Palatina, dedicata a San Pietro Apostolo, venne costruita come cappella privato del Re entro le mura del Palazzo Reale, oggi Palazzo dei Normanni.

Un tempo isolata, la Cappella Palatina è oggi completamente avvolta dalle strutture del palazzo. 

Un’iscrizione sulla base della cupola, 1143, permetta la datazione dei mosaici  che ricoprono tutta la superficie della Cappella con scene di vita di Gesù, della Beata Vergine e di Santi.

Il Cristo Pantocratore circondato da angeli ed arcangeli giganteggia al centro, mentre intorno, nel tamburo e nelle nicchie di raccordo sono raffigurati i Profeti e gli Evangelisti.

 Sull'arco trionfale è raffigurata l'Annunciazione e mentre sull'arco opposto, non visibile dalla navata, si trova la Presentazione.

Palazzo dei Normanni

Palermo Centro Storico
Il Palazzo dei Normanni o Palazzo Reale sorge sui resti dei primi insediamenti punici di Palermo, di cui rimangono tracce visibili nei sotterranei e domina da un'altura la città con la sua facciata cinquecentesca.

Il primo nucleo del Palazzo risale alla dominazione araba chela loro dimora fortificata, utilizzando i resti di una roccaforte prima punica e poi romana.

 I Normanni aggiunsero quattro torri, delle quali solo una è sopravvissuta, collegate tra loro da portici e giardini, e ne fecero la loro Reggia che collegarono alla Cattedrale da un percorso coperto.

Palermo Palazzo dei NormanniAl centro del castello si trova la splendida Aula Regia, riservata ad udienze ed ai  banchetti, la Cappella Palatina uno degli edifici più riccamente decorato dell'isola, gli appartamenti reali decorati fino al soffitto di mosaici raffiguranti animali, piante e fiori.

Con la decadenza della dinastia Sveva, anche il palazzo decadde, fu lasciato in uno stato d'abbandono, ad eccezione della cappella palatina.

A risollevarne le sorti furono nel 1555 i Vicerè spagnoli che ne fecero la loro dimora trasformando completamente il palazzo, innalzando la facciata, demolendo le torri e creando due grandi cortili interni.

Attualmente il palazzo è sede dell'Assemblea Regionale Siciliana.

San Giovanni degli Eremiti

Palermo Centro storicoL'antica Chiesa con monastero oggi sconsacrata, venne fatta costruire da Ruggero II nel 1148 come residenza dell’abate confessore del Re, sopra un preesistente edificio arabo.

San Giovanni degli Eremiti è un edificio rappresentativo dell'architettura araba - normanna di Palermo.

 Composto dalla  Chiesa, dal Chiostro Benedettino e dalla“Sala Araba" a pianta rettangolare, vestigia della moschea preesistente, sorge dentro un bellissimo giardino.

Palermo centro storicoLa chiesa ha una pianta a croce latina, a navata unica, sormontata da due delle cinque cupole rosse visibili all'esterno.

Le altre cupole ricoprono il transetto, di queste, la cupola più alta rispetto alle altre, fa da copertura al particolarissimo campanile.

 Ancora oggi è rimasto il chiostro del monastero a base rettangolare, formato da una successione di colonne gemine con capitelli a foglie d'acanto unite da archi a sesto acuto.





Parco Villa d'Orleans   Palermo Centro StoricoVilla e Parco D'Orleans

Sede della Presidenza della Regione Sicilia, la Villa d'Orleans fu costruito a metà dell'800.

Circondata da un magnifico parco all'italiana, è stato per sessant'anni un giardino zoologico, trasformato poi in parco ornitologico sembra destinato a restare solo un giardino, oasi di tranquillità nel centro cittadino.
 




Teatro PoliteamaPalermo centro storico

Il Teatro inaugurato nel 1874 fu concepito per esaltare la funzione sociale del teatro quale "Teatro del popolo": la sala a ferro di cavallo aveva una capienza di 5.000 posti, una doppia fila di palchi e una galleria suddivisa in due ordini.

Sul boccascena si sviluppa un colonnato esastilo corinzio al cui centro è collocato il busto bronzeo di Giuseppe Garibaldi..


Palermo Centro StoricoL'ingresso della struttura è caratterizzato dall'Arco di Trionfo di ispirazione neoclassica, sormontato da una quadriga con un Apollo in bronzo, rappresentante il "Trionfo di Apollo ed Euterpe" opera di Mario Rutelli, fiancheggiata da una coppia di cavalli  e cavalieri bronzei, modellati da Benedetto Civiletti che rappresentano i "Giochi olimpici".

 Ai lati la facciata si sviluppa in un  corpo semicircolare con i due ordini di colonne doriche e ioniche di colore azzurro e giallo con figure sormontate da un fregio che riproduce i giochi del circo su un fondo in rosso pompeiano.br>
Il termine "Politeama" intende un teatro generico in cui si danno rappresentazioni di vario tipo.

Foro Italico

Palermo Foro Italico
Chiamata anche Passeggiata della Marina, il Foro Italico è una grande area verde che forma uno dei lungomare di Palermo e si estende dalla Cala a Villa Giulia, nel quartiere Kalsa.

Nel XVI secolo venne qui costruita la Strada Colonna, una strada di rappresentanza e al tempo stesso una zona di svago per i palermitani, con terrazze, sbocchi a mare e teatri all’aperto che tra il 1734 e il 1860, sotto il dominio dei Borboni si chiamava Foro Borbonico e, nel ventennio fascista, aveva assunto la denominazione di Foro Italico.

Palermo Centro Storico
Dal dicembre del 2000, dopo lunghi lavori di bonifica e di riqualificazione, rinnovati nel 2003, si presenta come un grande giardino che occupa circa 40.000 m² a manto erboso, con piante mediterranee di vario genere, viali alberati, panchine, sculture in ceramica, un percorso ciclabile, l’illuminazione notturna e un’ampia passeggiata panoramica lungo la costa.
 
Nell'area è stato edificato il Nautoscopio, casa-osservatorio progettata da Giuseppe Amato nel 2009, in grado di alzarsi a 15 metri di altezza e di ruotare di 360° gradi per ammirare il magnifico panorama della città e del mare antistante.

Libri e oggetti con tema Palermo
 
sponsor
sponsor

link sponsorizzati

Argomenti Correlati
Stemma regione Sicilia
Province Sicilia

Foto Sicilia
Foto Italia
Foto Italia

Foto Europa
Foto Europa


 

link sponsorizzati


 

Aree tematiche di Windoweb
Segnala un sito © 1999-2014 Tutti i diritti riservati invia le tue foto : foto@windoweb.it
contattaci :redazione@windoweb.it